Bollo auto: pagamenti e scadenze

Il bollo auto è un’imposta di possesso (altra cosa è la tassa di circolazione, che si applica solo ai veicoli cosiddetti “storici”, cioè di almeno 30 anni e con specifici requisiti), cioè una imposta patrimoniale (probabilmente incostituzionale), perché non riferita al valore del “patrimonio”, ma solo a caratteristiche tecniche.
Il “bollo” auto infatti si calcola in base alla potenza della vettura (espressa in kilowatt) e al suo impatto sull’ambiente (Euro 0, Euro 1, Euro 2 e cosi via). Entrambi i dati, cioè potenza e livello di emissioni, sono indicati sulla carta di circolazione.
L’imposta è dovuta per 12 mesi, o fino alla prima scadenza utile solo per le auto di prima immatricolazione; non sono più ammessi pagamenti per trimestri. L’imposta è a carico di chi risulta intestatario al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) de veicolo; l’onere della registrazione al PRA incombe sul proprietario del veicolo e deve avvenire entro 60 gg dall’immatricolazione o dall’autenticazione della firma del venditore in caso di veicoli usati.

Occhio alla scadenza

In linea generale, questa imposta va versata entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza del precedente pagamento. Dato che ogni Regione può variare la scadenza del bollo, è meglio fare una verifica prima di versare, perché in caso di ritardi bisogna pagare interessi e sanzioni, mentre in caso di anticipo non è facile farsi rimborsare.
L’imposta è di competenza Regionale, che incassa l’intero importo, secondo i criteri fissati da una legge Nazionale.
Il PRA, gestito dall’ACI non è l’esattore, ma solo l’archivio degli avvenuti pagamenti, e le Delegazioni ACI sono appunto sportelli di cassa.
Su internet ci sono parecchie alternative per il calcolo del bollo in base alla targa che possono indicare, caso di pagamento oltre il termine di scadenza, anche l’importo di sanzioni e interessi da versare.
Sul sito www.aci.it, è possibile calcolare il bollo partendo dalla targa del veicolo, calcolare l’importo dovuto, a seconda della regione di residenza del proprietario, verificarne la scadenza e pagarlo on line con un supplemento per il servizio BOLLONET. pari all’1,2% dell’imposta che si somma a € 1,87 di commissione fissa.
Per un’imposta di € 200, il servizio costa quindi € 4,27, cioè il 2,13% dell’imposta,da confrontare con i costi e i disagi delle altre forme di pagamento ammesse.
Il servizio è gratuito per i soci Aci.

Pagare il bollo auto

Il bollo auto può essere pagato in tabaccheria, nelle delegazioni Aci, i molte agenzie di pratiche auto e in alcune banche (anche tramite sportello bancomat oppure ricorrendo all’internet banking). In Posta, nella maggior parte dei casi, si deve compilare un bollettino in cui va indicato il numero di conto corrente postale della Regione. Nelle regioni convenzionate con l’Aci, negli uffici postali si può trovare il bollettino di pagamento già pre intestato: Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Puglia, Toscana, Umbria (più le province di Bolzano e Trento).
A parte alcune banche, tutte le modalità di pagamento comportano il pagamento di una commissione: tabaccherie, uffici Aci e agenzie di pratiche auto chiedono una cifra fissa di 1,87 euro. I siti delle singole Regioni, se offrono questo tipo di servizio, applicano tariffe diverse tra loro, spesso in percentuale sull’importo da versare.

HAI BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO? SCRIVI ALLO SPORTELLO AUTO E MOTO

Autore: Avv. Valentina Greco
Data: 29 maggio 2019
Aggiornamento: 4 novembre 2020

 

I commenti sono attualmente chiusi.

Avatar
Nazario

Buongiorno mi è pervenuta una sanzione pari al 30% del bollo, avendo pagato in Ott. 2012 con un giorno di ritardo, ma senza versare gli interessi.
Mi risulta che per ritardi inferiori ai 15 giorni esista una sanzione ridotta (2% per ogni giorno di ritardo).
Ci sono gli estremi per chiedere l’annullamento?

Avatar
Raffaele Caracciolo

@Nazaro: La sanzione ridotta si applica se paghi PRIMA della contestazione. Se avessi pagato insieme al bollo te la cavavi con poco, cosi non hai via di scampo.
La materia è regolata dalla Legge n. 2 del 2009 (che ha convertito in legge il decreto-legge n. 185 del 2008).

Avatar
PASQUALE SANNINO

BUONA SERA HO IN DATA 17/09/1015 HO RICEVUTO UNA CARTELLA DA EQUITALIA, DOVE C è SCRITTO DATA DI NOTIFICA 14/07/2012 COSA CHE IO NON HO RICORDI DI NOTIFICA.
LA CARTELLA FA RIFERIMENTO AL 2007 PER EURO 357,41COME ANNO DEL DEBITO ENTE CREDITORE 12788 REGIONE CAMPANIA UOD TASSE AUTOMOBILISTICHE REGIONALI NUMERO RUOLO 2011/13442.
L’UNICA TASSA CHE SI AVVICINA A QUELLA SOMMA E ANNO è UNA VECCHIA FORD IMMATRICOLATA NEL 28/07/1997 E SUCCESSIVAMENTE DEMOLITA NEL 2009.
POTETE AIUTARMI

Avatar
Raffaele Caracciolo

il bollo 2007 era comunque dovuto, e la prescrizione scatta dopo 10 anni.
se non avesse pagato anche il 2008, tra un anno le arriverà la stessa intimazione; l’avviso di deposito della raccomandata vale l’avvenuta notifica.
Non credo lei possa trovare scappatoie legali per evitare di pagare l’imposta, odiosa quanto le pare, ma finché c’é tocca pagare.

Avatar
Maurizio

Essendo una tassa di possesso mi sembra molto ingiusto non poter trasferire il bollo dall’auto vecchia all’auto nuova quando appunto si cambia aiuto, magari proprio dopo uno/due mesi che uno ha già pagato il bollo sull’auto e decide di cambiarla e quindi deve ripagare di nuovo il bollo su quella nuova. Non è una ingiustizia?

Avatar
Letizia

Buonasera volevo sapere se è vero che si può non pagare il bollo auto e che agendo in un certo modo burocratico si può evitare il richiamo al pagamento da equitalia. Grazie

Avatar
patrizia carandente

buongiorno
vorrei sapere se è vero che non si può chiedere il rimborso del bollo avendo rottamato un auto. Risiedo nel Lazio
grazie

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma