Archivio mensile:Marzo 2013

CONCORSO – Partecipa con la tua app

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 31 gennaio 2012 – “Ancora pochi giorni di tempo per inviarci la vostra App!” Con queste parole Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), ricorda il concorso “APProposito di APP!”, rivolto ad esperti informatici, ma anche a semplici appassionati di tecnologia che vogliano proporre la loro idea per la realizzazione di una nuova App.

“Venerdì 3 febbraio -ricorda Dona- è il termine ultimo per presentare un progetto che abbia funzionalità di supporto al quotidiano del consumatore (ad esempio la stesura del bilancio familiare o il confronto dei prezzi) oppure contenuti informativi  (ad esempio circa i diritti riconosciuti  dal Codice del Consumo) sul modello di ‘Automedicazione’, l’applicazione già realizzata dalla nostra organizzazione”. Il vincitore si aggiudicherà un Ipad 2 da 16 GB e avrà il piacere di vedere prodotta la sua App a cura dell’Unione Nazionale Consumatori (scarica il bando).

La cerimonia di premiazione avrà luogo a Roma il prossimo 8 febbraio in occasione della conferenza “L’influenza corre sul web” (Galleria Alberto Sordi, 53 – ore 10,45), organizzata dalla nostra Unione in collaborazione con ANIFA (Associazione nazionale dell’industria farmaceutica dell’automedicazione) per discutere  di automedicazione, attendibilità  delle fonti di informazione in materia di salute e i rischi che si corrono sul web. Parteciperanno al convegno oltre all’avvocato Massimiliano Dona, il Presidente di Anifa Stefano Brovelli, il professor Achille Caputi Direttore del Dipartimento Clinico-Sperimentale di Medicina e Farmacologia dell’Università degli Studi di Messina, il colonnello Umberto Rapetto, Comandante del GAT (Nucleo Speciale Frodi Telematiche GdF), Luca Moschini Esperto ICT ed innovazione di  Viamatica Srl.

 

Listicket: denunciata la pratica commerciale

Riteniamo deplorevole la pratica commerciale attuata da dalla società ListTicket, ed è per questo che abbiamo dato mandato di depositare una denuncia presso l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contro la società che si occupa della vendita di biglietti per partite di calcio con modalità poco trasparenti e scorrette.

Abbiamo ricevuto numerose segnalazioni di gravi disagi e disservizi, denunciati dai tifosi che volevano procedere all’acquisto di biglietti per le partite di calcio del F.C. Juventus e della S.S.C. Napoli tramite il sito listicket.it: nonostante, infatti avessero seguito scrupolosamente le istruzioni fornite dal sito per l’acquisto online e pur avendo regolarmente pagato, si sono visti negare il biglietto per lo stadio o lo hanno ricevuto dopo lunga e snervante attesa, sbloccata solo dopo essersi rivolti al costosissimo numero verde, messo a diposizione dalla stessa Listicket.

Alcuni tifosi denunciano addirittura di essersi visti addebitare sulla propria carta di credito per ben due volte il prezzo di un unico biglietto, senza che l’evidente errore sia stato corretto o il prezzo rimborsato.

Ricordiamo che quanti volessero segnalarci la loro eventuale esperienza in merito, possono farlo scrivendo una mail all’indirizzo consulenza@consumatori.it specificando nell’oggetto "Listicket".

Autore: Gianluca Selicato
Data: 30 gennaio 2012

LISTICKET – Denunciata la pratica commerciale

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 28 gennaio 2012 – "Deplorevole la pratica commerciale attuata da dalla società ListTicket". Con queste parole Massimiliano Dona, Segretario generale dell’ Unione Nazionale Consumatori (UNC), annuncia di aver dato mandato per depositare la denuncia presso l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contro la società che si occupa della vendita di biglietti per partite di calcio con modalità poco trasparenti e scorrette.

"Abbiamo ricevuto -afferma Dona- numerose segnalazioni di gravi disagi e disservizi, denunciati dai tifosi che volevano procedere all’acquisto di biglietti per le partite di calcio del F.C. Juventus tramite il sito listicket.it: nonostante, infatti -spiega Massimiliano Dona- avessero seguito scrupolosamente le istruzioni fornite dal sito per l’acquisto on-line e pur avendo regolarmente pagato, si sono visti negare il biglietto per lo stadio o lo hanno ricevuto dopo lunga e snervante attesa, sbloccata solo dopo essersi rivolti al costosissimo numero verde, messo a diposizione dalla stessa Listicket".

L’avvocato Dona rincara la dose: "Alcuni tifosi denunciano addirittura di essersi visti addebitare sulla propria carta di credito per ben due volte il prezzo di un unico biglietto, senza che l’evidente errore sia stato corretto o il prezzo rimborsato".

NAVE COSTA – Ecco i numeri dell’accordo sui danni

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 27 gennaio 2012 – “Alcune centinaia di consumatori hanno già dichiarato di volersi avvalere dell’accordo che consentirà rimborsi in tempi strettissimi”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), in riferimento all’accordo tra Costa Crociere e le associazioni dei consumatori per i risarcimenti dei passeggeri vittime del naufragio del Costa Concordia.

“L’accordo -precisa Dona- non è vincolante e quindi lascia liberi i consumatori di rivolgersi al giudice. Va ricordato, comunque che quanti accetteranno eviteranno le lungaggini e le incertezze di  una causa civile decennale”.

Facciamo qualche calcolo: i passeggeri della nave crociera erano 3206, di cui 989 italiani (gli altri di 61 nazionalità diverse); la compagnia, che complessivamente ogni anno ospita circa due milioni di passeggeri, ha stabilito per ciascun passeggero del Concordia un indennizzo in denaro di 11 mila euro ai quali si aggiungono rimborsi che possono superare i 3000 euro. Sulla base delle segnalazioni ricevute, vediamo infatti il caso di questa famiglia di quattro persone composta da due adulti e due bambini:

 RIMBORSO FORFETTARIO 

 11.000 euro x 4  persone 

 44.000  euro 

 PREZZO CROCIERA  900 euro x 2  persone 

 1.800 euro
 SPESE VIAGGIO PER L’ARRIVO AL PORTO  DI PARTENZA

 170 euro x 4  persone  680 euro
 SPESE A BORDO  300 euro x 2  persone  600 euro
 SPESE MEDICHE  90 euro x 4  persone  360 euro
 SPESE VIAGGIO PER IL RIENTRO A CASA  170 euro x 4  persone  680 euro
 RIMBORSO BAGAGLIO DA MONDIAL  ASSISTANCE  1.400 euro x 2  persone  2.800  euro
 RESTITUZIONE BENI CASSAFORTE

CABINA  (se non  danneggiati) 

 600 euro x 2  persone  1.200  euro
 CONSULENZA PSICOLOGICA (su richiesta)  200 euro x 4  persone  800 euro
 TOTALE INDENNIZZO + RIMBRORSI  14.830 euro  52.920  euro

"Questi numeri -commenta il Segretario generale- dimostrano la bontà dell’accordo in termini quantitativi e di tempistica: chi critica l’intesa non sa (o preferisce tacere) le difficoltà di un processo nel quale sarà necessario provare dettagliatamente i danni ed attendere i lunghi tempi del giudizio. Poi -conclude l’avvocato Dona- sui media non mancano mai gli speculatori che preferiscono vendere illusioni per un po’ di visibilità alle spalle dei consumatori danneggiati".

 

NAVE COSTA – Great consumers’ agreement signed

Unione Nazionale Consumatori Press Release

Rome, 27 January 2012 – “An unprecedented agreement envisaging an overall amount of 44 million euros to benefit 3,206 passengers from 61 different countries”. This is how Massimiliano Dona, Secretary general of Unione Nazionale Consumatori (UNC), welcomes the agreement signed in favour of Costa Concordia shipwreck survivors.

“After nightlong negotiations – Mr. Dona explains – the agreement signed with Costa Crociere rewards the most important Italian consumer organisations for their joint efforts that have led to the signature of an agreement which is historical also for its world scope”.

“ Passengers involved in the shipwreck – Mr. Dona says – will have the advantage of an immediate compensation amounting to 11 thousand euros and will get around 3 thousand euros reimbursements, including the cruise cost and other expenses: the corresponding bank transfers will be made within a week after the signature of the receipt”.

It’s necessary to specify that the agreement is not obligatory: those who are not satisfied with the amounts agreed, will be free to act on their own initiative and to proceed legally by themselves. In addition, the most serious damages – such as those related to personal injury, dead and dispersed people – will be dealt with in separate negotiations, due to the extreme sensitivity of these situations.

Finally, under the consumers’ agreement those who booked a cruise on Costa for future departures around the world have the right to cancel their booking and get a total refund of the price (the refund request must be made by 7 February 2012).

 

Search another press release

NAVE COSTA – Accordo senza precedenti

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 27 gennaio 2012 – “Un accordo senza precedenti per un importo complessivo di oltre 44 milioni di euro a beneficio di 3.206 passeggeri di 61 nazionalità”. Con queste parole Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), festeggia la  firma della transazione collettiva per i naufraghi del Costa Concordia.

“Dopo una trattativa durata fino a notte fonda -spiega Dona- l’accordo con la compagnia di navigazione premia gli sforzi delle più importanti associazioni dei consumatori, unite nell’impegno comune che ha condotto ad una sottoscrizione storica anche per la portata mondiale di questa intesa”.

“Il vantaggio per i consumatori danneggiati -prosegue l’avvocato Dona- è quello di avere immediatamente a disposizione un risarcimento di 11 mila euro in denaro, al quale devono sommarsi circa 3 mila euro di rimborsi, tra il costo della crociera e spese varie: si prevede infatti che il bonifico dovrà essere fatto entro una settimana dalla firma della quietanza”.

“E’ bene inoltre chiarire che l’accordo non è obbligatorio”, precisa Massimiliano Dona, che aggiunge: “il turista che non si riterrà soddisfatto dell’importo concordato potrà rivolgersi ad altri percorsi e naturalmente sarà libero di ricorrere al giudice autonomamente; inoltre si è stabilito che i danni più gravi, come quelli riguardanti le lesioni fisiche, i deceduti e i dispersi, saranno oggetto di separata trattativa vista la delicatezza di queste situazioni”.

Infine, l’avv. Dona si felicita di una ulteriore vittoria riguardante i turisti che avevano prenotato crociere in giro per il mondo e che, legittimamente, hanno manifestato l’intenzione di annullare il viaggio “per paura”: l’accordo stabilisce la libertà di disdire le prenotazioni con rimborso integrale di quanto pagato (la richiesta va fatta entro il 7 febbraio).

 

NAVE COSTA – Ecco l’accordo per i risarcimenti

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 27 Gennaio 2012 – Si è conclusa positivamente la trattativa, presso la sede di ASTOI Confindustria Viaggi, tra Costa Crociere e le Associazioni dei Consumatori. Alla riunione, organizzata da ASTOI Confindustria Viaggi su specifico incarico di Costa Crociere, hanno partecipato i rappresentanti delle seguenti Associazioni dei Consumatori aderenti al CNCU, Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti: Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Assoconsum, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Ctcu, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori. Per Costa Crociere erano presenti i rappresentanti della Direzione; per ASTOI Confindustria Viaggi il Presidente Roberto Corbella, il Direttore Generale Flavia Franceschini e l’Avv. Alessio Costantini.

L’obiettivo, condiviso da tutti i presenti, è stato quello di trovare soluzioni conciliative e transattive che puntino alla migliore soddisfazione dei passeggeri coinvolti nella vicenda di Costa Concordia, evitando le lungaggini e gli aggravi di spese conseguenti all’eventuale instaurazione di un giudizio.

I risultati raggiunti, frutto di concertazione con le Associazioni dei Consumatori, riguardano:

  • un importo forfettario di euro 11.000 a persona a titolo di indennizzo, a copertura di tutti i danni patrimoniali e non patrimoniali subiti, ivi inclusi quelli legati alla perdita del bagaglio e degli effetti personali, al disagio psicologico patito ed al danno da vacanza rovinata;
  • il rimborso integrale del valore della crociera, comprensivo delle tasse portuali;
  • il rimborso dei transfer aerei e bus, inclusi nella pratica crociera;
  • il rimborso totale delle spese di viaggio sostenute per il rientro;
  • il rimborso di eventuali spese mediche sostenute;
  • il rimborso delle spese sostenute durante la crociera.

L’importo forfettario concordato a titolo di risarcimento è superiore ai limiti risarcitori previsti dalle convenzioni internazionali e dalle leggi vigenti. Tale importo verrà riconosciuto indipendentemente dall’età del passeggero, considerando anche i bambini, sebbene non paganti. Costa si è impegnata altresì a non dedurre, da tale cifra, quanto eventualmente percepito dai clienti per rimborsi assicurativi legati a polizze individualmente stipulate. Un nucleo familiare composto da due persone, in aggiunta a quanto sopra elencato, ad esempio, vedrà quindi riconosciuto un importo forfettario di euro 22.000, così come un nucleo familiare di due adulti e due bambini arriverà ad euro 44.000.

In concomitanza, la Compagnia avvierà altresì la restituzione di tutti i beni presenti nelle casseforti delle cabine, ove sia possibile il recupero.

Inoltre, sempre nell’ottica di rimanere vicini ai consumatori coinvolti nella vicenda, Costa Crociere ha accettato di avviare uno specifico programma di assistenza psicologica nei confronti di tutti i passeggeri che ne facciano richiesta.

L’intera proposta non riguarda le famiglie delle vittime ed i passeggeri feriti, per i quali è stato necessario effettuare trattamenti sanitari in loco. Per costoro l’indennizzo terrà conto della gravità del danno subito dai singoli individui.

In accordo con le Associazioni dei Consumatori si sono altresì stabilite le modalità di gestione delle pratiche di indennizzo, per le quali, nella sede di Genova di Costa, verranno istituite due unità operative interamente dedicate. Gli accrediti degli importi avverranno entro 7 giorni dall’accettazione della proposta di Costa da parte dei consumatori. Costa Crociere metterà a disposizione un indirizzo e-mail (rimborsiconcordia@costa.it) ed un numero per le informazioni (848505050). Tutte le Parti si impegnano a divulgare tramite i loro canali di comunicazione ogni informazione legata alle modalità di rimborso e, più in generale, all’accordo raggiunto ed a fornire la dovuta assistenza.

E’ stato inoltre convenuto che la Compagnia offra l’opportunità di cancellare senza penali le crociere prenotate prima del drammatico evento, su tutte le proprie rotte, entro il 7 febbraio.

Le Associazioni dei consumatori non percepiranno alcun tipo di remunerazione per tutte le attività legate all’accordo raggiunto.

 

NAVE COSTA – In corso la trattativa per i rimborsi

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 26 gennaio 2012 –  ““La trattativa tra le associazioni dei consumatori ed i legali di Costa Crociere è tuttora in corso: siamo ancora lontani dal trovare un accordo, ma qualora trovassimo una soluzione, ciascun  danneggiato resterà comunque libero di aderire alla transazione collettiva, ma anche rinunciare all’accordo, avviando separate iniziative giudiziali". E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), a margine dell’incontro presso la sede di Confindustria.

“Sono false dunque –precisa l’avvocato Dona- le cifre diffuse in queste ore sul probabile rimborso offerto dalla compagnia. Non c’è infatti, ancora alcun accordo tra le parti”. Alla riunione è presente anche Norbert Stiekema, Executive Vice President di Costa Crociere.

 

SEGRETERIA.ORG – Bene la multa ma ora i rimborsi

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 26 gennaio 2012 – “E’ solo una prima vittoria: l’obiettivo è che i consumatori non ricevano mai più sms ingannevoli volti solo a spillare denaro”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), esprimendo soddisfazione per la sanzione inflitta dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a Vas Advertising S.r.l., Net Revolution S.r.l., HtNet Limited 2010 e Telecom Italia, per la promozione di servizi di chat a pagamento attraverso numerazioni a sovrapprezzo.

“Lo scorso maggio -ricorda Dona- denunciammo Segreteria.org a seguito di numerose segnalazioni giunte alla nostra Unione da parte di consumatori che segnalavano di aver ricevuto sul loro telefonino un sms che li avvertiva di un messaggio urgente in segreteria. Richiamando il numero si verificava l’infondatezza del messaggio: si trattava, infatti, di un’utenza 899, dal costo, in alcuni casi, fino a 15 euro. Come se non bastasse -prosegue il Segretario generale- nel messaggio si faceva riferimento al sito ‘segreteria.org’ che si è rivelato un portale di incontri a pagamento e chat”.

“E’ inammissibile -afferma l’avvocato Dona- che i consumatori siano disturbati sul loro telefonino con servizi non richiesti, da cui, comunque sarebbe sempre bene diffidare. Senza contare che, la qualificazione dei messaggi presenti in segreteria come ‘urgenti’ rende la pratica particolarmente grave in quanto, come sostiene anche il Garante, ‘induce l’utente a chiamare immediatamente, disincentivando un’attenta ponderazione del reale scenario’”.

“Apprezziamo -conclude Massimiliano Dona- la restituzione da parte di Telecom delle somme indebitamente pagate da alcuni consumatori, ma ci aspettiamo che l’azienda faccia di meglio rimborsando tutti coloro che sono caduti nel tranello e non solo quanti hanno presentato un reclamo”.

NAVE COSTA – Domani l’incontro con Costa Crociere

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 25 gennaio 2012 –  Ieri 24 gennaio a Milano si è riunito il COMITATO NAUFRAGHI  CONCORDIA promosso dalle Associazioni dei Consumatori (Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Assoconsum, Assoutenti, Casa del Consumatore, CTCU, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori).

Il Comitato Naufraghi Concordia ha deciso di partecipare con una delegazione all’incontro con Costa Crociere convocato da ASTOI a Roma il prossimo 26 gennaio 2012.

Al riguardo precisa che:

  • Costa Crociere deve aprire con urgenza un tavolo negoziale che definisca -congiuntamente al Comitato- le modalità risarcitorie in via extragiudiziale senza che questi debbano sostenere ulteriori spese;
  • Costa Crociere informi le Associazioni dei Consumatori e -dove necessario concordi con queste- i livelli adottati sulle proprie navi per la sicurezza degli imbarcati.

Il Comitato ribadisce la richiesta formulata dall’A.D. Foschi di un incontro diretto con il Comitato nell’interesse generale dei passeggeri e di Costa Crociere.