Rimozione forzata: si possono contestare i costi esorbitanti?

commenta  |  pdf


 

La domanda dei consumatori: Ho letto un vostro interessante articolo sulla rimozione forzata dell’auto e mi chiedo: ma  c’è un modo per contestarne i costi esorbitanti?

 

La risposta di Gianluca Timpone, dottore commercialista.

Per rispondere compiutamente alla domanda partiamo dalla considerazione che la rimozione ed il blocco del veicolo scattano allorquando viene violato  il D.Lgs. n. 285/1992 e successive modificazioni nel quale all’art. 159 (Nuovo codice della strada) che stabilisce i seguenti casi in cui scatta i provvedimento:

–         Parcheggio nelle zone dove sia indicato espressamente il divieto di sosta;

–          dinanzi ai passi carrabili;

–          nei parcheggi in doppia o tripla fila;

–          nei parcheggi espressamente riservati ai disabili;

–          dove è espressamente indicato il carico e lo scarico di merci o dove avvengono mercati rionali o vi sono indicazione che riportano l’inizio di lavori pubblici in area.

Negli altri casi la rimozione del veicolo può essere contestata attraverso un ricorso presso il giudice di Pace dimostrando l’illegittimità della rimozione e richiedendo, pertanto, la restituzione degli esorbitanti costi sostenuti che variano in relazione all’importo della sanzione amministrativa comminata con un minimo di Euro 43 di contributo unificato ad un massimo di 237 euro oltre alla parcella del professionista avvocato che ha presentato il ricorso..  

Leggi il nostro articolo Rimozione forzata dell’auto: cosa fare?

Vuoi fare anche tu una domanda al nostro esperto? Scrivi a esperto@consumatori.it, ricordandoti di mettere in oggetto “commercialista”. I quesiti più interessanti saranno selezionati per avere una risposta in questa rubrica, continua a seguirci!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online