Pane e coperto al ristorante: le voci che gonfiano il conto

 

Pane, coperto e servizio al ristorante: avete appena consumato un’ottima cena ma ritenete che il conto sia “gonfiato” rispetto ai piatti consumati? A pesare, spesso, è il rincaro che a volte trovate in fondo alla fattura, quando vengono riportate le voci pane, coperto e servizio. Ma sono costi legittimi?

Pane e coperto

La voce “pane e coperto” riguarda il costo relativo non solo al cestino dell’alimento (spesso indicato a parte se di produzione propria) ma anche all’apparecchiatura della tavola (tovaglia, posate e tovaglioli). La prassi ha un’origine storica ben definita. È stata infatti introdotta nelle locande del Medioevo contro gli avventori che sostavano nei locali per trovare riparo dal freddo, da qui il costo appunto del posto al “coperto”. Da allora, però, di tempo ne è passato e oggi questi costi aggiuntivi sono obiettivamente ingiustificati, soprattutto nei ristoranti che usano tovagliette e tovaglioli di carta usa e getta. Per questo motivo, sono molti i ristoratori che fanno rientrare nel coperto anche una serie di servizi non quantificabili nel conto come: la posizione e la peculiarità della location, la professionalità del personale, la qualità del servizio, la pulizia del locale.

Servizio

Con la voce “servizio”, che si attesta intorno al 15-20% del conto totale, si usava pagare i camerieri quando ancora non esistevano i contratti di lavoro. Anche in questo caso, si tratta di un costo aggiuntivo che troviamo ancora oggi in fattura, nonostante i dipendenti di un ristorante debbano essere per legge contrattualizzati.

La legittimità di pane, coperto e servizio

Tutte queste voci non sono in realtà illegittime in quanto non esiste una legge nazionale che le vieti, ed è quindi a discrezione del ristoratore applicarle. Ma, almeno per quanto riguarda il coperto, questo deve essere esplicitamente indicato nel listino prezzi, come disposto dall’art. 18 del regio decreto n. 635/1940. La voce relativa al costo del coperto, tuttavia, deve essere specificamente indicata nel listino prezzi. La legge italiana impone infatti ai pubblici esercenti di esporre nel locale dell’esercizio, in luogo ben visibile al pubblico, la licenza, l’autorizzazione e la tariffa dei prezzi.

La situazione a Roma e nel Lazio

Non essendo in vigore, come detto, una normativa a livello nazionale, diverse Regioni e Comuni hanno deciso di regolarizzare la materia con delle leggi ad hoc. È il caso, tra gli altri, del Comune di Roma e della Regione Lazio. Nel 1995 un’ordinanza del sindaco vietava di imporre la voce “coperto”, mentre consentiva di indicare la voce “pane” e la voce “servizio”. Qualche anno più tardi, nel 2006, una legge regionale (n. 21 del 29 novembre) ha vietato la voce “pane e coperto”, consentendo però la voce “servizio”. “Qualora il servizio di somministrazione sia effettuato al tavolo – dice la legge – la tabella o il listino dei prezzi deve essere posto a disposizione dei clienti prima dell’ordinazione e deve indicare l’eventuale componente del servizio con modalità tali da rendere il prezzo chiaramente e facilmente comprensibile al pubblico. È inoltre fatto divieto di applicare costi aggiuntivi per il coperto”.

I nostri consigli

Nonostante la normativa sia molto chiara, a Roma sono molti i ristoratori che non rispettano le regole, ad esempio inserendo nel conto voci equivoche. Per evitare inganni, il consiglio è quello di verificare che il menu indichi la componente del servizio specificando cosa il consumatore paga a fronte di quella specifica voce di prezzo. Lo stesso vale in molte Regioni, come la Lombardia. L’eventuale denuncia per illeciti posti in essere dai ristoratori deve essere presentata ai vigili urbani. Alla luce di questa situazione frammentata, sono pertanto necessari almeno due interventi per tutelare i consumatori: introdurre una normativa nazionale che renda esplicito il divieto di far pagare il coperto e prevedere sanzioni a carico dei ristoratori che non rispettano la legge.

Data: 16 aprile 2019
Autore: Rocco Bellantone

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Daniele

Salve.
Una curiosità…Dal momento in cui non si deve far pagare il “coperto” e/o il “servizio”,
cosa dovrebbe e potrebbe fare il ristoratore nel caso in cui una tavolata di 20 persone ordina 5 antipasti, 3 patatine e 10 pizze?!
I 20/40/60 piatti vuoti e puliti in più che bisogna ridistribuire ogni volta alla tavolata devono essere gratis?!
Grazie mille, buona giornata!!!

Paolo

Ok pago il coperto ma poi porto via posate e bicchieri.

Elena Iaccarino

Ieri sono stata in una pizzeria-paninoteca e oltre a pizza e panini non fa null’a. Mi hanno fatto pagare il coperto. Per coperto loro intendono bicchiere in vetro, posate d’acc, tovagliolo di carta e tovaglietta all’americana in carta . Senza pane e senza tovaglia. È lecito pagare in questo caso?

damiano

secondo me è giusto perchè anche se le tovagliette sono di carta sono comunque un costo che l’attivita sostiene

Gianmaria

L’attività sostiene anche il costo di chi lava i pavimenti e della carta igienica nei bagni, la lavanderia dei grembiuli e gli stracci da cucina: quindi secondo questa logica c’è un balzello anche per questi? Un tot per affitto ed utenze non glie lo vogliamo riconoscere?

cinzia

tovaglia di carta, tovagliolo di carta, cestino con bustine di salse varie (maionese, ketchup, salsa barbecue), bicchieri di vetro e posate di acciaio (non di plastica) da lavare, il tavolo pulito, il bagno pulito e fornito di carta igienica e sapone per le mani, tutto questo ha un costo e poi se il locale è una “pizzeria-paninoteca” cosa dovrebbe fare in più, ovvero, il locale ha pubblicizzato tra i suoi piatti pasta, pesce, carni tipo bistecche e quant’altro che poi non ha trovato sul menù presentatoLw

Enrico

Sono andato in pizzeria e ristorande 8 persone solo pizze e arangine vino frittadine mi hanno fatto pagare coperto e il 12×200 il servizio solo per sexermi ho pagato 21 euro

damiano

guarda per come scrivi dovevi pagare il 200%

Giulio

Oramsi a cena vado agli happy hour e faccio prima, non ponendomi problemi di sorta.

Gianmaria

Questa sì che è classe!! Puoi anche imbucarti ai pranzi di matrimonio che una tartina al salmone non si nega a nessuno!

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma