Class action, cosa cambia con la legge approvata alla Camera

class action

La Camera ha approvato la proposta di legge sulla class action, adesso la palla passa al Senato. L’Aula di Montecitorio ha modificato il testo inizialmente presentato, accogliendo il principio della irretroattività della nuova disciplina.

E’ un’ottima notizia per noi dell’Unione Nazionale Consumatori che da anni sosteniamo l’inadeguatezza del nostro meccanismo di tutela collettiva risarcitoria; la speranza è che al successivo passaggio al Senato il testo non subisca dei peggioramenti.

Ma cosa prevede questo nuovo testo di riforma della class action?

I contenuti

Il provvedimento è composto da sette articoli attraverso i quali riforma l’istituto dell’azione di classe, attualmente previsto dal Codice del consumo (d.lgs. n. 206 del 2005), riconducendone la disciplina al codice di procedura civile. In sintesi, il provvedimento prevede: lo spostamento della disciplina dell’azione di classe dal codice del consumo al codice di procedura civile, nel nuovo Titolo VIII-bis (articoli da 840-bis a 840-sexiesdecies); il passaggio di competenza dal tribunale alla sezione specializzata in materia di impresa dei tribunali (e delle Corti di Appello) con la possibilità di adesione non solo di soggetti che rivendicano diritti lesi ma anche di organizzazioni e associazioni; l’ampliamento delle situazioni giuridiche tutelate e degli strumenti di tutela, con la previsione di un’azione inibitoria collettiva verso gli autori delle condotte lesive; l’articolazione della class action in tre fasi: la prima e la seconda relative, rispettivamente, all’ammissibilità dell’azione e alla decisione sul merito, e l’ultima relativa alla liquidazione delle somme dovute agli aderenti all’azione; la disciplina dell’adesione all’azione di classe, consentita sia prima che dopo la sentenza che accoglie l’azione; la disciplina del compenso per i rappresentanti della classe ed i difensori, in caso di accoglimento della domanda, col riconoscimento della cosiddetta quota lite; l’ampio ricorso alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione a fini di pubblicità della procedura. Passa inoltre il principio della irretroattività che blocca il meccanismo, previsto inizialmente nel testo della proposta di legge, che la class action possa essere chiesta anche contro eventi accaduti.

Leggi a riguardo CLASS ACTION: ottima notizia il testo approvato dalla Camera 

Massimiliano Dona spiega perché la class action è importante

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 4 ottobre 2018

 

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online