Spreco alimentare: i numeri del fenomeno e i consigli per ridurlo

La lotta allo spreco alimentare si combatte giornalmente partendo dalle mura domestiche dove, purtroppo, si spreca ancora la maggior parte di cibo. Verdure e insalate, seguite da pasta e riso sono i prodotti che finiscono più spesso nella pattumiera: il motivo è da ricondursi ad abitudini non sempre molto sostenibili dei consumatori.

Eppure basterebbe poco per ridurre gli sprechi a tavola con notevoli vantaggi per il pianeta e per le tasche dei consumatori.

Il progetto “All you need is food”

Nell’ambito progetto All you need is food, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (ai sensi dell’art. 72 DL del 03/07/2017 n.117 e S.M.I., annualità 2018), la nostra associazione, insieme ad Udicon ha realizzato un video che fotografa la dimensione del fenomeno (pensiamo che la cifra sprecata ogni anno nelle case degli italiani equivarrebbe ad una mezza finanziaria) e fornisce utili consigli per evitare gli sprechi.

GUARDA IL VIDEO

I falsi miti sul cibo

Ma non solo: contribuiscono all’aumento del cibo sprecato alcuni falsi miti alimentati da tutti quei programmi televisivi che mostrano solo prodotti lucidi e perfetti: mele rosse e brillanti, uva con chicchi pieni e lustri, foglie di insalata così verdi e grandi che sembrano finte. Basterebbe ricordare che anche una mela leggermente raggrinzita può essere tagliata e cotta con un po’ di miele e cannella, divenendo così un ottimo dessert; così come le foglie delle verdure un po’ appassite sono ottime per minestre e vellutate e, è bene sapere, che uno stracchino o una mozzarella leggermente colorati di giallo in superficie, o una fetta di prosciutto cotto dall’odore leggermente acido, possono essere ancora considerati cibo non nocivo che può essere utilizzato previa cottura come ingredienti per una frittata, in un pasticcio di uova o altro. Utilizzando il calore, come è noto, tutti i microrganismi vengono distrutti.

Leggere le etichette con gli speaker di RDS

Altro aspetto fondamentale per ridurre gli sprechi è leggere le etichette: da venerdì 5  febbraio, la Giornata Nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare è online un simpatico video realizzato dalla nostra associazione in collaborazione con RDS 100% Grandi Successi. Con la partecipazione degli speaker della radio Danny Virgilio e Filippo Ferraro ricordiamo ai consumatori cosa significa “consumare preferibilmente entro e quali alimenti sono ancora buoni dopo la scadenza. Il tutto con l’obiettivo di parlare ai più giovani per evitare che cibo ancora buono finisca nella pattumiera.

Continuate a seguirci per dire NO agli sprechi!

GUARDA IL VIDEO

Autore: Simona Volpe
Data: 2 febbraio 2021

 

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma