Google: pubblicità nel mirino Antitrust

commenta  |   stampa  |  pdf

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha deciso di ampliare l’istruttoria già avviata l’estate scorsa nei confronti del colosso internazionale sul sistema di raccolta pubblicitaria

Dopo la recente condanna di tre dirigenti di Google per il video sui maltrattamenti di una ragazzo down e l’apertura di un’indagine dell’Ue per l’algoritmo usato dal motore, un altro colpo viene inflitto al colosso del web.

L’Autorità Antitrust ha infatti deciso di ampliare l’istruttoria contro Google (avviata la scorsa estate per possibile abuso di posizione dominante) alle condizioni imposte in Italia agli editori dei siti web nei contratti di intermediazione per la raccolta pubblicitaria on-line.

L’accusa è l’assenza di trasparenza e verificabilità su informazioni necessarie per valutare l’attività di intermediazione svolta in concreto da Google. In particolare, secondo l’Autorità “le condizioni contrattuali fissate da Google non consentono agli editori di siti web affiliati di conoscere in maniera chiara, dettagliata e verificabile elementi rilevanti per la determinazione dei corrispettivi loro spettanti”.

A finire sotto la lente dell’Authority è la rete “AdSense”, un programma di affiliazione attraverso il quale i proprietari di siti internet possono vendere spazi pubblicitari utilizzando Google come intermediario. L’istruttoria è stata inoltre estesa alla società “Google Ireland Limited” con la quale viene stipulato il contratto standard.

Autore: Sonia Galardo
Data: 12 marzo 2010

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori