UIL: a Roma IMU-TASI più cara, media 2.064 euro

Con una media di 2.064 euro, Roma è la città capoluogo dove l’Imu-Tasi costa di più. E’ quanto risulta dallo studio annuale effettuato dal Servizio politiche territoriali della Uil. A Milano, invece, si pagheranno 2.040 euro medi, a Bologna 2.038 euro, a Genova 1.775 euro, a Torino 1.745 euro. I valori più contenuti, invece, ad Asti con un costo medio di 580 euro, a Gorizia con 582 euro, a Catanzaro con 659 euro, a Crotone con 672 euro, a Sondrio con 674 euro.

Visto il blocco delle aliquote, non si sono registrati rialzi ma nessun capoluogo ha utilizzato l’opzione dei ribassi e, quindi, sono state riconfermate le aliquote dello scorso anno. Sono 18 le città che hanno confermato l’addizionale della Tasi sugli altri immobili, per cui in questi Comuni le aliquote superano quella massima dell’Imu (10,6 per mille). In particolare Roma, Milano, Ascoli, Brescia, Brindisi, Modena, Potenza, Rieti, Savona, Verona hanno scelto l’aliquota dell’11,4 per mille; Macerata l’11,3 per mille; Terni e Siena, l’11,2 per mille; Lecce, Massa e Venezia l’11 per mille; Agrigento il 10,9 per mille; Caltanissetta il 10,7 per mille. Altre 70 Città capoluogo, sempre sulle seconde case, applicano l’aliquota del 10,6 per mille tra cui Torino, Bologna, Firenze, Napoli, Palermo, Bari.

Il saldo Imu-Tasi di dicembre vale 10,2 miliardi di euro per un conto complessivo a fine 2018 di 20,4 miliardi di euro. L’operazione interesserà 25 milioni di proprietari di immobili (il 41% del totale sono lavoratori dipendenti e pensionati). Nei capoluoghi di provincia per una seconda casa l’esborso medio annuo, sarà di 1.070 euro (535 euro per il saldo) con punte di oltre 2 mila euro nelle grandi città. L’Imu-Tasi sulle prime case cosiddette di lusso costerà mediamente 2.610 euro, con punte di oltre 6 mila euro. Circa 3,5 milioni di proprietari di prima casa pagheranno l’Imu-Tasi sulle seconde pertinenze (garage, cantina) con un costo medio di 56 euro, con punte di 110 euro annui. In Italia sono 480 i comuni che applicano la maggiorazione tasi sulle seconde case (fino a un massimo dello 0,8 per mille) di cui 18 città capoluogo.

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Lionello

Salve. Italiano, paga, paga sempre e … tasi!

Maria de Gennaro

Interessante ,risponde al vero Cosa grave non solo il numero di tasse veramente eccessivo ,ma che si hanno poche volte i servizi Si paga anche per chi non paga e già non è giusto,ma si paga e non si viene serviti Questo è gravissimo !Maria de Gennaro

Marina lolli

Spero che la tasi non aumenta, fate in maniera che non aumenta a Roma come sapete e un macello anche la differenziata non e da meno io e i miei vicini siamo indignati. Oggi addirittura il cassettone me l hanno messo dalla mia vicina della carta a lei gliel hanno spaccato è non vengono quasi mai a prendere l organico. Se aumenta la tasi faccio un omicidio scusate pago 542. Euro l hanno ma vogliamo scherzare si parla di aumento gia ho in mente di fare la diffida all ama pure di piu dobbiamo pagare ve lo scordate. Vogliamo all inizio della strada come stavano prima i cassettoni così evitiamo discussioni ad acilia vicino Ostia con l ama non si puo parlare ti buttano giù il telefono parlo con lo 060606 che sono piu gentili. Vi faccio questa richiesta se dobbiamo fare la differenziata così, per favore ritorniamo come prima. Grazie siamo stufi! saluti Marina lolli

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori
© 2019 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online