Auto usate: cosa c’è da sapere

Molti consumatori ci chiedono a cosa bisogna stare attenti quando si acquista un’auto usata, ecco le risposte dei nostri esperti alle domande più frequenti.

Tutto ciò che devi sapere prima di comprare una macchina usata.

Meglio comprare una macchina usata da un privato o da un punto vendita gestito da professionisti?

La scelta dovrebbe cadere, preferibilmente, su un venditore professionista, quindi concessionaria, autosalone o officina. E questo per un motivo molto semplice: perchè in questo caso si applica il Codice del consumo che prevede un regime di garanzie rafforzate agli articoli 128 e seguenti.

A chi è preferibile rivolgersi tra concessionarie, autosaloni o officine?

Detto che dal punto di vista delle tutele di legge sono uguali, sarebbe meglio scegliere il concessionario, il quale di solito è in grado di garantire un’organizzazione completa: non solo vendita, ma anche officina, assistenza e così via. Tuttavia non è sempre facile individuare i soggetti autorizzati dalle case, quindi è bene informarsi.

Cosa bisogna controllare prima di acquistare un’auto usata, anche dal punto di vista burocratico?

E’ bene verificare che non siano presenti ipoteche e fermi amministrativi. Per scoprirlo, basta chiedere una visura al Pubblico registro automobilistico, il PRA. Si può farlo di persona, via Internet o attraverso le agenzie specializzate. Attenzione però, spesso passa del tempo tra il momento in cui Equitalia fa scattare le sue “ganasce” e la registrazione del fermo amministrativo da parte del PRA. Ed è in quest’intervallo che un privato può cercare di vendere la sua auto, approfittando appunto del fatto che il fermo non è stato ancora registrato. Chi compra un’auto sotto fermo lo eredita: cioè non può guidarla fino a che il vecchio proprietario non ha sanato la sua posizione.

Inoltre è importante verificare il libretto di manutenzione. Un documento obbligatorio, previsto dal progettista, che deve riportare, in ordine progressivo, gli interventi effettuati negli anni.

In caso di contenzioso giudiziario fra acquirente e venditore, di chi è la competenza?

Per legge, il Foro competente è sempre quello del consumatore. Quindi se l’acquirente è di Milano e il venditore di Reggio Calabria il giudizio si terrà a Milano. Alcuni contratti di vendita possono avere la clausola che il foro competente sia quello del venditore: è una clausola vessatoria, proibita dalla legge. Chi la inserisce, va incontro a sanzioni.

La presenza di una clausola vessatoria annulla il contratto?

No, a decadere è solo la clausola, non l’intero contratto. Inoltre l’acquirente danneggiato ha diritto di rivolgersi all’Antitrust, la quale avvierà un’indagine, senza costi per il consumatore e il professionista sanzionato pagherà multe salate.

Esiste una lista nera di modelli da evitare? E una “bianca” di modelli affidabili?

Questa è una leggenda da sfatare. Spesso questa idea è frutto di astute campagne di comunicazione da parte delle case automobilistiche. Fino all’avvento della globalizzazione queste liste potevano anche avere un senso, ma ormai sotto il cofano le vetture sono livellate. Spesso diverse case automobilistiche usano i medesimi motori, per cui è molto difficile sostenere che una determinata marca di usato è più affidabile di un’altra. Non è un segreto né uno scandalo: è normale tra le case scambiarsi blocchi di motore e cambi.

Quindi non esistono liste di buone e cattive macchine usate?

I veicoli moderni sono strutturati indicativamente per 350 mila chilometri di percorrenza e 18 anni di vita. Questo il loro ciclo di vita massimo. Quindi, per esempio, un’auto usata con 150 mila chilometri è ancora a metà della sua vita. Ovviamente a patto che sia stata tenuta bene, con controlli regolari e così via. Per certi versi l’auto a benzina è più affidabile nel tempo.

Esiste un diritto di restituzione in caso di gravi difetti?

Se l’auto è stata acquistata da un professionista, l’acquirente ha diritto a quella che la legge chiama la Garanzia legale di conformità, che per legge dura 24 mesi. In questi due anni il compratore è garantito contro i difetti di conformità: ha diritto al ripristino delle condizioni di conformità del veicolo rispetto alla consegna, mediante riparazione. Se invece il danno è troppo grave o la riparazione troppo costosa per essere conveniente, si può arrivare anche alla risoluzione del contratto: l’acquirente restituisce la macchina, il venditore i soldi, meno il valore equivalente alla percorrenza fatta. Queste regole valgono anche se compro un’auto usata da un commerciante ma la garanzia può essere limitata ad un anno (deve essere scritto sul contratto, altrimenti vige la durata biennale.

E se invece una situazione del genere si verifica tra privati?

Allora non vale il Codice del consumo, ma il Codice civile, per cui il venditore è tenuto a offrire all’acquirente un bene esente da vizi. E c’è una importante differenza: nel caso della prova spetta a quest’ultimo. Tra privati, spetta all’acquirente. Cioè, se acquistate da un concessionario, è lui a dover dimostrare che l’auto usata era in buone condizioni. Se invece comprate da un privato, siete voi a dover dimostrare che era “difettata”. E non è facile…

HAI BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO? SCRIVICI ALLO SPORTELLO AUTO E MOTO

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 4 giugno 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Silvia

Buonasera, ho un problema, ho comprato un’auto usata Mercedes-Benz classe a un mese fa, dopo una settimana era già in officina ( spia motore accesa, non calcolava l’effettiva quantità di benzina) una volta ritirata dopo altri due giorni di nuovo in officina, si spegneva oltre agli stessi difetti della prima volta, altre due settimane con auto di cortesia ( la mia, in teoria a gas, l’auto sostitutiva a benzina) ripresa venerdì e oggi, lunedì, stessi problemi e domani ancora officina.
Ho pagato 2600 euro in contanti e il 28 partono le rate, in pratica l’ho usata una settimana, posso chiedere la risoluzione del contratto?

Avatar
Odonto

Salve, ho firmato una proposta d aquiststo per un’auto usata Mercedes B 180 automatic, versando 3000.00 d’anticipo e naturalmente ho effettuato la prova guida senza riscontrare nessun anomalie, a distanza di una settimana ho firmato il contratto di finanziamento. Nel rivedere lauto, per apprezzarne ancara una volta il bel acquisto che stavo facendo, mi sono accorto che il parabrezza era schegiato! Naturalmente prima non lo era . Una pietra ha schegiato il vetro 15 cm sotto lo specchietto retrovisore e un 10 cm vicino la zona A . Ossia tra volante e specchietto. Il venditore e una concessionaria Mercedes il dipendente che si occupa alla vendita delle auto usate dice che mi farà riparare il danno. P.S. La scheggia… Non risulta nella valutazione d’acquisto. Ora posso pretentere,il vetro nuovo ho accontentarmi della riparazione? E il prezzo di valutazione dovrebbe scendere visto che ce un danno in più! Grazie in anticipo

Avatar
Italo perazzolo

Salve e grazie in anticipo per la vostra risposta.
Il giorno 12 febbraio ho acquistato un’auto usata da un rivenditore il giorno 15 febbraio la stessa auto mi lascia in panne a 300 km da casa.
Trattasi di Jaguar XF 3000 Diesel
Diagnosi::
Rottura alternatore e batteria finita.
All acquisto il venditore rilascia certificato di garanzia di 12 mesi con Autoplus.
Ora l’officina che esegue la riparazione ed effettuato il soccorso mi comunica che Autoplus risponde solo per alternatore manodopera e costo batteria ( circa 250,00 euro )
rimangono a mio carico.
La mia domanda è la seguente…
Possibile che il venditore dopo solo 3 gg non abbia nessuna responsabilità?
È giusto che mi debba fare carico io di queste spese ?
Tenendo presente che devo sostenere inoltre le spese di hotel fino alla riparazione dell’auto e rientro a casa ?
Grazia per la risposta

Avatar
marko devetak

Salve ho firmato una proposta d’ acquisto per un auto usata versando 150 euro di caparra di sabato,
la domenica la concessionaria era chiusa e lunedi mattina ero là per avvisarli che a causa di un problema econmico ero impossibilitato a comprarla,
Ho diritto alla restituzione della caparra oppure no?
Possono in qualche modo obbligarmi all’ acquisto della macchina?

Grazie,
Cordialità

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno, assolutamente non possono obbligarla. Per aiutarla però abbiamo bisogno di visionare le carte in suo possesso, può perfavore contattare i nostri esperti attraverso lo sportello Aut-Moto sul nostro sito dandoci maggiori dettagli? Grazie

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Grazie a tutti per i commenti, ricordiamo però che questo spazio non è destinato all’assistenza. Per mettersi in contatto con i nostri esperti e avere una consulenza personalizzata è possibile contattarci attraverso lo sportello Auto-Moto sulla nostra home page. Grazie!


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori
© 2019 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
"Acquisto usato online"

Inserisci il tuo indirizzo email per scaricare la nostra guida.