Chiamate indesiderate: le nostre proposte presentate al Garante

7 commenti  |   stampa  |  pdf

stop chiamate indesiderateIn Francia sembrerebbe che basti un clic per dire stop alle telefonate indesiderate: dai primi di giugno, infatti, è attivo il sito Bloctel (bloctel.gouv.fr) attraverso il quale i cittadini, vessati dal telemarketing selvaggio, possono elencare i numeri telefonici, fissi e mobili, ai quali non vogliono essere disturbati. Ogni mese le società telefoniche dedite a promuovere ad ogni orario della giornata –soprattutto ore pasti– offerte di qualsiasi tipo devono ripulire le loro liste ed eliminare i numeri presenti su Bloctel.

Per il nostro Paese, dove la tranquillità domestica è riposta nel Registro delle Opposizioni (con tutti i suoi limiti), la soluzione d’oltralpe sembra fantascienza, ma noi non ci arrendiamo e continuiamo la nostra battaglia contro le chiamate indesiderate (diffusa sui social attraverso l’hashtag #nondisturbarmi).

Nei giorni scorsi, il nostro Segretario generale Massimiliano Dona, in rappresentanza delle associazioni Unc, Cittadinanzattiva, Movimento Difesa del Cittadino e Udicon, ha presentato al Garante della Privacy, Antonello Soro, la nostra proposta per un teleselling rispettoso dei consumatori. Queste le nostre richieste, appoggiate anche dal Garante:

1) Introduzione di un meccanismo di corresponsabilità tra l’azienda che avvia la campagna e il call-center che fa le telefonate (per evitare rimpalli di responsabilità e di dover perseguire piccoli call-center con sede all’estero), prevedendo anche un attività di monitoraggio e di educazione da parte del gestore.

2) Potenziamento del Registro pubblico delle opposizioni, così da ampliarne le prerogative prevedendo: la possibilità di iscrivere anche i numeri di cellulare e soprattutto che una volta iscritto il proprio numero, si possano così “cancellare” tutti i precedenti consensi (in modo tale da consentire al cittadino di riprendere il pieno controllo dei propri dati).

Sarebbe inoltre preziosa l’istituzione di un Registro per censire le campagne promozionali (con indicazione dell’operatore che lancia la campagna, il periodo di riferimento e i numeri utilizzati per chiamare i consumatori) così da evitare all’utente di dover fare indagini complicate per scoprire chi lo ha disturbato

3) Incentivare gli operatori a gestire meglio i dati in loro possesso: il sistema attuale è costruito in modo tale da disincentivare le buone pratiche. Oggi, infatti, il pagamento alla Fondazione Ugo Bordoni (che si occupa del Registro) è proporzionale all’attività di scrematura dei numeri: tanto più pulisce le liste, tanto più l’azienda deve pagare la Fondazione. Ma in questo modo si disincentivano le imprese a cancellare i numeri (di fatto questi preferiscono pagare le sanzioni), mentre sarebbe meglio stabilire il pagamento in base al fatturato.

Se non l’hai ancora fatto firma la nostra petizione STOP alle chiamate indesiderate, abbiamo bisogno anche di te!

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 26 luglio 2016

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Giuseppe Verdolino

Se ci riusciamo, sarebbe un’altra conquista ottenuta sotto la Vostra Egida. Grazie,
Giuseppe Verdolino.

Stefano Re

Buona sera,
in merito al Registro pubblico delle opposizioni, faccio presente che non è possibile iscriversi se il proprio numero non è presente sull’elenco telefonico!
Francamente mi sembra una incongruenza. Ritengo infatti che a maggior ragione i numeri non presenti in elenco dovrebbero essere tutelati.
Cordiali saluti.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori