Dichiarazione dei redditi: chi paga le sanzioni?

1 commento  |  pdf

DOMANDA: Ho affidato l’elaborazione e la trasmissione della dichiarazione dei redditi ad un CAF. A distanza di due anni però l’Agenzia delle entrate mi contesta alcune detrazioni che a loro dire non sono spettanti poiché non avrei risposto al loro invito di presentare la documentazione attestante le spese inserite comportanti il diritto ad una detrazione. Premesso che non ho mai ricevuto alcuna comunicazione e avendo comunque dato incarico al Caf consegnandogli tutta la documentazione, devo pagare io le eventuali sanzioni?
 

Gianluca Timpone

Risponde Gianluca Timpone, dottore commercialista.

RISPOSTA: Bisogna partire da un dato inequivocabile: quando si presenta la dichiarazione dei redditi sia esso modello 730 (riservato ai soli lavoratori dipendenti) sia il modello unico, tutte le spese che danno diritto ad una detrazione di imposta, come ad esempio gli interessi per mutui acquisto prima casa, spese mediche, ristrutturazioni edilizie, etc., vanno soltanto indicate senza allegare alcun tipo di documentazione giustificativa (per es. attestati rilasciati dalla banche, scontrini della farmacia o altro).  

Detto ciò, però, è normale che quando ci affidiamo ad un CAF per la compilazione del modello 730 dobbiamo consegnare i documenti che attestano il diritto a beneficiare della detrazione oltre che certificare attraverso la CU (certificazione unica) il reddito percepito dal proprio datore di lavoro, sia esso soggetto pubblico che privato. Sulla scorta di quanto consegnato, il CAF dovrà elaborare correttamente e fedelmente la nostra dichiarazione. Pertanto se il CAF ha apposto il proprio visto di conformità, eventuali errori e/o inesattezze nella compilazioni non potranno che essere addebitate a quest’ultimo. La comunicazione di irregolarità, infatti, non arriverà mai direttamente al contribuente bensì al CAF che solitamente ha 60 giorni per rispondere alla richiesta da parte dell’Agenzia delle entrate presentando la documentazione richiesta. Dunque il contribuente in questione può stare tranquillo perché il pagamento della sanzione sarà a totale carico del CAF.

 

Vuoi fare anche tu una domanda al nostro esperto? Scrivi a esperto@consumatori.it, ricordandoti di mettere in oggetto “commercialista”. I quesiti più interessanti saranno selezionati per avere una risposta in questa rubrica, continua a seguirci!

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 28 febbraio 2018

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

NICOLA

BRAVI, E GRAZIE AL VOSTRO GIANLUCA TIMPONE DOTTORE COMMERCIALISTA. INTERESSANTE. SERVE ANCHE A ME. PER QUANTI ANNI BISOGNA CONSERVARE TUTTI I DOCUMENT?

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online