Archivio mensile:Marzo 2013

CONSUMERS’ FORUM – Rinnovate le cariche

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 17 luglio 2012 – “Consumers’ Forum è un’istituzione che può consentire di raggiungere elevati livelli di collaborazione tra imprese e associazioni dei consumatori ed è per questo motivo che merita una profonda dedizione lavorativa: è al raggiungimento di questo ambizioso obiettivo che dedicherò il mio lavoro nei prossimi tre anni”. Con queste parole Giuseppe Mermati, Segretario nazionale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), accoglie la sua nomina come Segretario generale di Consumers’ Forum.

L’associazione indipendente di cui fanno parte le più importanti Associazioni di Consumatori, numerose Imprese Industriali e di servizi e le loro Associazioni di categoria, Unioncamere e Università ha, infatti, rinnovato le sue cariche, che avranno mandato fino al 2015. Il nuovo Presidente di Consumers’ Forum è dunque Fabio Picciolini, già Segretario Nazionale di Adiconsum; vicepresidente è Romolo Giacani di Poste Italiane.

“Sono soddisfatto per l’incarico importante che mi è stato affidato -afferma Picciolini-  il lavoro per i prossimi tre  anni sarà improntato alla collegialità rispetto a tutti gli stakeholders rappresentati in Consumers’ Forum. Cercheremo di ampliare l’attività di CF in settori merceologici nuovi senza sovrapporci nelle competenze alle singole associazioni dei consumatori”.

“Poste Italiane -commenta Giacani- è uno dei soci fondatori di Consumers’ Forum perché l’azienda ha sempre creduto nel dialogo e nella collaborazione con le Associazioni dei consumatori in quanto rappresentanti dei cittadini ed interlocutori fondamentali per interpretare al meglio le esigenze della clientela. In qualità di  Vicepresidente, rappresentante della componente imprenditoriale di Consumers’ Forum, il mio impegno nel prossimo triennio sarà quello di favorire sempre di più questo dialogo, per realizzare iniziative mirate alla crescita e allo sviluppo della cultura consumeristica nel nostro Paese.”

Stress e dieta: la felicità sulla bilancia

Sembra un cane che si mangia la coda: più si è stressati, più si cerca consolazione nel cibo; d’altro canto, peggiore è il nostra rapporto con il cibo, maggiore è lo stress che si genera.

Testa e cibo; psiche e alimentazione: sono i concetti chiave del libro “Stress e dieta”, scritto dalla psicoterapeuta Paola Vinciguerra e dal nutrizionista clinico Giorgio Calabrese e presentato nei giorni scorsi a Roma con l’intento di analizzare il rapporto che ciascuno di noi ha con l’alimentazione e approfondire le conseguenze che questo ha su corpo e  mente. Alla psicanalista spetta il compito di spiegare il senso psicologico del cibo e di insegnare ad amarsi nonostante i chili di troppo; al medico, l’incarico di suggerire la dieta corretta a seconda dell’età e lo stile di vita.

Molti collegamenti tra il proprio stato emotivo e i comportamenti alimentari, spesso sono sottovalutati e non ci si rende conto, ad esempio, di rifugiarsi nel cibo per colmare un vuoto emotivo, così come forti tensioni sentimentali possono influire sul peso.

Trovare un giusto equilibrio non è facile: “dovremmo imparare a  volerci bene, scrive la Vinciguerra, che non vuol dire arrivare ad essere perfetti, meta assolutamente irraggiungibile, ma amare quello che siamo”. Il primo step di questo percorso è di non vedere più il cibo come un nemico, ricordando che, non solo è fondamentale per la nostra sopravvivenza, ma è anche una fonte di piacere.

“Stress e vita” è un libro per tutte le stagioni, ma andrebbe letto in particolare in prossimità di quella estiva, quando, aspettando la prova costume ci si illude che la felicità coincida con una forma perfetta, spesso irraggiungibile e invece, la realtà è che la felicità possiamo trovarla solo dentro di noi!

Autore: Simona Volpe
Data: 2 Luglio 2012