L’esperto risponde su… Olio di palma

11 commenti  |   stampa  |  pdf

977 (Sdc – mar. 2015) – I nostri esperti rispondono alle domande più frequenti dei consumatori. La domanda di oggi è: Ho sentito dire che l’olio di palma fa male alla salute, ma le aziende lo usano per biscotti, merendine e molti altri prodotti: è pericoloso?

L’olio di palma è molto simile al burro e, essendo di origine vegetale, ha il vantaggio di non contenere colesterolo. Si tratta quindi di un prodotto con caratteristiche nutrizionali analoghe a tutti gli altri oli e grassi. Inoltre si presta molto bene per le lavorazioni industriali. Alcuni prodotti, come la famosa crema di nocciole spalmabile, senza olio di palma non si potrebbe produrre.

Il vero problema è che per coltivare le palme stanno distruggendo delle foreste con gravi danni ambientali. Quindi nessun problema per la salute (purché venga consumato con moderazione), ma gravi danni per l’ambiente.

Nota bene: il prof. Macrì ha voluto approfondire quanto detto nella risposta a questa FAQ, scrivendo un articolo sul suo blog. Leggi… Olio di palma: fa male alla salute?

Autore: Agostino Macrì
Data: 25 marzo 2015

Per scoprire tutte le faq, clicca qui

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

madeo

Da “Le Scelte del Consumatore” n.60 del 17 Ottobre 1997, pag.31, alla domanda di una lettrice che chiedeva lumi sulla differenza di etichettatura dei biscotti Krumiri in lingua italiana e inglese, l’esperto rispondeva quanto segue: “Purtroppo l’etichettatura in italiano è regolare, poiché la CE ha imposto in tutta Europa la possibilità di non indicare di quale o quali oli si tratta, anche se sono oli saturi non decisamente raccomandabili come quelli di cocco e di palma. Altri paesi ove i prodotti europei sono esportati, come gli USA, sono più severi e ciò spiega la diversa etichettatura.” Penso che l’argomento trattato debba essere ulteriormente approfondito.

lorenzo

Resto stupefatto dalle affermazione dell”esperto” su l’olio di palma (esperto forse di marketiung delle multinazionali?). Su i motori di ricerca le notizie non sono controllate per cui invito ognuno ad andare sul sito della biblioteca medica piu’ grande del mondo -Bethesda- (www.pubmed.gov) dove sono riportati i riassunti degli articoli scientifici. E’ possibile cosi’ vedere i danni – cancerogenesi e aterosclerosi- dell’olio di palma. Sono decenni che TUTTE le società mediche italiane e internazionali invitanoa ridurre drasticamente i grassi saturi (burro, sugna, olio di palma) ed usare i grassi insaturi ( olio di oliva). Reputo fuorviante e non veritiera la risposta del Vs “esperto” !

Soazig

Su un servizio delle Iene (qualche settimana fa) un nutrizionista spiegava che il nostro corpo non produce enzimi capaci a trattare le molecole dell’olio di palma?!? Da qui la difficoltà a smaltire i residui di quest’olio nel nostro corpo.
Confermate?

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori