Cose da non credere: i risultati del sondaggio

commenta  |   stampa  |  pdf

Per strada, al supermercato, in banca o sul web, quante volte avrete esclamato: “cose da non credere!” Abbiamo raccolto le affermazioni più ricorrenti fatte dai consumatori ai nostri sportelli su food, energia, web e salute e benessere: tra queste alcune sono dei luoghi comuni ai quali non dobbiamo credere, ma altre sono situazioni credibili nelle quali ciascuno di noi può ritrovarsi.

Per ogni affermazione, gli utenti hanno votato da una stella (“non è affatto credibile”) a cinque stelle (“è pienamente credibile”); in alcuni casi, selezionando su tre stelle, la risposta è: “non saprei”.

Ecco le risposte dei consumatori con alcune piacevoli sorprese e qualche dato che conferma che, soprattutto in alcuni settori, c’è ancora molta strada da fare, in termini di consapevolezza.

 

Facendo la lavatrice di sera si risparmia sulla bolletta elettrica. È credibile
Comprare al supermercato è più conveniente rispetto al piccolo negozio di quartiere. È credibile
Usare la carta di credito su internet è ogni giorno più rischioso. Non saprei
Offerte e confezioni più grandi fanno la felicità del consumatore. Non saprei
Assumere regolarmente un integratore può supplire ad un’alimentazione povera di frutta e verdura. Non è credibile
La pubblicità è la migliore fonte di informazione nei tempi moderni. Non è credibile
Prima di andare dal medico conviene dare un’occhiata al web. Non è credibile
Il mercato libero dell’energia è la scelta migliore per risparmiare. Non saprei
Il prezzo più alto è indice di migliore qualità nei prodotti che portiamo in tavola. Non è credibile
Internet consente una effettiva partecipazione politica. Non saprei
Non mi fido del farmaco generico: se un prodotto costa di meno sarà meno efficace. Non è credibile
Le compagnie aeree low-cost sono sempre più convenienti. Non saprei
Con i farmaci di automedicazione non è necessario consultare il medico. Non è credibile
Le rinnovabili possono soddisfare interamente il fabbisogno energetico. Non saprei
Merendine e biscotti di oggi sono più magri rispetto a quelli di un tempo. Non è credibile
Meglio evitare gli alimenti senza glutine anche se non si è celiaci: non si sa mai! Non è credibile
Ho sempre il diritto di rispedire indietro il prodotto quando faccio acquisti on-line. È credibile
Contro il junk food basta alzare la tassazione di prodotti iper-calorici. Non è credibile
I comparatori di prezzo sono la miglior invenzione del web. Non saprei
Il biologico è più sicuro rispetto ai prodotti tradizionali. Non saprei
   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori