L’esperto risponde su… Contachilometri scaricato

3 commenti  |   stampa  |  pdf

937 (Sdc – gen. 2015) – I nostri esperti rispondono alle domande più frequenti dei consumatori. La domanda di oggi è: cosa devo fare se scopro che il contachilometri dell’auto usata che ho acquistato è stato “scaricato”?

Il veicolo non è conforme al contratto, perché il dato riportato dal contachilometri è un dato contrattuale; il venditore è obbligato a restituire parte del prezzo (0,4% del prezzo pagato per ogni scaglione di 1000 Km) fino ad una differenza di 50.000 Km; oltre questo limite potete esigere la risoluzione del contratto, se la scoperta avviene durante il periodo di garanzia legale.

Oltre il termine della garanzia legale non potrete agire sul fronte della garanzia, ma potrete contestare un “vizio occulto”, per il quale il Codice Civile non prevede scadenza, dei termini e ricorrere all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, che ha già severamente sanzionato professionisti per aver venduto un veicolo con il contachilometri taroccato, indipendentemente da chi materialmente lo ha fatto.

La corretta manutenzione pregressa è un elemento critico per la futura affidabilità del veicolo; se non vi viene consegnato il libretto dei tagliandi, dal quale appaia che tutti i tagliandi previsti dalla casa sono stati regolarmente eseguiti, il veicolo è molto più logoro di quanto si possa presumere leggendo il conta chilometri.

Autore: Raffaele Caracciolo
Data: 28 gennaio 2015

Per scoprire tutte le faq, clicca qui

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

ada

grazie della preziose informazioni.

Dante Chierico

Quali mezzi ci sono per essere certi che il contachilometri è stato manomesso-taroccato, e di quanti chilometri?
Chi dovrebbe o potrebbe fare tali certificazioni?

Raffaele

Le Officine ben strumentate possono rilevare dati dalla centralina, oppure quelle della Casa possono interrogare il sistema informativo della casa per verificare la percorrenza dell’ultimo intervento eseguito.
Tuttavia la “pistola fumante” è difficile da trovare, e nessuno è in grado di certificare che il conta km, è stato alterato.
Con la norma UNC DOC 01, che determina l’indice di uso pregresso, la percorrenza indicata dal conta km diventa irrilevante, perché compresa nella determinazione dell’ Indice (IUP), su basi oggettive. Se si compra da un professionista sulla base dell’IUP, si può essere tranquilli sui futuri costi di gestione.
Oggi più che a cosa si compra bisogna guardare a DA CHI si corra.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori