GDF: irregolare il 50% delle case vacanze

Una casa vacanza su due è stata affittata in maniera irregolare. E’ quanto emerge dai controlli effettuati dalla Guardia di Finanza sui proprietari di seconde e terze case nelle località balneari, di montagna e nelle città d’arte nell’ambito degli interventi predisposti in occasione dell’estate. Su 895 controlli effettuati 539 sono irregolari e, di questi, 450 sono risultati affitti in nero. Le regioni dove si sono registrati i casi più numerosi sono Puglia, Toscana e Lazio.

Nell’ambito dei controlli, scoperti veri e propri hotel fantasma a Taormina: Bed & Breakfast che erano completamente sconosciuti al fisco o appartamenti affittati in nero. I soggetti che li gestivano hanno omesso di dichiarare al fisco oltre 130 mila euro. A Sassari, invece, un ospizio-pollaio: una struttura per anziani del tutto abusiva, sprovvista delle autorizzazioni amministrative, nella quale gli ospiti erano stipati in uno spazio nettamente inferiore a quanto previsto dalla legge. Nella struttura lavoravano anche due collaboratrici in nero.

Nel complesso da metà giugno a metà agosto sono stati effettuati 22.271 controlli nelle località di vacanza e nelle città d’arte, quasi 500 al giorno, il doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso soprattutto nei settori più a rischio durante l’estate: l’abusivismo commerciale, l’evasione fiscale legata alle case vacanza, la contraffazione, il lavoro nero e il caporalato.

In particolare, la Gdf ha individuato 2.187 venditori abusivi, soggetti che non hanno mai richiesto la licenza, che non hanno mai comunicato al fisco l’inizio dell’attività o che non hanno mai installato i registratori di cassa. Dai dati relativi ai controlli emerge che sono stati sequestrati 9 milioni e mezzo di prodotti contraffatti, con una media di 210mila al giorno. Complessivamente sono state denunciate 761 persone e scoperte 15 tra fabbriche e depositi clandestini. Tra le persone individuate anche delle guide turistiche e dei venditori di acqua di dubbia provenienza e conservata in bottigliette senza sigillo, che operavano abusivamente nei pressi del Colosseo. Numerosi, inoltre, i sequestri nei confronti dei venditori di ombrellini, braccialetti e souvenir vari. Quanto ai 9,5 milioni di prodotti contraffatti sequestrati – soprattutto giocattoli, capi d’abbigliamento e materiale elettrico – i finanzieri sono partiti dalle spiagge e dalle vie più battute dai turisti nelle città d’arte per poi risalire ai distributori e ai produttori.

Oltre duemila, 2.080, i lavoratori sottratti allo sfruttamento di datori senza scrupoli, tra questi 509 stranieri e 22 minori. Denunciate 51 persone. Uno degli ultimi casi scoperti riguarda un’organizzazione di caporali che operava a Verona e che ha portato alla denuncia di 5 persone, mentre altre 42 risultano indagate: c’era chi reclutava i lavoratori e li sfruttava impiegandoli nei campi con orari massacranti e paghe da fame, c’era un medico che falsificava i certificati e dipendenti dell’Inps che assegnavano agli stranieri punteggi di invalidità per riscuotere le pensioni e le indennità accessorie.

Un distributore di carburante su cinque è irregolare. Complessivamente sono stati controllati 1.379 distributori in tutta Italia: 330 sono le violazioni constatate delle quali 176 riguardano la disciplina dei prezzi, 55 i responsabili delle stazioni denunciati, con il sequestro di oltre mezzo milione di prodotti petroliferi.

Autore: Mauro Antonelli
Data: 4 settembre 2018

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

VARTOLO GIORGIO

Questi controlli servono anche per combattere la concorrenza sleale a vantaggio degli operatori seri che pagano le tasse e danno una garanzia ai consumatori in ordine al trattamento dei prodotti alimentari che vengono somministrati. Chi non è in regola, oltre che pagare una salatissima sanzione devono chiudere l’attività.

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online