L’esperto risponde su carte fedeltà

2 commenti  |   stampa  |  pdf

Ho il portafoglio pieno di carte fedeltà di qualsiasi tipo: dai supermercati alla libreria, dalla profumeria al negozio di elettronica. Mio marito dice che è solo cartaccia, io invece credo siano utili per risparmiare…voi che ne pensate?

Fino a qualche anno fa c’era la vecchia raccolta punti del supermercato con i talloncini da incollare sulla tabella di cartone e in palio c’era un frullatore, la tovaglia o una bicicletta… oggi ci troviamo davanti a raffinati programmi multi partner (che oltre ai tradizionali supermercati riguardano i distributori di carburante, le compagnie aeree, gli operatori telefonici, la paytv e molto altro) in  cui l’accredito dei punti avviene su un conto elettronico e alla scadenza si ha diritto ad un premio, ad un buono acquisto o a sconti fedeltà. Senza contare quelle tessere fedeltà che sono vere e proprie carte di credito e che si possono utilizzare ovunque o solo presso la catena convenzionata. L’obiettivo è fidelizzare il cliente e, ahinoi, raccogliere dati!

Quando si compila il questionario per ottenere la tessera fedeltà ci sono tre caselle da barrare: con la prima si acconsente a fornire i dati anagrafici per ricevere la carta, con la seconda si accetta di ricevere le offerte promozionali e con la terza si permette che le proprie abitudini siano registrate per le ricerche di mercato. Soltanto la prima, dunque, è obbligatoria e con le altre due si acconsente alla ricezione di offerte e promozioni di ogni tipo (Leggi Stop chiamate indesiderate).

Per quanto riguarda il potenziale risparmio economico, qualche volta i vantaggi delle carte fedeltà sono reali, l’importante è che non si degeneri in una dipendenza per cui si compra in maniera compulsiva pur di accaparrarsi un inutile premio. Prima di accettare dunque l’ennesima carta fedeltà sarebbe bene verificare come si ottiene lo sconto e la sua effettiva entità. Tre domande potrebbero aiutare a comprendere la reale convenienza:
1. Devi acquistare prodotti che solitamente non acquisteresti e che sono più cari di quelli che usi di solito? È evidente che l’acquisto di prodotti più cari annulli, di fatto, lo sconto ottenuto.
2. Lo sconto è veramente quello promesso? O ci sono vincoli che lo rendono inferiore a quello apparente?
3. Fare acquisti altrove ti permetterebbe di risparmiare di più?

E poi non sottovalutare mai quello che tu dai in cambio dello sconto… i tuoi dati, merce di gran valore!

Scopri tutte le nostre FAQ.

Autore: Massimiliano Dona
Data: 27 aprile 2016

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Giuseppe

Ma e’ giusto che certe carte fedelta’ vengono azzerrate con frequenza in modo che i sono ridotti a quelli di poco valore? Qualche carta ha tempo indeterminato

Giovanni Bravin

SEMPRE le carte fedeltà servono per la raccolta dei nostri dati, e spesso fanno incetta delle nostre preferenze in fatto di acquisti o altri tipi di profilazione. Inolre dobbiamo aspettare mesi per il ritiro dell’oggetto prescelto im base ai punti e spesso conguagliato in contanti in anticipo.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori