Multe, ricevute e scontrini: per quanto conservarli?

5 commenti  |  pdf

conservare multe scontriniSei un accumulatore seriale di documenti o butti via ricevute, multe, scontrini, fatture subito dopo aver pagato? In alcuni casi conservare è utile per evitare di pagare due volte o per scongiurare sanzioni, in altre invece è solo uno spreco di tempo e spazio…

Ecco dunque una guida sui documenti e le scadenze:

PER 6 MESI

ricevute di strutture turistiche: entro 6 mesi possono richiederci il pagamento di servizi che risultano non pagati.

DA 12 A 18 MESI

ricevute di spedizioni.

DA 1 A 5 ANNI

ricevute di rette e mense scolastiche, iscrizioni a corsi, palestre, assicurazioni (5 anni se sono state detratte dalla dichiarazione dei redditi).

DA 2 A 5 ANNI

scontrini: 2 anni per far valere la garanzia; 5 anni per farmaci detratti dalla dichiarazione dei redditi.

DA 3 A 5 ANNI

bollo auto: entro 3 anni la Regione può contestare la mancata effettuazione del pagamento; fatture, notule, parcelle di avvocati, commercialisti o altri professionisti (in entrambi i casi, 5 anni se sono state detratte dalla dichiarazione dei redditi)

PER 5 ANNI

spese condominiali; canoni di locazione; bollette; ricevute mutui; CUD e CU; multe; tasse sui rifiuti; ricevute di Imu, Tasi (i tempi si allungano se si è usufruito di detrazione fiscale per interventi di efficientamento energetico, ristrutturazioni edilizie o acquisti di grandi elettrodomestici).

PER 6 ANNI

modello UNICO e 730.

PER 10 ANNI

estratti conto.

PER SEMPRE

atti notarili; rogiti; atti di matrimonio/separazione/divorzio; attestati/diplomi.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 14 giugno 2017

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Lionello

Salve. Un atroce dubbio mi assale. Ma il computer non è sufficiente per conservare tutta la montagna di carta che ci sommerge? Inoltre è discutibile la mostruosa duplicazione delle carte. Se ho pagato, la DITTA (l’AGENZIA delle ENTRATE) conserva agli atti la prova dell’avvenuto pagamento. Quale è il motivo nascosto di questi milioni di archivi personali ? Fine di un giro vizioso … inutile. Sarà ingenuo, ma mi ricorda il grido di V. VISCO ” gli italiani sono tutti evasori “!

Ada

Utilissimo,grazie

guglielmo

Ottimi consigli e grazie a voi che riusciamo a volte a districarci in una giungla fatta da miriadi di cavillosità sia burocratica che ammnistrativa. Grazie per quello che fate

Sandra Rossi

ringrazio per l’utilità dei consigli e la chiarezza con la quale vengono espressi

luciano

bisognerebbe far conoscere di piu alle persone questo articolo perche non tutti sanno

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori