Pagare per provare: giusto difendersi così da Amazon?

La notizia di quel commerciante che, stanco dei molti consumatori che (a suo dire) visitavano il suo negozio solo per provare le scarpe in vendita, ma senza avere nessuna intenzione di acquistare, preferendo poi comprarle su internet, ha scatenato polemiche a non finire. Vuoi provare le scarpe nel negozio? Paga 10 euro! Giusto difendersi così da Amazon? Che ne dite? E’ giusto o sbagliato reagire così a certi comportamenti speculativi di quella (parte di) clientela ormai innamorata dello shopping online che “usa” il punto vendita tradizionale solo come uno showroom per poi cercare il prodotto online a caccia di prezzi migliori?

Il tema dice molto sui nuovi trend di consumo, ma anche sulla miopia di certi attori del mercato: insomma, sebbene io creda alla inevitabile convergenza dei canali di vendita, posso persino comprendere che il commercio tradizionale cerchi di “difendersi” dall’ecommerce, ma non mi sembra questo il modo. Dal punto di vista dei consumatori sarebbe lecito attendersi ancora più accoglienza (e più servizi) dai negozi tradizionali, piuttosto che chiusura verso i potenziali clienti. Temi che affronto nel video qui sotto “Vuoi provare le scarpe? Paga 10 euro”.

Vuoi provare le scarpe nel negozio? Paga 10 euro! Giusto difendersi così da Amazon? Il video di Massimiliano Dona

In molti mi chiedono se la pratica è “legale”, considerato che la legge -ovviamente- non prevede questo servizio, ma neppure lo vieta. Dal punto di vista del diritto dei consumatori è necessario richiamare i principi generali della c.d. trasparenza che impone almeno che le persone che entrano nel negozio siano preventivamente informate (dal personale, con cartelli, etc.) delle modalità previste dal negoziante per la prova di calzature, capi, etc.

C’è poi la disciplina fiscale sulla quale –non essendo un fiscalista– mi limito a dire che a fronte del versamento di 10 euro, andrebbe emesso uno scontrino, ma qui non saprei dire se un negoziante può emettere scontrini per “servizi” non direttamente collegati alla sua licenza.

Il nodo principale, tuttavia, a mio avviso resta quello della concreta applicabilità della pratica: mi sembra difficile distinguere tra chi prova un prodotto e poi non lo compra in perfetta buona fede (perché non gli piace) e chi, invece, si è recato nel punto vendita solo per verificare la taglia, per vedere come il prodotto gli sta addosso o verificare dal vivo il colore.

È chiaro che se il commerciante decide di far pagare anche il primo, sarebbe una scelta discutibile non solo dal punto di vista del metodo, ma anche giuridicamente: applicandosi di fatto a tutti coloro che entrano nel negozio (anche solo per dare un’occhiata) si tradurrebbe in una sorta di “tassa di accesso” al negozio, cosa vietata per i luoghi aperti al pubblico. Ma a questo punto, come distinguere l’approfittatore (che già sa che acquisterà on line) dal normale cliente che semplicemente dopo aver provato un capo, si sarà deciso a non acquistare perché ha cambiato idea? Insomma, può capitare che non si acquisti perché si scopre che il bene non è di nostro gradimento (magari trovo scomode le scarpe o il maglione non mi piace dopo averlo indossato). E farsi addebitare 10 euro in questi casi sarebbe davvero il colmo!

Autore: Massimiliano Dona
Data: 11 settembre 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Valeria Vernon

Se da una parte un commerciante ci mette spese vive quali l’affitto del negozio e i costi di una o più commesse, ecc. d’altra parte non penso possa pretendere di continuare a fare affari come suo padre e suo nonno. Deve aggiornarsi. Il mio suggerimento è di aprire anche un negozio online che possa far concorenza agli e-commerce. A parte le spese amministrative che possono essere unite fra i due negozi, ha parecchi vantaggi sui venditori online di Amazon (che non sono così economici come si pensa): esperienza, magazzino molto più fornito, quindi maggiore scelta mentre il fatto di essere “su strada” offre ovviamente maggiore sicurezza al compratore. Un altro vantaggio riguarda gli orari: al negozio online può lavorare nei momenti liberi, non ci sono aperture o chiusure da rispettare. Inoltre online può offrire le rimanenze rapidamente. Sì, ho avuto un negozio online per molti anni e so di cosa parlo

Avatar
Carlo Canedoli

in un mondo dove quello che conta è il profitto, non mi stupisce più nulla, che tristezza, il commerciante che fa pagare questa prova delle scarpe non mi pare molto giusto, specie in questo periodo di ristrettezze economiche per molti consumatori.


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2019 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma

Scarica l'ebook
"Prodotti difettosi"