Fisco: UE, in Italia la più alta tassazione sul lavoro

L’Italia è il Paese Ue con la più alta tassazione sul lavoro (42,6%) e dove l’Iva incide meno sulle tasse sui consumi. E’ quanto emerge dal rapporto della Commissione Ue sul fisco, aggiornato con dati del 2018, che elabora una classifica delle tendenze nei diversi settori della tassazione.

L’Italia nel 2018 si assesta al 13mo posto quanto a pressione fiscale sulle persone fisiche.

Le tasse sul lavoro in Italia incidono per il 42,6%, le più alte dei 28 Paesi europei. Molto alta (oltre il 20%) è la quota di contributi sociali pagati dal datore di lavoro, mentre l’Irpef incide appena sotto il 15%, molto vicino alla media Ue. Altro dato che differenzia l’Italia rispetto al resto d’Europa è la quota dell’Iva nelle imposte sui consumi: incide solo per il 54%, il valore più basso di tutti. In Svezia, al top, incide per il 75%. Significativa in Italia è invece la componente non-Iva sui consumi, perlopiù accise sull’energia.

Per quanto riguarda la tassazione sulle imprese, l’Italia è la sesta più alta con il 27,8%, comunque in calo dal 31,3% del 2016. Prima ci sono Malta (35%), Francia (34,4%), Portogallo (31,5%), Germania (30,2%) e Belgio (29,6%). Trattamento di favore invece in Irlanda, che ha una flat tax al 12,5% da oltre dieci anni, Bulgaria (10%), Cipro (12,5%), Lituania (15%). In generale, tasse e contributi sociali in Ue rappresentano il 38,9% del Pil. Rispetto alle altre economie avanzate il fisco europeo è alto: 13 punti percentuali di Pil più degli Usa e 8 del Giappone.

La classifica dei Paesi dove la tassazione delle persone fisiche è più alta, vede incontrastata in testa la Danimarca (55,8%), seguita dalla Svezia (57,1%), ma dal 2017 è salita significativamente anche in Grecia (55%). Mentre in Portogallo nell’ultimo anno è scesa dal 56,2% al 53%. In Italia è al 47,2% negli ultimi due anni, in calo dal 48,8% del 2016. Molto conveniente vivere in Romania e Bulgaria (10%), Repubblica Ceca e Ungheria (15%). La media Ue è del 39%.

Per quanto riguarda le tasse sul capitale, le più elevate sono in Francia (52,8%) e Danimarca (37%), ma valori sopra il 30% si trovano pure in Italia, Belgio e Regno Unito. Le più basse sono invece in Lussemburgo (6,8%), Lituania, Estonia, Irlanda e Bulgaria (tutte sotto il 15%). Infine, la tassa sulla casa è più alta in Francia (3,3%), Regno Unito (3,1%) e Grecia (2,8%). L’Italia, con il 2,7%, è quinta.

 

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online