L’esperto risponde su… Mercato libero dell’energia

1 commento  |   stampa  |  pdf

982 (Sdc – apr. 2015) – I nostri esperti rispondono alle domande più frequenti dei consumatori. La domanda di oggi è: Mi è stato offerto un nuovo contratto di fornitura di elettricità (o di gas) sul Mercato Libero, ma prima di accettare vorrei verificare se è davvero conveniente. Cosa devo fare?

Prima di sottoscrivere un contratto di elettricità o di gas con un nuovo fornitore sul Mercato Libero, bisogna verificare se il prezzo offerto è conveniente. Per questo si consiglia di consultare il Trova Offerte sul sito dell’Autorità www.autorita.energia.it. Seguendo le istruzioni presenti nelle varie schermate, si potranno visualizzare le offerte dei venditori che operano in quella zona e la convenienza dell’offerta ricevuta rispetto ai Prezzi di Riferimento fissati dall’Autorità per l’energia.

Inoltre occorre porre attenzione anche alle altre clausole del contratto ed in particolare la durata del contratto, se e come il prezzo offerto cambia nel tempo, la frequenza con cui verrà letto il contatore ed inviata la bolletta, le eventuali conseguenze se si paga in ritardo la bolletta, ecc.

In ogni caso è bene chiedere al venditore informazioni chiare e complete oltre che sul prezzo anche su tutte le altre eventuali voci di spesa previste dal contratto e valutare bene la convenienza rispetto alle proprie esigenze.

 

Per indagare sul grado di consapevolezza dei consumatori in tema di energia (dal mercato libero a quello tutelato, le bollette, le problematiche più comuni, i canali di informazione preferiti dai consumatori e molto altro), la nostra associazione ha lanciato proprio in questi giorni il sondaggio ENERGIA: RISPONDI SULLE #COSEDANONCREDERE; bastano pochi secondi per rispondere e darci così la possibilità di conoscervi e aiutarvi al meglio!

Autore: Pieraldo Isolani
Data: 1 aprile 2015

Per scoprire tutte le faq, clicca qui

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

silvio delucchi

Che il gestore unico energia elettrica “precedente” (Enel) si chiamasse di “maggior tutela” lo scopriamo ora che sta per scomparire perchè dovesse essere più “conveniente e sicuro” ,secondo le notizie circolanti ora, non è dato sapere! Una cosa dovrebbe essere certa: la stessa società (es. Enel) come fa a dividersi in più società che si fanno concorrenza (?) e nel caso almeno cambiassero nome e simbolo per non trarre in inganno il cliente. In ultimo…come si fà con le bollette attuali composte di decine di voci a capire se risparmi?

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori