La norma Ue sulle carte di credito mette in difficoltà i consumatori?

4 commenti  |   stampa  |  pdf

861 (Sdc – ott. 2014) – Si è sentito spesso parlare del fatto che un incremento dei pagamenti elettronici nel prossimo futuro, contrariamente all’uso del denaro contante, è decisamente auspicabile nell’ottica di una maggiore praticità per il consumatore e di una sua migliore tutela. In linea con questa previsione e in risposta all’evoluzione delle modalità d’acquisto degli italiani, tantissimi acquirenti hanno provato a informarsi sulle carte prepagate e le loro caratteristiche (utilizzando comparatori online, come Supermoney), piuttosto che sulle comuni carte di credito per individuare lo strumento di pagamento più congeniale alle proprie abitudini d’acquisto.

La prassi di affidarsi alle carte di pagamento per effettuare transazioni economiche è più che mai diffusa nel nostro Paese, ma le novità introdotte dal nuovo regolamento Ue in merito ai pagamenti elettronici potrebbero portare scompiglio nelle abitudini dei consumatori e creare non pochi disagi.

Oggetto di dibattito è la nuova norma che dà la facoltà ai commercianti di accettare, in base al loro arbitrio, solo alcune delle carte emesse dai circuiti che dichiarano di utilizzare (per fare un esempio, un esercente potrebbe usare il circuito MasterCard, ma prediligere le carte platino a quelle comuni). Questo tipo di decisione può portare il consumatore a vedersi negare la possibilità di pagamento, anche se la carta prescelta appartiene al circuito di pagamento accettato dal commerciante, innescando una serie di problemi non indifferenti nel momento in cui la moneta elettronica è l’unica alternativa utile per portare a compimento una transazione.

Non solo: quanto dettato da tale norma si pone in netta contraddizione con l’azione delle banche, che cercano di promuovere il più possibile i pagamenti con carta, e quella del Governo, che impone l’uso della moneta elettronica in diverse circostanze al fine di combattere l’evasione fiscale.

Inoltre a suscitare più di qualche perplessità è la norma relativa al co-badging, che prevede l’inserimento dei simboli di più circuiti nella carta, con il rischio di aumentare la confusione dei consumatori sull’utilizzo delle carte.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 22 ottobre 2014

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

maribel

Io ho una carta di credito american express che non viene accettata da quasi nessun esercizio perche dicono che ha delle commissioni molto alte, che c’entra il consumatore con gli accordi esercente/banca?

Patrice Poupon

Sarebbe una vera follia. Comunque vengono spesso escluse carte come l’American Express, per esempio.

Gianfranco Di Quattro

Allucinante!

Ugo

il motivo per cui i commercianti non accettano alcune carte è la provvigione che devono versare al circuito bancario che a volte su alcune carte è notevole.
Se siamo obbligati ad usare la moneta elettronica bisogna dare una regolata alle banche che su questo lucrano assai.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori