Codice della Strada: cosa non convince tra le proposte di modifica

cellulare alla guida sanzioni

In Commissione Trasporti alla Camera prosegue l’iter per la riforma del Codice della Strada. Negli ultimi giorni sono state discusse diverse proposte. Tra quelle principali vi sono l’innalzamento del limite di velocità in autostrada, la possibilità per i ciclisti di circolare in contromano rispetto al senso di marcia degli altri veicoli, l’introduzione di pesanti sanzioni per il conducente che si distrae con lo smartphone mentre è al volante e il divieto di fumare in auto anche se a bordo non ci sono donne incinte o minorenni con un multe che, in quest’ultimo caso, andrebbero da 27,50 a 275 euro.

Innalzamento del limite di velocità in autostrada

Tra le proposte di modifica al Codice della Strada vi è, come detto, quella di aumentare il limite massimo di velocità sulle autostrade a tre corsie (più la corsia di emergenza) per ogni senso di marcia dagli attuali 130 km orari a 150. L’estensione del limite riguarderebbe soprattutto le tratte autostradali a lunga percorrenza. Il limite attuale di 130 km orari viene spesso disatteso dagli automobilisti, nonostante le autostrade a tre corsie siano dotate in molti punti di apparecchiature omologate per il calcolo della velocità media di percorrenza. Restano però alcune perplessità su questo provvedimento considerato che secondo una ricerca condotta in 27 paesi dall’Etsc, l’Istituto europeo per la sicurezza dei trasporti, la velocità è uno dei principali fattori che causano incidenti stradali e per la quale una riduzione dei limiti di 10 km orari salverebbe in Italia la vita a 2.000 persone ogni anno. Motivo per cui l’innalzamento della velocità a 150 km orari potrebbe anche essere una soluzione accettabile, ma a patto che valga esclusivamente per le autostrade a tre corsie e che siano presenti lungo i tragitti i controlli della velocità media. 

Quali novità per i ciclisti?

Per quanto riguarda i ciclisti, la proposta principale di cui si sta discutendo in Commissione Trasporti alla Camera riguarda la possibilità di circolare contromano rispetto agli altri veicoli all’interno dei centri abitati, dunque nelle cosiddette “zone 30”, vale a dire quelle aree della rete stradale urbana dove il limite di velocità è di 30 km orari invece dei consueti 50. Se approvata, questa concessione dovrà essere regolata da un’ordinanza del sindaco e segnalata con l’aggiunta di segnali verticali di divieto e di obbligo in appositi pannelli integrativi che dovranno indicare l’eccezione per le biciclette. Sempre per ciò che concerne i ciclisti, si stanno discutendo altre quattro proposte: permettere loro di utilizzare le “corsie gialle”, dunque quelle riservate agli autobus e ai taxi; obbligarli a indossare sempre il casco; prevedere per le biciclette dei parcheggi ad hoc sui marciapiede; negli incroci con semaforo indicare una linea di arresto in posizione avanzata rispetto a quella per tutti gli altri veicoli in modo da dare loro la precedenza (anche in quest’ultimo caso sarebbe necessaria una ordinanza comunale). Pur essendo condivisibili le finalità di queste proposte il timore è che, a differenza di altri Paesi come l’Olanda, in Italia queste misure non funzionerebbero adeguatamente dato il basso tasso esistente di conoscenza del Codice della strada da parte degli automobilisti. In particolare, l’avanzamento di una linea d’arresto negli incroci con semaforo per i ciclisti verrebbe spesso occupata dagli automobilisti generando confusione. Non sarebbe nemmeno funzionale l’utilizzo delle corsie preferenziali di taxi e autobus da parte dei ciclisti. Si tratta infatti di corsie in larga parte ricavate ex post e, pertanto, troppo strette per consentire anche il solo passaggio degli autobus.

Motocicli e ciclomotori

Per chi guida motocicli e ciclomotori potrebbe entrare in vigore l’obbligo non più solo del casco ma anche di “un abbigliamento tecnico protettivo omologato”. Inoltre per i motocicli con motore elettrico di potenza fino a 11 kW si potrebbe prevedere l’autorizzazione a circolare in autostrada.

Skateboard, monopattini e hoverboard

Per la prima volta si sta discutendo della necessità di normare all’interno del Codice della Strada anche l’uso di skateboard, monopattini e hoverboard. Il punto principale del dibattito riguarda il luogo in cui questi “mezzi” potranno circolare, molto probabilmente solo all’interno delle piste ciclabili.

Multe più salate per chi guida con lo smartphone

Una delle proposte di modifica del Codice della Strada che sta facendo più discutere riguarda sicuramente il divieto di utilizzare lo smartphone mentre si guida. Al momento il Codice vieta l’utilizzo di apparecchi radiotelefonici. La nuova proposta di legge punta a estendere il divieto anche a smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino l’allontanamento delle mani dal volante anche solo per pochi secondi. Per comportamenti di questo tipo si pensa a un inasprimento delle multe dagli attuali 161 a 422 euro, la sospensione della patente e la perdita di 10 punti.

Si tratta però di misure eccessivamente pesanti che rischiano di andare a quasi esclusivo discapito dell’automobilista senza produrre alcun significativo miglioramento della sicurezza in strada. A dimostrarlo sono le statistiche ufficiali. Le multe date per tutte le violazioni dell’art. 173 del Codice della Strada, ossia quelle che comprendono l’uso del telefonino, sono infatti pari ad appena lo 0,36% del totale (61.929 multe). Una percentuale che, in pratica, equivale a zero considerato che l’uso del cellulare in auto è la violazione più frequente in Italia, ripetuta svariate volte al giorno dalla quasi totalità degli automobilisti. Stando ai dati Aci-Istat, se si prendono in riferimento tutte le multe comminate nel 2017 nei comuni capoluoghi di provincia dalla Polizia Municipale, su un totale di 17.690.524 infrazioni rilevate, quelle per l’uso del telefonino sono state appena 61.929. Ben il 79,55% delle multe, invece, sono state comminate per divieto di sosta  (art. 157 e 158 Cds, 3.199.604 multe, il 18,74%) e ztl (art. 7 Cds, 10.379.353, il 60,81%). Un’enormità rispetto a quelle fatte per le infrazioni realmente pericolose: per sorpassi (art. 148, 3.685 multe, lo 0,02%), per precedenze (art. 145, 20.488, lo 0,12%), per la distanza di sicurezza (art. 149, 4.727, lo 0,03%), per il semaforo rosso (art. 146, 336.804, l’1,97%), per guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti (art. 187, 853, lo 0,005%), per guida in stato di ebbrezza alcolica (art. 186, 4.941, lo 0,029%).

Alla luce di questi numeri è pertanto assolutamente inutile innalzare la sanzione per chi usa lo smartphone da 161 a 422 euro se poi, di fatto, non si viene mai multati. Per aumentare la sicurezza in strada l’unica soluzione è invertire questo rapporto, vigilando e sanzionando in modo più capillare quei comportamenti scorretti alla guida che sono realmente più pericolosi e che causano, purtroppo, il maggior numero di morti, feriti e incidenti nelle strade.  

Autore: Rocco Bellantone
Data: 26 febbraio 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
maurizio norcini

Non mi trovo d accordo con il sig Bellantone quando afferma che aumentare le sanzioni per uso dello smartfone non servirebbe. E il confronto con le altre sanzioni non è equo, in quanto vengono elevate spesso a veicolo fermo. Il problema sta nel fatto che in realtà nessuno controlla chi fa uso del cellulare durante la guida
Due mie considerazioni supplettive: Non conosco nessuno che è stato fermato e multato per uso del telefono. Il mio carrozziere,inoltre, ringrazia quest’abitudine in quanto dice che gli porta tantissimo lavoro.
Comunque grazie sempre per le vs. informazioni che ritengo utili ed intelligenti.
Cordialità

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Grazie del suo commento! Ci teniamo a chiarire che Rocco Bellantone è un nostro redattore che riporta la posizione dell’associazione e non un parere personale. Continui a seguirci!

Avatar
Cesare Zaccaria

Non è la velocità la prima causa dgli incidenti, in Italia abbiamo un parco veicoli vetusto,i veicoli di più piccola cilindrata, la maggior parte egli automobilisti procede a bassa velocità,la prima causa degli incidenti è la disattenzione soprattutto per l’uso ormai generalizato e non represso del maledetto telefonino. Lo Stato mi deve proteggere da questo malvezzo

Avatar
Maurizio

Ma qualcuno ha mai pensato prima di tutto di spiegare ai ciclisti le regole della strada?
Lo sanno che non si può circolare sui marciapiedi e nelle zone pedonali? E che invece hanno l’obbligo, non la facoltà, di utilizzare le piste ciclabili quando c è il cartello tondo a sfondo blu? Vogliamo poi parlare di quelli che vanno in giro con bici non omologate per circolare su strada? Non hanno le prescritte dotazioni di visibilità. Non parliamo poi dell’attraversamento sulle strisce pedonali senza accompagnare la bici a mano o, peggio ancora, l’attraversamento agli incroci con quel fastidioso tris di luci comunemente chiamato semaforo che quando è sul rosso dovrebbe persino salvargli la vita!
Prima del casco obbligatorio accertiamoci che sappiano che sono gli utenti deboli della strada e per loro stessi rendersi conto che anche quando hanno ragione rischiano la vita, figurarsi quando non sanno comportarsi. Non ho idea di quale sia l’utilità di avere una qualunque ragione da morti.

Avatar
Aldo Rainaldi

purtroppo sulla circolazione stradale discutono spesso persone che non sanno neppure cosa sia una macchina.Solo si spiega il fatto che nascano prescrizioni tipo velocità a 20 o 30 km.Una macchina di grossa cilindrata va a quella velocità in prima e i tempi di frenata a 40 km sono più o meno istantanei per un guidatore normale .Chi l’ha detto che ridurre di 10 km la velocità salverebbe 2000 persone,chi se le inventa queste improbabili previsioni?In autostrada guidando ci si annoia,diminuire la velocità oltre un certo limite fa addormentare.Dire che gli incidenti sono causati da chi va troppo veloce è vero,ma troppo veloce significa da 150 in su,vorrei sapere quanti incidenti in autostrada sono fatti da chi va tranquillamente a 130 km l’ora e,ovviamente.sa guidare la macchina.

Avatar
Giacomo

In merito alle “Multe più salate per chi guida con lo smartphone”, in qualità di operatore della Polizia Stradale, faccio presente che le contestazioni di cui all’art.173/2° e 3° bis CDS, a differenza di altre infrazioni, queste risultano oggettivamente difficili da contestare nella immediatezza, come prevede il Codice della Strada.
Purtroppo, non sempre la pattuglia ha la possibilità di raggiungere il trasgressore e procedere immediatamente alla dovuta contestazione.
Cordialità.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori
© 2019 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online