L’esperto risponde su…bollo auto

8 commenti  |   stampa  |  pdf

992 (Sdc – apr. 2015) – I nostri esperti rispondono alle domande più frequenti dei consumatori. La domanda di oggi è: ho un’automobile in garage che non uso da qualche mese, ma sta per scadere il bollo: devo pagarlo lo stesso nonostante non la utilizzi?

Si, il bollo è una tassa di proprietà che si deve corrispondere indipendentemente dall’effettiva circolazione su strada del veicolo. In linea generale, questa imposta va versata entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza del precedente pagamento. Dato che ogni Regione può variare la scadenza del bollo, è meglio fare una verifica prima di versare, perché in caso di ritardi bisogna pagare interessi e sanzioni, mentre in caso di anticipo non è facile farsi rimborsare.
L’imposta è di competenza regionale, che incassa l’intero importo, secondo i criteri fissati da una legge nazionale. Il PRA, gestito dall’ACI non è l’esattore, ma solo l’archivio degli avvenuti pagamenti, e le Delegazioni ACI sono appunto sportelli di cassa.
Su internet ci sono parecchie alternative per il calcolo del bollo in base alla targa che possono indicare, in caso di pagamento oltre il termine di scadenza, anche l’importo di sanzioni e interessi da versare.
Sul sito www.aci.it, è possibile calcolare il bollo partendo dalla targa del veicolo, calcolare l’importo dovuto, a seconda della regione di residenza del proprietario, verificarne la scadenza e pagarlo on-line con un supplemento per il servizio BOLLONET pari all’1,2% dell’imposta che si somma a € 1,87 di commissione fissa. Per un’imposta di € 200, il servizio costa quindi € 4,27, cioè il 2,13% dell’imposta, da confrontare con i costi e i disagi delle altre forme di pagamento ammesse.
Il servizio è gratuito per i soci Aci.

Per maggiori informazioni leggi ABC: bollo auto

Autore: Raffaele Caracciolo
Data: 15 aprile 2015

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Stefano Ricci labischi

Salve
Vorrei se possibile una vs opinione se ciò non vi crea disturbo.
Sono un felice possessore di un mb gd240 immatricolato autocarro nel 1980 per trasporto cose non adibito ad uso professionale.
La regione toscana mi ha appena recapitato avviso bonario per pagamento del bollo di due anni fa e sentendo il servizio clienti Aci molto probabilmente arriveranno anche le imposte per i periodi successivi.
Ora, da quanto leggo in riferimento alla attuale normativa, in particolare la legge di stabilità Renzi, sono esenti dalmpagamento tutti i veicoli ultratrentennali, a prescindere che si tratti di auto o autocarri, se non circolanti.
Attendo un vs prezioso consiglio su come procedere.
Grazie in anticipo
Stefano

SALVATORE

salve, mi è arrivato dall’Agenzia delle Entrate una comunicazione di un Bollo AUTO non pagato, scadenza bollo agosto 2013, faccio presente che l’autovewttura è stata rottamata in data 30/09/2013 (ultimo giorno utile per il pagamento del bollo) devo pagare lo stesso il bollo?

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Gentile Salvatore, se la rottamazione è stata eseguito da un centro autorizzato, dovrebbe aver richiesto la radiazione dal PRA per rottamazione, e con ció la vettura esce dal parco circolante e cessano obblighi fiscali.
Il consumatore dovrebbe aver ricevuta della pratica di radiazione, presentata in tempo utile rispetto alla scadenza del bollo.
Per intendersi se il bollo scade al 31/12, l’ultimo giorno utile per il pagamento senza penalità è il 31/1 dell’anno seguente; se la radiazione è richiesta entro il 31/12 il bollo per l’anno seguente NON è dovuto. Ma se la radiazione è stata richiesta, come ci sembra di capire dalla sua email, il 30/1 dell’anno seguente, il bollo è dovuto per intero.
Se ha bisogno di ulteriore assistenza ci contatti attraverso lo sportello Auto-Moto http://www.consumatori.it/sportello-auto-moto/
Grazie

Matteo

Domanda visto che è una tassa di posesso perché ogni anno si alza e varia in base al auto ? Un auto vale l altra dovrebbe essere in base al valore del auto non alla sua Potenza io so che in Spagna la pagano solo al acquisto del auto

Paolo

Buongiorno Sig. Caracciolo
Iniziamo a dire che la TASSA DI POSSESSO su una cosa tua è la cosa più assurda che ci sia,infatti è come se pagassi l’affitto su di una casa di tua proprietà,comprata o costruita con i tuoi soldi. Inoltre il bollo auto, o tassa di proprietà, è una prerogativa del tutto italiana,nei paesi dell’unione europea non c’è.
Pertanto anche all’Italia è stata chiesta la rimozione di questa tassa per allinearsi agli altri paesi. Abolizione che non è mai avvenuta così che, ogni anno, l’Italia paga una megamulta alla comissione europea proprio perché continua a chiedere a noi cittadini il pagamento del bollo.
Quindi per far si che questa riscossione di questa tassa illegale termini, cosa bisogna fare?..nessuno più deve pagare? Oppure andare da un avvocato e chiedere di denunciare lo stato tramite la commissione europea?

madeo

Ciao. Ho fatto una ricerca in rete e autorevoli siti informano che non sia vero che ci siano provvedimenti contro l’Italia per quanto riguarda il bollo auto o tassa di possesso. Si dice che sia una bufala…

Alessandro

Direi che lo Stato italiano, meglio ancora, noi italiani, amiamo pagare tutto e di più, anche ciò che è assurdo. Non ti risulta che paghi IMU o ICI o ISI (è nata con questo nome la tassa sulla casa, voluta espressamente dalla sinistra che non conosce altri metodi che non quelli che continuare a vessare i cittadini!) sulla casa di proprietà? E quello non è un affitto sulla tua proprietà? Eppure quando l’hai comprata, l’hai comprata con i tuoi soldi, soldi frutto del tuo lavoro e dei tuoi sacrifici, mica di quelli dello stato. Idem per la macchina quindi?…cosa cambia? Finchè accetteremo tutto quello che loro ci impongono allora TUTTO sarà lecito.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori