Il guinzaglio per il cane può salvare la vita?

L’importanza di avere il cane sempre sotto controllo e di assicurarlo al guinzaglio, quando si esce a passeggio, non deve mai essere sottovalutata. Lo ha confermato di recente anche la Corte di Cassazione (ordinanza n. 21772 del 29 agosto 2019), riconoscendo la responsabilità della proprietaria di un cagnolino che, azzuffandosi con un altro cane, ha causato un incidente risultato fatale per il proprietario di quest’ultimo. La signora aveva portato con sé per la strada il suo cagnolino, senza mettergli il guinzaglio e neppure la museruola. L’uomo, vittima dell’incidente, è morto dopo essere caduto mentre cercava di allontanare il suo cane dall’altro che lo stava aggredendo.

La Suprema Corte ha stabilito che tutti gli eventi conseguiti alla zuffa sono dipesi dall’aggressione iniziale, compiuta dal cane che non era assicurato al guinzaglio.

Infatti, il comportamento rilevante dell’animale, secondo i giudici, si è manifestato quando lo stesso, non essendo al guinzaglio, ha potuto dirigersi verso l’altro.

Il fatto che la vittima abbia poi, a sua volta, compiuto gesti che hanno influito su quanto accaduto (l’uomo è scivolato a terra battendo la testa, nel tentativo di controllare il proprio cane) deve essere valutato secondariamente.

Cosa dice la legge

L’obbligo del guinzaglio è previsto espressamente nel Regolamento di Polizia Veterinaria, che lo impone quando i cani si trovano nelle vie o in altro luogo aperto al pubblico. Se non sono tenuti al guinzaglio, i cani devono indossare una idonea museruola.

Servono, inoltre, obbligatoriamente sia la museruola sia il guinzaglio per i cani condotti nei locali pubblici e nei mezzi di trasporto pubblico (art. 83).

Inoltre, da alcuni anni, viene mantenuta in vigore in Italia un’Ordinanza del Ministero della Salute concernente la tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani, che obbliga a condurre i cani utilizzando un guinzaglio di lunghezza non superiore a 1,50 metri, nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico. Sono escluse solo le aree per cani individuate dai Comuni.

È anche sempre opportuno verificare se, nel luogo in cui ci si trova, esista un regolamento comunale, che renda obbligatorio sul quel territorio l’uso di guinzaglio e/o museruola per i cani condotti nelle vie e nei luoghi aperti al pubblico.

Responsabilità civili e penali

Quando un animale causa qualche danno, la persona che ne è proprietario o detentore ne è responsabile e deve provvedere al risarcimento, secondo quanto previsto dall’art. 2052 del Codice civile, a meno che non riesca a provare che si sia trattato di un caso fortuito oppure che la colpa dell’accaduto sia da attribuire al danneggiato.

La Cassazione ha più volte sancito, a questo proposito, che “la responsabilità resta imputata a chi si trova in relazione con l’animale perché ne è proprietario o perché ha comunque un rapporto di custodia sul medesimo” (tra le ultime pronunce in tal senso, si veda la sentenza Cass. Civ. n. 19506 del 19/07/2019).

Bisogna tenere presente che la responsabilità potrebbe essere addirittura di tipo penale (art. 590 del Codice penale), nel caso in cui il cane provocasse lesioni personali (ad esempio con un morso a un bambino oppure facendo cadere un anziano).

Sempre il Codice Penale punisce, seppure con una sanzione di tipo amministrativo, chi lascia liberi o non custodisce con le debite cautele animali pericolosi da lui posseduti oppure ne affida la custodia a una persona inesperta (art. 672 del Codice penale).

Rischi per sé e gli altri

Lasciare il proprio cane libero, senza guinzaglio, per le strade o in altri luoghi pubblici o aperti al pubblico è un comportamento irresponsabile, che può diventare molto pericoloso. Molte norme lo vietano.

La giurisprudenza più recente conferma che quando un cane ha l’incontrollata possibilità di dirigersi verso un altro cane e scatenare una zuffa (sarebbe lo stesso se aggredisse, spaventasse o anche solo urtasse una persona), questo fatto vale come causa di eventuali danni successivi.

Significa che un giudice potrà considerare il fatto che il cane fosse libero e senza guinzaglio come movente sia della situazione di pericolo sia del danno derivante da eventuali azioni compiute in conseguenza, per difesa o per reagire alla situazione e fronteggiarla adeguatamente.

Questo pone il proprietario dell’animale o il suo detentore nella condizione di doverne risponderne. Il prezzo potrebbe anche essere una vita umana.

Autore: Paola Fossati (animalidacompagnia.it)

Data: 4 febbraio 2020

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Enrico Marras

Ho assicurato il mio cane per la responsabilità civile nel caso esso provochi danni a persone o cose. Spero che questo mi protegga anche se il cane in alcune aree, non dedicate ai cani, venga lasciato libero di scorrazzare.

Avatar
Franca

Ho due cani piccoli, non ho mai visto una sola volta vigili o tutori dell”ordine multare o riprendere proprietari di cani liberi o senza museruola, tanto meno x quei proprietari che non raccolgo le deiezioni. Ormai in città facciamo lo slalom tra le cacche

Avatar
Silvia Malizia

Ciao, possiamo definire meglio “aperto al pubblico”?
C’è chi dice che un bosco è un luogo aperto al pubblico …
Grazie

Avatar
Vincenzo Iannotti

Perché i vigili o altri tutori dell’ordine fanno finta di non vedere quando i cani circolano liberamente nei luoghi pubblici, all’aperto, per strada, maggior ragione quando ci sono anche cartelli che vietano tale comportamento?

Avatar
gabriella

La responsabilita` in merito all’osservanza dei regolamenti delle pubbliche amministrazioni non dovrebbe limitarsi ad emettere ordinanze ma deve anche, per quanto possibile, dimostrare di farle osservare. Questo perche` in genere i proprietari di animali se ne strafregano di norme e divieti.

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma