Canone Rai: altre regole

15 commenti  |   stampa  |  pdf

Di seguito altre regole sul canone e la definizione di apparecchio atto o adattabile alla ricezione delle trasmissioni televisive come modificato dalla nuova Nota del ministero dello Sviluppo Economico del 20-04-2016 (nota n. 9668). La precedente Nota era del 22 febbraio 2012

 1) Si riporta il testo integrale della nuova Nota del ministero dello Sviluppo Economico del 20-04-2016 sulla definizione di apparecchio televisivo e, di conseguenza, soggetto al pagamento del canone Rai:

Per apparecchio televisivo si intende un apparecchio in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale digitale terrestre o satellitare, direttamente (in quanto costruito con tutti i componenti tecnici necessari) o tramite decoder o sintonizzatore esterno.

Per sintonizzatore si intende un dispositivo, interno o esterno, idoneo ad operare nelle bande di frequenze destinate al servizio televisivo secondo almeno uno degli standard previsti nel sistema italiano per poter ricevere il relativo segnale TV.

Non costituiscono quindi apparecchi televisivi computer, smartphone, tablet, ed ogni altro dispositivo se privi del sintonizzatore per il segnale digitale terrestre o satellitare“.

Da questa nuova nota, quindi, nonostante le evidenti lacune (non si specifica se la vecchia nota del 2012 viene abrogata, non si elencano tutte le apparecchiature riportate nello specchietto della nota del 2012 ecc ecc) possiamo dedurre:

  • Computer. Chi possiede un “normale” computer, ossia  un computer senza sintonizzatore, con il quale si possono vedere i programmi televisivi, ma solo da internet, non deve pagare il canone Rai. Se, invece, si ha un computer che può ricevere il segnale digitale terrestre o satellitare (oggi esistono chiavette USB che hanno il sintonizzatore),  allora il canone va pagato.
  • Tv come monitor. Chi usa la tv solo come monitor, deve comunque pagare il canone. Chi possiede un televisore che usa solo come monitor, ad esempio per vedere vecchie videocassette, oppure non lo usa affatto, deve ugualmente pagare il canone.
  • Vecchi tv analogici. Chi possiede un vecchio tv analogico, senza avere il decoder per ricevere il segnale digitale terrestre o per ricevere il segnale della parabola satellitare, non deve pagare il canone. Quindi, se si usa come monitor un vecchio televisore analogico, il canone non va pagato, se non si ha anche il decoder.
  • Radio. Non si deve più pagare il canone. Su questo punto, quindi, non vale più la nota Mise del 2012 secondo la quale erano soggetti al canone: i ricevitori radio fissi, i ricevitori radio portatili, i ricevitori radio per mezzi mobili, i lettori Mp3 con radio FM integrata.

 2) Proprietario o inquilino. Chi vive in una casa in affitto, in un appartamento ammobiliato, deve pagare il canone anche se la tv non è di sua proprietà. A pagare, infatti, non è il proprietario della casa o della tv, ma chi ha il possesso della tv, quindi, il conduttore, ossia l’inquilino  (art. 1 R.D.L 21/2/1938 n.246). E’ sempre stato così.

 

TUTTO SUL CANONE RAI – Per capire le regole generali sulla compilazione della dichiarazione, leggi Tutto sul canone Rai.

ESEMPI DI COMPILAZIONE – Per vedere gli esempi pratici di come va compilata la dichiarazione sostitutiva relativa al canone (l’autocertificazione) chiariti dall’Agenzia delle entrate, leggi Canone Rai: esempi di compilazione.

 

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

La redazione UNC
La redazione UNC

Questo spazio non è destinato all’assistenza. Puoi leggere i commenti precedenti per avere maggiori informazioni o contattare i nostri esperti attraverso l’indirizzo email canonetv@consumatori.it per avere assistenza personalizzata.

La redazione UNC
La redazione UNC

E’ scaduto il primo termine per inviare la Dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato. L’autocertificazione, infatti, andava inviata entro il 16 maggio. Si può sempre inviare la Dichiarazione, anche successivamente al 16 maggio, ma con effetti diversi. Per vedere quali, vedete al link http://www.consumatori.it/internet-tv/canone-rai/canone-rai-presentare-dichiarazione/#.VzubbdSLTn4
Essendo scaduti i termini, ricordiamo che per ricevere assistenza è necessario rivolgersi allo sportello (al link http://www.consumatori.it/segnalaci-il-tuo-problema/).

La redazione UNC
La redazione UNC

AVVISO. Purtroppo a causa del numero record di richieste di chiarimenti, siamo costretti a dare priorità a chi si rivolge allo sportello (al link http://www.consumatori.it/segnalaci-il-tuo-problema/) e agli iscritti.
Vi suggerisco però, dato che la maggior parte dei Vostri quesiti hanno già una risposta sul nostro sito, di leggere tutti gli articoli da noi pubblicati sull’argomento e che, per facilitarvi il compito, vi riporto sotto, nell’ordine logico:

Per la compilazione della dichiarazione dovete leggere “Tutto sul canone Rai” e “Canone Rai: esempi di compilazione”, che trovate a questi link:
http://www.consumatori.it/internet-tv/canone-rai/canone-rai/#.VzSZX9SLTn4

http://www.consumatori.it/internet-tv/canone-rai/canone-rai-esempi-compilazione/#.VzSZmNSLTn4

Per sapere le modalità di spedizione della dichiarazione e la tempistica dovete leggere “Come presentare la dichiarazione” e “Quando presentare la dichiarazione”, ai link:
http://www.consumatori.it/internet-tv/canone-rai/canone-rai-presentare-la-dichiarazione/#.VzSZrtSLTn4

http://www.consumatori.it/internet-tv/canone-rai/canone-rai-presentare-dichiarazione/#.VzSZv9SLTn4

Sulla voltura tra vecchi abbonati e utenti della luce:
http://www.consumatori.it/internet-tv/canone-rai/canone-rai-bozza-decreto-mise/#.VzSZ0NSLTn4

Sulle nuove regole generali, dovete leggere “le novità introdotte dalla legge di stabilità”:
http://www.consumatori.it/internet-tv/canone-rai/canone-rai-le-novita-della-legge-stabilita/#.VzSZ59SLTn4

Sul problema relativo a computer, tablet e vecchie tv analogiche, dovete leggere “Altre regole” al link:
http://www.consumatori.it/internet-tv/canone-rai/canone-rai-regole/#.VzSaCdSLTn4

Grazie e scusatemi.
Mauro Antonelli

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori