Salari: scesi in Italia dello 0,3% l’anno

commenta  |  pdf

Tra il 2009 e il 2016 i salari reali sono diminuiti in sette paesi europei, in 18 sono cresciuti più lentamente rispetto al periodo precrisi, mentre in 3 paesi (Germania, Polonia e Bulgaria) sono saliti più rapidamente di quanto accaduto tra il 2001 e il 2008.

È’ quanto emerge da una ricerca della Ces, la confederazione europea dei sindacati, secondo la quale in Italia si è registrato un calo medio degli stipendi reali dello 0,3 per cento l’anno. La flessione più consistente è stata registrata in Grecia (-3,1 per cento l’anno). Seguono: -1% in Croazia, -0,9% in Ungheria, -0,7% in Portogallo, -0,6% a Cipro, -0,4% nel Regno Unito e -0,3% in Italia. Il dato nel nostro Paese risente del blocco dei contratti dei dipendenti pubblici.

Nel 2016 i salari hanno cominciato a crescere di nuovo ma sono rimasti stagnanti in Italia, Francia e Grecia.

L’aumento del trasporto di merci e posta, pari al 3,1%, è dovuto solo all’incremento dei trasporti internazionali (+5,7%), mentre quelli nazionali diminuiscono sensibilmente (-20,5%).

Il traffico merci si concentra nei due grandi sistemi aeroportuali di Milano Malpensa, che nel 2015 copre il 54,3% del traffico totale delle merci (51,5% nel 2014), e Roma Fiumicino, con il 15,4% dell’intero traffico (era 15,7% nel 2014). Al terzo posto, con il 12,9%, l’aeroporto di Bergamo (sceso di 0,5 punti, era 13,4%). Complessivamente nei tre aeroporti viene movimentata una quota di merce pari all’82,6% del traffico totale.

I movimenti di merci registrano rialzi soprattutto verso il Sud-America (+15%), i paesi europei extra Ue (+10,2%), il Centro America (+7,4%), i Paesi Ue (+6,3%) e l’Asia (+5,7%); risultano, invece, in calo quelli da e verso l’Africa (-5,4%).

La principale area geografica di destinazione e provenienza delle merci trasportate negli aeroporti italiani è l’Asia, con circa 370 mila tonnellate (pari al 42,5% del totale della merce trasportata da e per l’estero); per i Paesi Ue si contano invece 277 mila tonnellate (pari al 31,8%), mentre per il Nord America le tonnellate sono 130 mila (il 14,9% circa del totale).

In particolare, con circa 140 mila tonnellate di merce movimentata, la Germania rimane anche nel 2015 il principale paese europeo di origine/destinazione; seguono la Russia (circa 39 mila tonnellate) e il Belgio (più di 34 mila tonnellate).

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori

Non rinuciare a difenderti!

Difendere i propri diritti può essere frustrante, soprattutto se si ha di fronte una grande azienda. Ma con accanto un'associazione che ha 60 anni di esperienza nella tutela del consumatore diventa semplice.

Se hai dubbi o difficoltà ricorda che puoi sempre chiamarci allo 06 32600239. Ti risponderemo e cercheremo di risolvere insieme il tuo problema.

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida