Archivio mensile:Marzo 2013

UNC – L’archivio dell’Unione è un patrimonio storico

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 31 luglio 2008 – “Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha definito di interesse storico particolarmente importante l’archivio dell’Unione Nazionale Consumatori”. E’ quanto rende noto Massimiliano Dona, Segretario generale della stessa Unione.

 “Siamo molto lieti per il riconoscimento ottenuto – dichiara Dona- poiché testimonia l’interesse delle istituzioni verso un patrimonio che ripercorre la lunga storia della conquista dei diritti oggi riconosciuti ai consumatori”.

“Portiamo avanti il nostro impegno a tutela dei cittadini – prosegue Dona– dal lontano 1955, data di fondazione della nostra associazione. Conservare e salvaguardare un archivio che ne documenta le tappe più importanti è un patrimonio dal valore inestimabile per l’intera collettività”.

TLC – Lo stalking degli operatori telefonici è un reato

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 22 luglio 2008 – “Sono almeno dieci milioni gli utenti quotidianamente bombardati da call center che, violando la normativa sul trattamento dei dati personali e i richiami del Garante della Privacy, pubblicizzano offerte commerciali di società telefoniche. Alcuni utenti arrivano anche a ricevere venti telefonate al giorno, specialmente nelle ore serali”. E’ quanto dichiara l’Unione Nazionale Consumatori, che chiederà formalmente all’Authority per le Comunicazioni di aprire un’indagine con l’aiuto della Polizia Postale per porre fine ad una pratica commerciale illegittima, che turba la vita privata dei cittadini. 

“Chi effettua telefonate ripetute ed insistenti- continua l’Unione Consumatori- senza il consenso degli utenti che le ricevono, commette il reato di molestia o disturbo della persona, previsto dall’articolo 660 del Codice penale punibile con l’arresto fino a sei mesi”.

“Invitiamo tutti i cittadini vittime di tale fenomeno- conclude l’Unione Consumatori-  a denunciare quanto subiscono alle forze dell’ordine e ad informarne la nostra associazione per richiedere eventualmente il risarcimento dei danni esistenziali”.

CAROVITA – Apprezzabile il piano di Scajola

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 21 luglio 2008 – “Apprezziamo il piano anti caro-vita annunciato del ministro Scajola, che prevede tagli alle bollette in attesa del nucleare, ma sottolineiamo il carattere di urgenza di questi provvedimenti, di cui attendiamo al più presto l’entrata in vigore e la piena approvazione”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori

“Per fronteggiare la crisi dei consumi –spiega Dona– servono infatti interventi di tipo macroeconomico, a cominciare dalle infrastrutture energetiche fino all’incremento dei salari sui quali deve essere ridotto il drenaggio fiscale, da affiancare a interventi mirati e urgenti su settori strategici e una seria attività di contrasto alle speculazioni. Infine –conclude Dona- è indispensabile tornare ad educare ed informare i giovani consumatori anche sui concetti di risparmio e di efficienza energetica se li vorremo capaci di scelte razionali nell’interesse attuale della nostra economia”.

ENERGIA – sì al protocollo di conciliazione con ENI

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 17 luglio 2008 – L’Unione Nazionale Consumatori intende aderire al Protocollo di conciliazione presentato oggi dall’amministratore delegato di ENI, Paolo Scaroni, per risolvere le controversie tra azienda e consumatori. Nel corso dell’incontro con Scaroni l’Unione Nazionale Consumatori ha chiesto di estendere il confronto tra ENI e Associazioni dei consumatori ai problemi dell’approvvigionamento e della distribuzione degli idrocarburi che rappresentano una priorità inderogabile per il sistema energetico del Paese.

Senza un piano energetico –conclude l’Unione Consumatori- che attribuisca assoluta priorità alla diversificazione delle fonti di approvvigionamento (l’approvvigionamento energetico italiano dipende per l’80% dall’importazione di idrocarburi), il nostro Paese resterà pesantemente esposto alle speculazioni internazionali con conseguenze gravose per le tasche dei consumatori.

TLC – Interessanti le proposte di Calabrò

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 15 luglio 2008 – “Per rendere più moderna e competitiva l’Italia sono necessarie la piena diffusione della banda larga e l’introduzione della banda ultra-larga. Solo così sarà possibile avere una pubblica amministrazione al passo con i tempi e superare le lungaggini burocratiche che tormentano i cittadini”. E’ quanto dichiara l’Unione Nazionale Consumatori, esprimendo la propria soddisfazione per la relazione annuale di Corrado Calabrò, Presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

“Ha ragione Calabrò –conclude l’Unione Nazionale Consumatori- a ricordare che le infrastrutture a banda ultra-larga rappresentano le autostrade delle comunicazioni del prossimo futuro: è perciò indispensabile realizzarle rapidamente e con adeguati investimenti, pena il declino inarrestabile del Paese”.

ENERGIA – Consumatori: no all’emendamento Fugatti

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 14 luglio 2008 – Le Associazioni dei consumatori (Adiconsum, Adusbef, Assoutenti, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Movimento Consumatori, Unione Nazionale Consumatori) sono fortemente preoccupate per le scelte che sembrano maturare nella maggioranza dopo l’approvazione dell’emendamento Fugatti che rivede la composizione e le competenze dell’Autorità dell’energia.

In questi anni l’operato dell’Autorità è stato molto apprezzato dai consumatori, perché ha rappresentato un vero organo di garanzia per il contenimento degli aumenti delle bollette, per la tutela della trasparenza delle offerte commerciali, per un passaggio controllato alla liberalizzazione.

Le grandi aziende dell’energia hanno molta capacità lobbistica e quindi una Autorità forte, qualificata nei suoi membri e con risorse economiche e professionali adeguate è uno strumento indispensabile per una moderna economia di mercato.

Le associazioni  invitano il Governo, le forze della maggioranza e dell’opposizione ad abbandonare l’emendamento e a rafforzare l’Autorità nella sua funzione di terzietà e di garanzia, per un miglior funzionamento del mercato e della concorrenza in un settore vitale come l’energia, i cui costi pesano sempre più sulle famiglie e sulle imprese.

GOVERNO – Bene Martinat per i consumatori

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 11 luglio 2008 – “E’ un segnale positivo di attenzione per le istanze dei consumatori”. Così Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, ha commentato la notizia della delega del senatore Ugo Martinat alla Presidenza del CNCU, Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti.

“Il Consiglio dei Consumatori esprime ormai da tempo un patrimonio culturale del quale il Governo deve fare tesoro se vuole avvicinare le scelte politiche agli interessi dei cittadini: per questo –conclude Dona- la designazione di un sottosegretario così autorevole è un segnale di ottimo auspicio”.

 

 

INFLAZIONE – Mister Prezzi ha ragione

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 10 luglio 2008 – “Coloro che favoleggiano sui prezzi sparando cifre a vanvera non arrestano l’inflazione e non difendono i consumatori: anzi contribuiscono a favorire o alimentare fenomeni speculativi che traggono vantaggio proprio dai bollettini apocalittici dei profeti di sventura”.

E’ quanto dichiara l’Unione Nazionale Consumatori, apprezzando l’intervento del Garante per la sorveglianza dei prezzi, Antonio Lirosi, alla Commissione Agricoltura della Camera.

 “L’aumento dei prezzi – conclude l’Unione Consumatori- non si combatte con i calcoli improvvisati e con le profezie alla Nostradamus, ma con un adeguato sistema di controllo e con l’educazione al consumo consapevole”.

 

ENERGIA – Convincente la relazione di Ortis

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 10 luglio 2008 – “Senza un programma energetico che metta al centro la diversificazione delle fonti di approvvigionamento l’Italia resterà esposta alle speculazioni internazionali riguardanti gli idrocarburi con pesanti conseguenze per la propria economia e le tasche dei consumatori”.

E’ quanto dichiara l’ Unione Nazionale Consumatori, apprezzando i contenuti della odierna relazione del Presidente dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, Alessandro Ortis. “L’Italia – continua la nota dell’Unione Nazionale Consumatori – dipende dall’importazione di idrocarburi per quasi l’80% del fabbisogno energetico: è una situazione che desta fortissime preoccupazioni per il futuro e la scelta nucleare rappresenta soltanto una speranza e non una soluzione immediata per risolvere problemi drammaticamente attuali”.

“Per il significato strategico che assume il settore energetico -conclude l’Unione Consumatori- l’eccesiva dipendenza dell’Italia da alcuni Paesi  per l’approvvigionamento di petrolio e gas si traduce di fatto in una limitazione della sovranità nazionale”.

BANCHE – Niente commissione sul massimo scoperto

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 9 luglio 2008 – L’Unione Nazionale Consumatori osserva che in materia di trasparenza bancaria finalmente alle parole seguono i fatti. All’assemblea annuale dell’ABI di oggi, alla richiesta reiterata da parte del Governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, una prima banca ha dimostrato la sua concreta disponibilità a recepire l’invito di abolire la commissione di massimo scoperto sui conti correnti bancari.

La novità è stata pubblicamente annunciata da Pietro Modiano: con decorrenza primo gennaio 2009, il gruppo Intesa Sanpaolo abolirà l’applicazione della suddetta commissione nella sua formulazione attuale che penalizza gli utenti.

Esprimendo il suo compiacimento per l’iniziativa, l’avv. Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, ha auspicato che “tutte le altre banche si adeguino all’iniziativa che apre un’altra strada al miglioramento dei rapporti fra banche e consumatori”.