Obsolescenza programmata: Unc raccoglie segnalazioni

Smartphone che si rompono in concomitanza dell’uscita del nuovo modello, rallentamenti successivi all’aggiornamento del software: non siamo del tutto convinti che si tratti di episodi casuali e dal numero di segnalazioni che giungono ai nostri sportelli anche i consumatori sospettano che alcuni prodotti siano fatti apposta per non durare.

Più volte abbiamo denunciato  episodi di obsolescenza programmata e adesso l’Autorità Antitrust ci dà ragione, multando Samsung e Apple rispettivamente di 5 e 10 milioni di euro per pratiche commerciali scorrette per gli aggiornamenti dei software degli smartphone. Si tratta di una vittoria importante che segna un cambio di mentalità degli stessi consumatori che prima accettavano impotenti i problemi di batteria del proprio cellulare che iniziavano dopo neanche due anni dall’acquisto, oggi invece hanno ben chiaro che non è normale che ciò accada (soprattutto con apparecchi che costano diverse centinaia di euro) e chiedono spiegazioni all’azienda e a noi rappresentanti dei consumatori.

Se anche tu sei una vittima dell’obsolescenza programmata o fai parte dei numerosi consumatori che hanno avuto problemi con il cellulare Samsung Note 4 o con i vari modelli di iPhone 6 (6/6Plus e 6s/6sPlus) dopo aver installato  gli aggiornamenti Android e Ios, scrivi all‘Unione Nazionale Consumatori!

Manda un’email a sos@consumatori.it oppure scrivici sulla pagina Facebook UNConsumatori: valuteremo caso per caso se ci sono i margini per azioni legali e metteremo le aziende di fronte ad una presa di posizione concreta.

Per sapere di più su che cos’è l’obsolescenza programmata, e avere un quadro completo del ciclo di “vita” delle batterie che alimentano gli smartphone e tutti gli altri apparecchi che acquistiamo, leggi l’intervista al direttore del Dipartimento Tecnologie Energetiche di Enea Gian Piero Celata.

Autore: Simona Volpe
Data: 30 ottobre 2018

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Antonio

Lg frigorifero di quelli belli grandi ,con scheda elettronica sulla testa.tre anni e mezzo rotta la scheda prezzo euro 200,00

Francesco

Io ho avuto lo stesso problema con il BLACKBERRY PRIV.
Praticamente dopo l’aggiornamento non funziona più, il gps trova la posizione dopo 10 minuti e le applicazioni si aprono lentamente fino a bloccarsi.
La batteria prima mi durava una giornata (almeno) adesso devo ricaricare il telefono 2 volte al giorno

roberta mereu

oroprietaria di iphone 6s 16G ovviamente ho dovuto sostituire batteria ben due volte dal rilascipo dell’aggiornamento in questione!!

Gian Luca Limone

Non avrei mai immaginato che tutti i bug e i rallentamenti fossero dovuti a questa obsolescienza programmata.
Ho un iPhone 6s e sono relativamente basito dalle notizie che tramite voi apprendo, benchè effettivamente le problematiche sono iniziate con l’installazione di iOS 10. lo possono comunque dimostrare la quantità di telefonate che ho fatto all’assistenza di Apple e alle numerose mail che Apple mi ha iviato con i numeri delle tante pratiche aperte. Considerate che ho avuto il 2g 3gs 4 5 e 6s, quindi ho avuto sufficiente esperienza per aver cominciato ad avere problemi continui sul mio 6s. Last but not least prima con la batteria arrivavo a fine giornata con il 60% di batteria come carica residua. Dalla 10 in poi spesso, non sempre, verso le 16h00- 17h00 mi ritrovo con il cellulare che mi da il 7-10% di carica residua. Sono con Voi per qualunque azione vogliate intraprendere nei confronti della soc. a maggior capitalizzazione nel mondo anche grazie a tutti questi escamotage che rendono inefficente un cellulare da 800/900€ anche se mantenuto in perfetto stato.Peccato che ad una azienda così €10.000.000,00 di multa corrispondono ad una cifra minima rispetto agli introiti che ottengono con una chiara strategia fraudolenta. Grazie e cordiali saluti

Gabriella

Salve io ho un iPhone 6s e gli aggiornamenti Apple sono stati una vera truffa. Ho cambiato la batteria gratuitamente presso un centro Apple (visto che il mio i phone rientrava tra quelli che portavano difetto) e dopo aver aggiornato il telefono come richiesto è come se non avessi mai cambiato nessuna batteria. Non capisco come una multa così possa cambiare qualcosa a chi ha acquistato dei prodotti ed è stato preso per i fondelli

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online