L’esperto risponde su… buche stradali

E’ vero che se cado con il motorino a causa di una buca stradale, ho diritto a un risarcimento?

Sì, si può intraprendere la strada del risarcimento nei confronti dell’ente comunale, seguendo la seguente procedura:

chiedendo l’immediato intervento della polizia municipale, della polizia stradale o dei carabinieri, così da far rilevare sul posto le condizioni della strada e verbalizzare, nell’immediatezza del fatto, l’esistenza della buca, della strada sconnessa, etc.;

scattando, se possibile, alcune foto dei luoghi prima che il Comune segnali alle ditte responsabili della manutenzione di riparare il danno;

coinvolgendo testimoni che abbiano assistito all’evento;

– nel caso di lesioni fisiche recarsi immediatamente al Pronto Soccorso.

I consulenti legali dell’Unione Nazionale Consumatori sono a disposizione per una valutazione della posizione; per segnalare il caso vai allo SPORTELLO AUTO-MOTO

Scopri tutte le nostre FAQ

Autore: Valentina Greco
Data: 19 giugno 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Alessio

Salve, mi è stato detto che nel caso in cui si tratti di una tratta conosciuta (per esempio la strada che si fa puntualmente per andare a lavoro) la colpa del danno, anche fisico, ricade esclusivamente sul conducente del veicolo, quindi oltre al danno anche la beffa. E’ vero?

Avatar
Nicola De Marzi

E’ vero. Questo sulla base di due principi distinti ma concorrenti: 1. il veicolo va condotto a velocità compatibile con le condizioni della strada e tale da consentire di evitare i pericoli o di arrestarsi in condizioni di sicurezza 2. per essere colpa dell’amministrazione/gestore la buca deve costituire “insidia non visibile nè ipotizzabile” (detta più o meno così), ovvero non doveva essere visibile ne la sua presenza doveva essere ragionevolmente attesa. Esempi: percorri spesso la stessa strada per tornare a casa, la strada è messa maluccio e un giorno di sole finisci in una buca: colpa tua perchè sapevi che la strada era messa male e quindi dovevi aspettarti di trovarci una buca; oppure, colpa tua perchè la buca era visibile (mica pioveva) e tu ci sei finito dentro perchè andavi troppo veloce o eri distratto; percorri una strada secondaria sconosciuta in un giorno di pioggia e finisci dentro una buca nascosta da una pozza d’acqua: concorso di colpa perchè vero è che l’insidia era occulta, ma è noto a tutti che le strade secondarie soffrono di scarsa manutenzione ed “esplodono” dopo ogni pioggia, quindi avresti dovuto guidare con maggior cautela e il danno sarebbe stato minore; guidi in autostrada a 130km/hr con traffico medio in un giorno di sole, è piovuto fino a un’ora fa ma ora tutto ok (c’è il drenante e la strada è nuovamente asciutta) il veicolo davanti a te sbanda leggermente per schivare una buca, tu non fai in tempo e la becchi in pieno, esplode il pneumatico e perdi il controllo, sbandi cappotti coinvolgi altri un casi con morti e feriti, colpa del gestore perchè la buca era occulta (coperta dal veicolo davanti a te) tu guidavi a velocità corretta (non perchè entro il limite, ma perchè non vi era motivo per mantenere una velocità più prudente) e non era prevedibile di trovare una buca così in autostrada dopo una pioggia (perchè le pavimentazioni autostradali sono progettate per resistere MOLTO di più di quelle delle strade secondarie)… quindi non è così semplice ed immediato come questo articolo farebbe pensare. In città, guidate con molta cautela perchè la colpa sarà quasi sempre vostra.

Avatar
Marco

Vorrei fare un esempio concreto riallacciandomi al discorso, strada conosciuta ma percorsa sempre in automobile, un giorno viene percorsa in moto, a velocità moderata per non dire lentamente.
Arriva da dietro a velocità un’auto, ci si accosta lateralmente per facilitare il sorpasso ma spunta una buca. In auto neanche si notava, vuoi perchè laterale, vuoi perchè con l’auto prenderla non dava problemi, ma in questo caso con la moto si perde totalmente il controllo del mezzo causando un brutto incidente… sempre colpa esclusiva del motociclista? Anche se in moto non aveva percorso quella strada, o comunque non di recente?

Avatar
Nicola

Temo di si. O almeno bisognerà argomentare molto bene per convincere il giudice del contrario. Se la moto ha perso totalmente il controllo colpendo la buca significa che o la buca era grande e quindi ben visibile o la velocità non era moderata come viene detto o il conducente procedeva ad una velocità troppo sostenuta in rapporto alle proprie capacità e al tipo di moto (prontezza di riflessi, forza per mantenere il controllo, moto stradale piuttosto che cross/enduro…).
Ragioniamo per estremi: con una moto da cross o un buon fuoristrada si possono percorrere in sicurezza piste sconosciute con buche cento volte più grandi di quelle sulle nostre strade; ovviamente serve esperienza, un mezzo idoneo, molta prudenza, velocità bassa (a passo d’uomo)…
Quindi difficile sostenere che una comune strada cittadina, per quanto messa male, non possa essere percorsa in sicurezza. Ovviamente sappiamo tutti che il problema è la velocità: dobbiamo rispettare dei tempi, mica possiamo passare tutto il giorno in auto a passo d’uomo!! Ma qui entra in gioco la scelta del conducente: sei tu quello che sceglie a che velocità andare, sulla base di una tua valutazione delle tue capacità e delle condizioni della strada.
Ricordo a tutti che i limiti di velocità esposti sulle strade sono limiti LEGALI non tecnici: 50km/hr non significa che la strada è sicura fino a 50km/hr, significa solo che è illegale andare a più di 50km/hr.
Poi si sà, la giustizia è amministrata da persone con un cervello autonomo, quindi se trovi un difensore dell’amministrazione rimbambito e un giudice che ce l’ha di suo con le buche, ecco che potresti cavartela.

Avatar
El Chapo

La soluzione e’ semplice quanto efficace. Applicazione protocollo
AK-47

Avatar
LPR

Il problema delle buche sulle strade È IN TUTTA LA RETE STRADALE ITALIANA! Da quando sono state declassate le strade nazionali a provinciali senza dare fondi il disastro è gravissimo in tutte le regioni, aggiunto al disastro delle strade comunali di amministrazioni che non hanno fondi. In nessun programma politico era presente questo problema da affrontare.

Avatar
Angel

Mi dispiace ma anche questa come la bolletta a 28 giorni, le telefonate moleste, ecc,ecc, non avranno successo.

Avatar
Francesco

Buongiorno, mia moglie è caduta con la bici in una buca, avvocato manda numerose lettere al comune, quest’ultimo e in dissesto finanziario, nessuna risposta. Quando invece c’è da pagare bollette per la spazzatura e l’acqua, le mandano prima del previsto. Non sono ingiustizie queste ? Il comune è quello di Vibo Valentia.

Saluti

Avatar
Francesco

Buongiorno,
io vivo in provincia di Brindisi e le posso assicurare che la situazione è identica. Le strade sono un colabrodo e costituiscono un vero pericolo per gli utenti.
Cosa possiamo fare?
Pensi che il comune in cui vivo è stato commissariato.
Evviva l’Italia!


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma

Vuoi l’offerta di luce e gas più conveniente ed essere sempre tutelato?