Nulle le multe a via di Portonaccio

multe Portonaccio Comitati spontanei con migliaia di iscritti, petizioni e mozioni al Sindaco, annunci di azioni collettive, tutto questo e di più ha scatenato Via di Portonaccio a Roma, quando dal 2 Maggio scorso la corsia in direzione di Via Tiburtina è tornata ad essere preferenziale, con tanto di telecamere installate dal Comune a vigilare il transito e conseguenti multe a raffica. 

Della riattivazione della corsia preferenziale non è stata fornita una preventiva ed adeguata segnalazione ai cittadini che, quindi, hanno continuato per più di due mesi a transitare sulla strada del tutto ignari delle pesanti conseguenze alle quali si esponevano, se è vero che ad oggi sono stati elevati più di 150.000 verbali e l’Amministrazione capitolina, nonostante le giuste rimostranze, non ha alcuna intenzione di tornare sui propri passi annullando in autotutela le multe.

Che fare dunque?

In un caso come questo il ricorso al Giudice di Pace o in alternativa al Prefetto è assolutamente fondato. Si potrà eccepire la scarsa segnaletica verticale con cartelli di segnalazione mal posizionati e poco visibili; l’insufficienza della segnaletica orizzontale con le strisce gialle della corsia preferenziale ridipinte solo due mesi dopo l’attivazione delle telecamere ed il fatto che il sistema di rilevazione delle infrazioni installato sulla strada è omologato esclusivamente per rilevare gli accessi dei veicoli ai centri storici ed alle ZTL e non per l’invasione della corsia preferenziale riservata ai mezzi pubblici.

Il ricorso al Giudice di Pace va depositato entro 30 giorni dalla ricezione del verbale ma occorre versare il contributo unificato di 43 euro per importi fino a 1.100 euro. Se il ricorso verrà accolto, il Comune dovrà rimborsare il predetto importo al ricorrente.

Quello al Prefetto va inviato entro 60 giorni dalla ricezione del verbale a mezzo raccomandata a.r. o presso la sede della Prefettura (Via IV Novembre 118/A) ovvero presso il Comando della Polizia Locale che ha elevato la multa, ed è gratuito.

Chi fosse interessato a contattare i nostri esperti potrà scrivere alla email: sos@consumatori.it indicando nell’oggetto “Multe Portonaccio”.

Autore: Valentina Greco
Data: 2 settembre 2017

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Grazie a tutti per i commenti!
Questo spazio però non è destinato all’assistenza, per contattare i nostri esperti scrivere un’email all’indirizzo sos@consumatori.it scrivendo nell’oggetto “multe Portonaccio”.
Grazie!

Giacomo Bianchi

Ieri ho ricevuto tre verbali per il transito su via di portonaccio elevate il 18, 21 e 25 Maggio 2017.
Che devo fare dato che la macchina è Aziendale e le multe sono state pagate d’ufficio?
Peraltro mi aspetto multe anche di Giugno, Luglio, Agosto e per questo mese. Quindi una vera emorragia….
Attendo vostre indicazioni.
Cordiali saluti
Giacomo Bianchi

giampaolo

Salve,anche io sono stato vittima di multe a via di Portonaccio e via Nomentana , stesso rilevatore
con lo stesso problema. Ho pagato le multe,posso chiedere la restituzione della somma? Grazie

Massimo romano

Se come dichiarato dal presidente della commissione traffico in Campidoglio Enrico Stefano le multe sono legittime e vogliamo considerare la segnaletica come elemento indispensabile alla circolazione, io penso che sia un’offesa alla sua intelligenza se considera che in novanta giorni centocinquantamila automobilisti molto distratti passino tutti su quella corsia preferenziale. Un servizio di sicurezza stradale deve essere prima preventivo che punitivo, e qui questo concetto mi sembra ribaltato a favore delle casse del comune che con un’entrata di oltre otto milioni di euro trova una bella boccata di ossigeno alle sue finanze

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori