Unieuro nel mirino dell’Antitrust

18 commenti  |   stampa  |  pdf

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato l’Unieuro per pratiche commerciali scorrette, commissionandole una multa pari a 180mila euro.

L’ Unieuro, una delle aziende di punta dell’elettronica italiana, è finita nel mirino dell’Antitrust. A comparire sul banco degli imputati sono state questa volta due promozioni: “Sottocosto” e “Subito sconto – viaggia gratis”, molto pubblicizzate nelle ultime settimane attraverso internet, televisione, stampa e radio. Nella giornata di oggi l’Antitrust ha giudicato tali pubblicità “ingannevoli” e ha sanzionato l’azienda con due multe rispettivamente di 108 mila e 72 mila euro. Ecco nel dettaglio le due promozioni e il parere dell’Antitrust:

“Promozione Sottocosto” – pubblicizza articoli sottocosto unitamente ad altri presentati con un vago “sottosconto”. L’Antitrust ha giudicato la pubblicità di questa offerta “scorretta” poiché indica con scarsa precisione il periodo di validità della stessa e non offre indicazioni chiare rispetto alla differenza tra prodotti “sottocosto” e prodotti “sottosconto”.

“Subito sconto – viaggia gratis” –  pubblicizza uno sconto immediato sui prodotti e l’offerta di voli aerei e pacchetti di viaggio gratis. Il bollettino odierno dell’Antitrust indica che il volantino dell’offerta non fornisce informazioni sui servizi offerti né sulle modalità di fruizione della promozione e indica in modo poco chiaro le modalità di erogazione dei buoni e i tempi di validità dell’offerta.

Da parte nostra, mostriamo apprezzamento per l’intervento dell’Antitrust e invitiamo l’acquirente a valutare sempre con la massima attenzione il testo del messaggio pubblicitario, controllare anche i più piccoli caratteri di stampa ed assumendo tutte le informazioni necessarie prima di effettuare l’acquisto.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 4 maggio 2010

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Adriana

Buongiorno, anch’io rientro nella lista dei clienti “presi in giro” con la promozione “Le mie adidas” …e non è ancora finita. Ho acquistato in aprile un’aspirapolvere e mi era stato dato il codice per richiedere la personalizzazione delle scarpe. Mi sono registrata sul sito e mi è arrivata una mail dove richiedevano copia dello scontrino e codice pin. Inviato tutto, poi mi arriva una mail che chiedeva un po di pazienza viste le numerose adesioni. Passato un po di tempo ho chiamato e mi hanno detto di pazientare ancora un po.. Poi ho richiamato ed un risponditore automatico diceva di pazientare ancora perchè le richieste erano tante e che mi sarebbe arrivata una mail. Il 26 settembre arriva la mail che comunica la scadenza della promozione al 30 di settembre e che non avevano ancora ricevuto lo scontrono e il pin richiesto al 10 di maggio. Chiamo per delucidazioni e mi dicono che non hanno mai ricevuto la mia mail e di rinviarla. Rinvio tutto e il 29 settembre richiamo. Mi dicono che non hanno mai ricevuto niente e che forse ho un problema nel computer; faccio presente che forse il problema ce l’hanno loro visto che le mie mail non sono mai tornate indietro con indirizzo errato o altro e che risultano recapitate. Mi dicono che comunque se non avessero ricevevuto quanto richiesto entro il giorno successivo sarebbe stato tutto annullato. Convinta a continuare la battaglia per questioni di principio, ho inviato una mail allo stesso indirizzo spiegando la situazione e dicendo che se non mi avessero risposto mi sarei rivolta all’associazione consumatori. Dieci minuti dopo mi hanno risposto (guarda caso questa volta la mail era arrivata a destinazione). Ho rinviato il tutto ma arriva mail con scritto che i file avevano superato il limite max e di rinviarli. Rinviati x la quarta volta richiedendo di accettarli in quanto mi sarei rivolta ancora all’associazione consumatori, poco dopo arrivata mail di accettazione. E la storia continua…….. ma non lascerò perdere e continuero’ a rompere le scatole…..

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori