Attenzione alla nuova “Truffa del Direttore”

Nei giorni scorsi è iniziata a circolare una mail fasulla che invita gli utenti a prendere visione dei documenti in allegato: i truffatori vogliono far credere che ad inviare la comunicazione sia l’Agenzia delle Entrate ma non è assolutamente così.

 

La truffa

Gli ideatori di questa truffa inviano mail che, ad uno sguardo poco attento, potrebbero sembrare effettivamente inviate dal Fisco, ma che in realtà hanno  l’unico obiettivo di carpire i dati sensibili del mal capitato.
Già dall’oggetto “Il Direttore dell’Agenzia”, l’intento dei truffatori è quello di portare in confusione il mal capitato: nel testo poi si invitano gli utenti a seguire le istruzioni e a scaricare il file allegato per scoprire se i pagamenti sono in regola o meno.

Le mail, pur riportandone indebitamente il logo, però non sono inviate dall’Agenzia delle Entrate che, attraverso un comunicato, ha invitato gli utenti a diffidare da questo genere di messaggi ricordando come l’Agenzia non invii mai per posta elettronica comunicazioni contenenti dati personali dei contribuenti.

 

Phishing

Purtroppo, quindi, si tratta dell’ennesimo episodio di phishing ai danni dei consumatori: una  frode informatica ideata allo scopo di rubare i dati personali, come il numero di carta di credito. Il phishing consiste nell’invio di false mail, apparentemente provenienti ad esempio da una banca o da una società emittente di carte di credito che, utilizzano il logo, il nome e il layout tipico dell’azienda che si vuol far credere stia inviando la comunicazione, ma in realtà trattasi di una vera e propria truffa.

 

Come difendersi

I consigli per evitare di cadere vittima di questo illecito sono quindi quelli di accertarsi che la mail ricevuta sia effettivamente una comunicazione ufficiale e che non presenti quindi elementi dubbi (come un indirizzo di posta elettronica sospetto).

Una volta ricevuto questo genere di mail non aprire mai link che invitano ad inserire i propri dati personali e non scaricare mai i file allegati.

La prudenza in questi casi non è mai troppa e quindi, se si sospetta di qualcosa, una telefonata per accertarsi che la comunicazione ricevuta sia stata effettivamente inviata dall’istituzione in questione potrebbe evitarci parecchie grane.

Ricordiamo, oltre all’importanza di denunciare gli illeciti alle Autorità competenti, che è possibile richiedere lassistenza dei nostri esperti 

Autore: Lorenzo Cargnelutti
Data: 15 luglio 2020

 

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma