I risultati del primo sondaggio sui bitcoin

2 commenti  |   stampa  |  pdf

Risultati positivi per il primo sondaggio sui bitcoin, mai realizzato in Italia: non solo più del 60 per cento degli intervistati dimostra una certa predisposizione per la moneta elettronica, ma andando nello specifico sui bitcoin, oltre il 75 per cento risponde “sì” alla domanda “Hai mai sentito parlare di bitcoin?”.

Il nostro sondaggio non ha ovviamente un valore statistico, visto che il campione non è rappresentativo, ma mira semplicemente a fotografare il sentiment dei consumatori, siano essi esperti del web, che navigatori alle prime armi: in molti si sono divertiti a rispondere alle nostre domande, alcune molto generiche sulla moneta elettronica, altre più specifiche sui bitcoin; anche sui social network la discussione è stata vivace, segno di un clima nuovo che aleggia intorno all’e-payment.

Nel dettaglio, come detto, fa ben sperare il dato che emerge dalla prima domanda: più del 60 per cento degli intervistati dimostra una certa predisposizione per carte e bancomat (il 47,14% risponde addirittura che vorrebbe poter utilizzare la moneta elettronica anche per i pagamenti di pochi euro e il 16,30 per i pagamenti online); il 36,56%, invece, dichiara di preferire ancora i contanti. Il 76,21% di chi ha risposto al nostro questionario, poi, risponde di conoscere i bitcoin e lo dimostra anche nella successiva domanda, dando la corretta definizione della moneta digitale (una moneta virtuale criptata che viene scambiata da computer e server attraverso la tecnologia peer to peer): per il primo sondaggio sui bitcoin, mai lanciato in Italia, è un ottimo risultato!

Due aspetti, infine, meritano un ulteriore riflessione; il primo riguarda i vantaggi del bitcoin che sembrano raccontare una visione business di questa novità: sicurezza al primo posto (47,14%), ma anche una certa aspirazione di guadagno (28,19%). Da questo punto di vista sembrerebbe che, almeno in questa fase, il fenomeno della moneta matematica riguardi più le imprese che i consumatori. Nello stesso senso può forse essere interpretata la risposta alla domanda sui rischi del bitcoin:  il 51,98 per cento degli intervistati ritiene che la prima preoccupazione derivi da eventuali problemi tecnologici. Infine, l’altro aspetto che può sorprendere è una nuova fiducia nel mondo bancario (più del 20% degli intervistati dichiara che non è ancora pronto a fare a meno del rapporto diretto con la banca), segno che, probabilmente, virtuale e reale possono convivere.

 

Di seguito i dati completi del sondaggio, raccolti dal 19/06/2014 al 26/06/2014

1. Qual è il rapporto con la moneta elettronica
2. Hai mai sentito parlare di bitcoin
3. Qual è la definizione che ti sembra più corretta per il bitcoin
4. Ti fideresti di una moneta in tutto e per tutto virtuale
5. Quali vantaggi ti aspetteresti da una moneta digitale
6. Quale ritieni sia il rischio maggiore nell'utilizzo di bitcoin
7. L'idea che non ci sia un intermediario finanziario come la banca
   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori