Stagionatura prosciutto di Parma

commenta  |  pdf

Si può sapere da quanto tempo è stato stagionato il prosciutto di Parma?

Del prosciutto di Parma si può sapere quanto tempo è stato stagionato se il consumatore chiede al negoziante di verificare il “CPP”. La sigla sta per “Consorzio prosciutto di Parma” ed è un sigillo metallico che accompagna tutti i prosciutti di Parma messi in commercio dal 1996, riportando il mese e l’anno di inizio della stagionatura. Come è noto, una lunga stagionatura migliora la qualità e le caratteristiche del prosciutto, che è più saporito e meno umido. Per combattere le imitazioni e dare ulteriori garanzie di trasparenza sull’origine del prodotto, nel prosciutto di Parma ci sono altri tre marchi: un tatuaggio indelebile posto dall’allevatore su entrambe le cosce del suino, con il proprio codice di identificazione e la data di nascita dell’animale; un timbro a fuoco del macello con la sigla “PP” e il codice di identificazione; infine, il già noto timbro “Parma” dentro una corona a cinque punte, ovvero quella del Consorzio, accompagnato dalla sigla di identificazione dell’azienda ove il prosciutto è stato lavorato.

(Unione Nazionale Consumatori)

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Non rinuciare a difenderti!

Difendere i propri diritti può essere frustrante, soprattutto se si ha di fronte una grande azienda. Ma con accanto un'associazione che ha 60 anni di esperienza nella tutela del consumatore diventa semplice.

Se hai dubbi o difficoltà ricorda che puoi sempre chiamarci allo 06 32600239. Ti risponderemo e cercheremo di risolvere insieme il tuo problema.

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida