La classifica delle truffe del Black Friday

Hai acquistato online i primi regali di Natale approfittando delle promozioni del Black Friday, ma le cose non sono andate esattamente come ti aspettavi? Puoi contattare i nostri esperti attraverso lo sportello E-commerce per avere assistenza o semplicemente segnalare una scorrettezza.

Il Black Friday è una tradizione d’oltreoceano: dopo il  giorno del Ringraziamento (la festa che si celebra il quarto giovedì di novembre negli Usa e in Canada), infatti, i consumatori americani sono abituati a prendere d’assalto i grandi magazzini dove sono proposti sconti speciali allo scopo di favorire lo shopping e dare il via alle spese natalizie. Da qualche anno è diventato consuetudine anche da noi: inizialmente si trattava solo di e-commerce, ma ancor di più in quest’anno in cui le vendite sono state messe a dura prova dalla pandemia, le promozioni hanno riguardato anche moltissimi negozi fisici, senza contare che la giornata degli sconti si è dilatata diventando la settimana del Black Friday se non di più! 

Il problema è che non sempre le offerte sono così convenienti come vogliono farci credere: negli ultimi giorni al nostro sportello e-commerce e sulla pagina Facebook UNConsumatori sono arrivate diverse segnalazioni riguardanti le scorrettezze di alcuni venditori. Possiamo suddividere le segnalazioni in tre principali filoni di scorrettezza: in testa alla classifica, le offerte gonfiate così da farle apparire scontate (esattamente come fanno i commercianti scorretti durante i saldi). Un consumatore ad esempio ci segnala che in una di elettronica hanno dimenticato di rimuovere i vecchi volantini così svelando un trucco vecchio come il mondo, ma evidentemente ancora in voga!

Al secondo posto abbiamo registrato le famose promozioni fino a esaurimento scorte per le quali a molti è sembrato più facile restare a bocca asciutta che cogliere l’affare! 

Al terzo posto della classifica dei reclami di questo post Black Friday, il ritorno sugli scaffali (anche virtuali) di merce da magazzino se non addirittura contraffatta! Insomma in un momento in cui in molti provano a risparmiare anche sui regali di Natale il rischio quando il prezzo sembra troppo conveniente è di ritrovarsi con un oggetto ben diverso rispetto alle aspettative! 

Una riflessione la merita anche il vero e proprio saccheggio perpetrato a danno dei nostri dati con la scusa di consentire l’accesso a sconti e promozioni. Sul punto si è espresso in maniera inequivocabile in passato il Garante privacy: i consumatori devono poter navigare liberamente su un sito di e-commerce senza essere obbligati a rilasciare il consenso per finalità di marketing e promozione commerciale. Tanto più che il consenso deve essere libero: non si può obbligare l’utente a ricevere pubblicità solo per accedere alla vetrina online di un sito internet.

A queste lamentele si aggiungono i classici disservizi degli acquisti online: ritardo nella consegna, prodotti diversi rispetto all’ordine, ma anche difficoltà nel reso, nella richiesta di rimborso, prodotti difettosi e pubblicità ingannevoli.

Cosa fare dunque per evitare fregature? Nell’articolo Black Friday: come evitare il “bidone”   si trova il nostro decalogo antitruffa.

Per queste e altre problematiche legate agli acquisti online durante il Black Friday (e non solo) è possibile rivolgersi ai nostri esperti attraverso lo sportello E-commerce. 

Autore: Simona Volpe
Data: 2 dicembre 2020

 

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma