Alla scoperta dei solfiti

commenta  |  pdf

La maggior parte dei consumatori non conosce queste sostanze ampiamente utilizzate nel settore alimentare e pertanto, senza neanche saperlo, quotidianamente ne assume in elevate quantità.   Fanno eccezione i “soggetti sensibili” che invece prestano molta attenzione all’assunzione di solfiti perché sono la causa di manifestazioni allergiche, incluse le forme asmatiche.

Cosa sono?

Fin dall’antichità i solfiti venivano impiegati soprattutto per facilitare la conservazione di gran parte dei prodotti alimentari. I primi a farne uso furono i Greci e i Romani che adoperavano il biossido di zolfo per disinfettare i tini in cui fermentava il vino. Le nuove e crescenti esigenze alimentari, imposte dallo sviluppo industriale, hanno incrementato notevolmente il ricorso a questo tipo di sostanze.

I solfiti sono composti organici solforosi che vengono impiegati come additivi alimentari, in ottemperanza al Regolamento (CE) n. 1333/2008, e rientrano nella categoria dei conservanti identificati dalle sigle E220-E228.

In particolare, con la sigla E220 viene indicata l’anidride solforosa (o biossido di zolfo) che è un gas incolore, irritante e dall’odore pungente che si produce dalla combustione dello zolfo nell’aria. I solfiti (E221, E226, E228), i bisolfiti (E222, E227) e i metabisolfiti (E223, E224) sono suoi sali inorganici che, durante il passaggio nell’apparato digerente, liberano anidride solforosa.

A cosa servono?

I solfiti vengono aggiunti non solo nel vino ma anche in molti altri alimenti consumati quotidianamente come marmellate, bevande analcoliche a base di succhi di frutta, frutta secca o candita, conserve ittiche, crostacei congelati, insaccati e prodotti sott’olio. Grazie alle loro proprietà antimicrobiche, batteriostatiche, antifungine, ma anche antiossidanti e chiarificanti, favoriscono e incrementano la conservabilità dei prodotti alimentari, evitando alterazioni di colore come ad esempio l’imbrunimento della frutta secca e della verdura.

In particolare, per quanto riguarda il vino, nonostante i fenomeni fermentativi producano naturalmente una piccola quantità di anidride solforosa, l’aggiunta di solfiti consente sia un’ottima fermentazione sia la successiva conservazione, poiché tali sostanze riducono la proliferazione di lieviti e batteri, impediscono eventuali fermentazioni anomale nonché facilitano l’estrazione del colore e del sapore dalle vinacce.

In ogni caso gran parte dei solfiti “evapora” sotto forma di anidride solforosa durante le prime fasi di lavorazione del vino e quindi con il tempo tende a scomparire dal prodotto; difatti normalmente la quantità che si ritrova nei vini in bottiglia o nei cartoni è molto più bassa rispetto alle fasi iniziali di produzione.

Dosi d’impiego

In Italia, le norme di legge esistenti consentono l’aggiunta di 160-210 milligrammi per litro in funzione che si tratti di vini rossi oppure bianchi e rosati, mentre per i vini dolci il limite è più alto (400 mg/l) poiché la presenza di zuccheri fermentescibili aumenta il rischio di rifermentazioni non desiderate in bottiglia.

Consigli

Come detto, i solfiti vengono aggiunti praticamente in tutti i vini compresi quelli in bottiglia di alto pregio. Si tratta di sostanze minerali potenzialmente ipersensibilizzanti o allergizzanti che, in alcuni soggetti sensibili, possono provocare manifestazioni allergiche talvolta anche gravi incluse forme asmatiche, pertanto i produttori sono obbligati a indicare in etichetta la presenza di solfiti e di anidride solforosa nel vino e in ogni altro alimento. Dunque è bene che i soggetti con tendenze allergiche e/o asmatiche prestino attenzione al consumo di alimenti contenenti questo conservante e in particolare ai prodotti venduti sfusi che non hanno etichette (come i vini e la frutta secca) poiché, rispetto a quelli confezionati, potrebbero dare meno garanzie riguardo la segnalazione della presenza di solfiti. Dunque si potrebbe affermare che i solfiti non sono dannosi per la salute, ad eccezione, come già menzionato, delle persone ipersensibili la cui assunzione di tali sostanze può scatenare manifestazioni allergiche e asmatiche.

Riguardo al vino, il problema più rilevante è rappresentato soprattutto dall’alcol perché potenzialmente più tossico e dannoso dei solfiti. A tal riguardo è sempre buona norma raccomandare un consumo moderato e consapevole della bevanda per mantenere un buono stato di salute.

Autore: Martina Bernardi
Data: 13 ottobre 2014

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori

Non rinuciare a difenderti!

Difendere i propri diritti può essere frustrante, soprattutto se si ha di fronte una grande azienda. Ma con accanto un'associazione che ha 60 anni di esperienza nella tutela del consumatore diventa semplice.

Se hai dubbi o difficoltà ricorda che puoi sempre chiamarci allo 06 32600239. Ti risponderemo e cercheremo di risolvere insieme il tuo problema.

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida