Acquisti online, la garanzia post vendita

ecommerce

A chi devo rivolgermi se il prodotto acquistato online presenta qualche difetto?” E’ questa una delle domande più frequenti che arrivano allo sportello E-commerce della nostra Unione Nazionale Consumatori, considerato il numero sempre crescente di consumatori che acquistano su internet svariati prodotti.  

La prima cosa da ricordare è che online abbiamo sempre il diritto a cambiare idea, ciò significa che una volta arrivato il prodotto acquistato, se non è esattamente come immaginavamo (o anche se semplicemente abbiamo cambiato idea), abbiamo 14 giorni di tempo per restituirlo. 

Ma cosa fare se il prodotto acquistato online è difettoso?

Se il prodotto è difettoso abbiamo due anni di tempo per far valere la garanzia post vendita. La garanzia, dunque, vale dal momento della consegna per due anni e può essere fatta valere entro due mesi dalla scoperta del problema: il consumatore può chiedere (sempre meglio per iscritto) la sostituzione o riparazione del prodotto e, solo nel caso in cui queste siano difficoltose o impossibili, si può chiedere la riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto (con restituzione del denaro al cliente e del prodotto al venditore).

Consigliamo, in ogni caso ai consumatori di fare attenzione al momento della consegna del prodotto: non solo verificare l’integrità dell’imballo (attenzioni a eventuali tracce di umidità), ma è consigliabile anche aprirlo senza distruggere la confezione (potrebbe essere utile qualora si decidesse di esercitare il diritto di recesso). Se poi il prodotto è composto da più parti è bene controllare la completezza del contenuto controllando il numero dei “colli”, se necessario, mettendolo a confronto con la copia cartacea dell’ordine fatto on-line.

Accertato che non manchi niente, si tratterà di verificare l’integrità della merce e la conformità della stessa: per l’abbigliamento la taglia in etichetta dovrà corrispondere alla reale vestibilità del capo e lo stesso dicasi per le calzature (qualche utente ci ha segnalato di aver ricevuto vestiario con etichette e misure chiaramente “sballate”).

Qualora si tratti di un prodotto elettrico o elettronico dovremo aver cura di leggere (e conservare) le istruzioni e di testare quanto prima il corretto funzionamento (occhio a eventuali accessori perché il malfunzionamento di un pezzo, come ad esempio il caricabatterie, potrebbe viziare l’intera fornitura…).

E’ opportuno tenere traccia di ogni difetto facendo riscorso, se del caso, a immortalare qualunque difformità con una foto o un piccolo video per far valere la garanzia.

Infine, oltre a conservare la prova di acquisto è bene  preservare anche la bolla di accompagnamento, per provare la data di consegna che è quella dalla quale decorrono i due anni di garanzia.

Ricordiamo che per assistenza è possibile contattare i nostri esperti attraverso lo Sportello Ecommerce in home page.

Per saperne di più sugli acquisti online, Scarica la nostra guida E-commerce: tutti i segreti dalla A alla Z. 

Autore: Simona Volpe
Data: 12 giugno 2017
Aggiornamento: 16 marzo 2020

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Francesca

Ho fatto un ordine online. Oggi mi contatta il negozio dicendomi che purtroppo nell’ordine di un articolo il prezzo agganciato era di un altro articolo che costa meno di 40 euro.per cui vogliono restituirmi tutto l’importo dell’ordine a meno che io non voglia procedere con il prezzo giusto che è di 40 euro di piu. Posso pretendere l’ordine così come l’ho effettuato?

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno Francesca, se il contratto è concluso e ha pagato il prezzo dell’articolo, l’errore sul prezzo esposto, (se non facilmente riconoscibile con l’ordinaria diligenza) non può essere opposto al consumatore ai fini dell’annullamento dell’ordine. Infatti, nelle offerte al pubblico il venditore online, deve rispettare il prezzo pubblicizzato e dunque, in caso di errore, dovrà accollarsi la perdita economica.
E’ però bene tenere a mente che la regola generale sui contratti è che entrambe le parti devono comportarsi secondo buona fede. Quindi, a fronte del dovere del venditore di spedire quanto richiesto, nei tempi concordati e al prezzo pattuito, sta quello dell’acquirente di non abusare di errori palesemente riconoscibili.
Inoltre, se il prezzo (errato) dell’oggetto era qualificato come “offerta speciale”, “sottocosto” o altra dicitura simile, allora sarà possibile insistere per ottenere il bene acquistato al prezzo originario per quanto errato, invocando la buona fede del consumatore dal momento che se un prodotto è in offerta allora il prezzo può essere effettivamente di qualsiasi entità. Ma se non è questo il caso, allora difficilmente ci si potrà appellare alla buona fede per sostenere il diritto ad avere il prodotto a un prezzo palesemente fuori mercato

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno Francesca, se il contratto è concluso e ha pagato il prezzo dell’articolo, l’errore sul prezzo esposto, (se non facilmente riconoscibile con l’ordinaria diligenza) non può essere opposto al consumatore ai fini dell’annullamento dell’ordine. Infatti, nelle offerte al pubblico il venditore online, deve rispettare il prezzo pubblicizzato e dunque, in caso di errore, dovrà accollarsi la perdita economica.

E’ però bene tenere a mente che la regola generale sui contratti è che entrambe le parti devono comportarsi secondo buona fede. Quindi, a fronte del dovere del venditore di spedire quanto richiesto, nei tempi concordati e al prezzo pattuito, sta quello dell’acquirente di non abusare di errori palesemente riconoscibili.

Avatar
Valerio

Buonasera , io ho comprato una stampante 3d online dopo 2 mesi non funziona più ..quando chiedo alla ditta la garanzia fanno finta di niente . Dopo 22 email non ho una risposta?Cosa posso fare

Avatar
Vincenzo

O aquistato due reti con materassi ditta marion sono pessimi molto piccoli e o pagato ben 1500 con un finanziamento

Avatar
Di Cola marina

Ho comprato un Videocitofono su Amazon, dopo neanche un mese dal montaggio il campanello non funziona. Posso rivolgermi direttamente ad Amazon dove ho fatto l acquisto? Grazie

Avatar
Rita

Ho acquistato una lavatrice online da 17 giorni e ho riscontrato dei problemi( acqua sul pavimento). È gratuito l’assistenza?

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno, la lavatrice è in garanzia quindi l’assistenza è gratuita. Se ha bisogno del supporto dei nostri esperti ci contatti attraverso il nostro sportello Prodotti difettosi.


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma

Vuoi l’offerta di luce e gas più conveniente ed essere sempre tutelato?