RAEE, cosa sono e come smaltirli

3 commenti  |   stampa  |  pdf

1104 (Sdc – ott. 2015) – La raccolta differenziata, ormai, è una prassi ben consolidata nelle case di tutta Italia: carta, plastica, alluminio, “secco” e in molti casi anche l’umido. Ma cosa fare quando si rompono il tostapane o il vecchio cellulare? E le lampadine a risparmio energetico dove vanno buttate?

Di sicuro, non vanno semplicemente gettati nel secchio dell’immondizia. E lo stesso vale per i grandi elettrodomestici della vita quotidiana: lavatrici, forni, frigoriferi, cappe da cucina, climatizzatori. Tutti, una volta giunti a fine vita, diventano “Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche” (RAEE) e in quanto tali necessitano appositi trattamenti per essere smaltiti in maniera corretta.

Innanzitutto per evitare che vengano disperse nell’ambiente sostanze inquinanti e nocive. I circuiti refrigeranti e le schiume isolanti dei vecchi frigoriferi, ad esempio, contengono gas lesivi per l’ozono come i CFC (clorofluorocarburi). Nei tubi catodici dei televisori un po’ datati si trova il piombo, mentre molte sorgenti luminose contengono mercurio. Tutte sostanze dannose per l’ambiente e per l’uomo.
Inoltre trattare correttamente i RAEE permette di riciclare importanti quantità di materie prime come il rame, l’acciaio, l’alluminio o la plastica che – invece di finire in una discarica – possono essere riutilizzate per realizzare nuovi prodotti. Per farsi un’idea, pensate che da un vecchio frigorifero si può estrarre un chilo di rame, mentre da una lavatrice fino a 40 chili di ferro.

Purtroppo, solo il 25% dei RAEE viene smaltito in modo corretto, mentre tutto il resto prende strade diverse. In parte finisce nell’immondizia indifferenziata, in modo particolare i piccoli elettrodomestici e le lampadine. In parte finisce all’interno di un circuito di smaltimento “informale” (in Italia o all’estero) in cui si mira esclusivamente a massimizzare il profitto estraendo solo le parti più redditizie, ad esempio quelle in rame, e abbandonando il resto. Senza curarsi della dispersione nell’ambiente delle sostanze inquinanti contenute nei RAEE.

Potrebbe interessarti Come smaltire i RAEE?

Autore: Ilaria Sesana per ECODOM
Data: 14 ottobre 2015

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

paola

cosa sono lo abbiamo capito ma come smaltirli?????

andrea moioli

Penso che sulla differenziata possano fare molto le aziende produttori i di beni. Non penso di aver scoperto l’acqua calda, ma insisto sulla battaglia. Grazie

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori