Multe: aumentano le spese di notifica

Multe più salate a partire dal 10 giugno: aumentano, infatti, i costi di notifica per le multe stradali recapitate da Poste Italiane.

Questo perché la tariffa per la spesa di spedizione più diffusa, quella di plichi di peso inferiore a 20 grammi, passerà da 6,80 a 9,50€, un aumento dunque di circa il 40 per cento.

A comunicarlo è proprio Poste Italiane che, in linea con le modifiche recentemente apportate alla Legge 890/1982 e con le Delibere attuative dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni in tema di notifiche a mezzo del servizio postale ha comunicato l’aumento delle tariffe postali come conseguenza dell’incremento del numero di spedizioni per ciascun verbale.

Quindi aumentano i  verbali da inviare e di conseguenza aumentano i costi a carico del consumatore. Inoltre, negli ultimi tempi, è stato reintrodotta sia la CAN (comunicazione di avvenuta notifica), vale a dire la seconda raccomandata informativa che viene spedita al destinatario qualora, vista la sua assenza, l’atto sia stato consegnato a un familiare o al portiere; sia la CAD (comunicazione di avvenuto deposito) cioè la raccomandata spedita al destinatario qualora, a causa della sua assenza, il plico sia riportato all’ufficio postale.

Il paradosso di multa e notifica

In alcune città gli aumenti delle tariffe potrebbero portare anche ad una coincidenza particolare con l’importo della notifica che va quasi ad eguagliare il valore della stessa multa!

Se pensiamo che dal 2013 è possibile avere una riduzione dell’importo della multa del 30% se si paga entro 5 giorni, questo vuol dire che, nel caso in cui la multa sia di 29,40€ (valore della multa che più comunemente viene inflitta agli automobilisti), in alcune città il costo per le spese di accertamento e notifica da pagare (18-20€) potrebbe essere di poco inferiore rispetto a quella della sanzione.

Le spese di notifica eguaglieranno la sanzione, nel caso in cui, con auto aziendali o noleggiate, il verbale viene notificato prima all’intestatario e poi al responsabile effettivo dell’infrazione.

Ma da cosa dipendono questi aumenti?

Le tariffe che riguardano la spedizione di notifiche per via postale sono quantificate a forfait, tenendo conto della percentuale di atti che hanno richiesto l’invio di CAN o CAD.

La quantificazione, logicamente, è soggetta a revisioni annuali infatti se ci saranno variazioni nelle tariffe dipenderà dalla quota di atti che richiedono l’invio di notifiche.

I costi però potrebbero ridursi sensibilmente, sia per il consumatore che per lo Stato, nel caso in cui gli automobilisti aprissero una casella PEC (posta elettronica certificata), infatti dal 2018 gli organi di polizia devono notificare, se possibile, i verbali in via telematica. Ma purtroppo sono ancora pochi i cittadini ad avere una casella PEC!

Autore: Lorenzo Cargnelutti
Data: 10 giugno 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Francesco Pizzuto

A me è arrivata tramite pec ma le spese ci son ugualmente!

carlo tassinari

Sono in disaccordo. Avere la PEC non serve a niente in questi casi. Dal 2014 ho la PEC come libero professionista e l’Agenzia delle entrate regolarmente invia le comunicazioni per raccomandata postale. Allora mi chiedo: a cosa serve pagare (ed essere obbligati a pagare) una PEC se poi lo stato continua a sprecare i miei soldi ed il mio tempo (visto che la raccomandata arriva sempre in orario di lavoro e mi tocca per giunta andare in posta a ritirarla)?

Luciano

Spett.le Unione Nazionale Consumatori, grazie per la preziosa informazione, Vi rivolgo un quesito, essendo possessore di PEC, gli organi di Polizia sono a conoscenza di questo opppure sono io che devo informare qualcuno, non so se può sembrare stupida la domanda.
Un ringraziamento anticipato

Raffaele

Buongiorno Io ho una casella PEC ma la Polizia ( locale, di stato, carabinieri ecc.) come fa a saperla?

giuseppe fusco

Salve, il sottoscritto ha una casella pec però nonostante ciò mi viene notificato tutto per posta, come devo comportarmi? è possibile non accettare la caccomandata segnalanmdo appunto che si in possesso di una casella pec?
grazie

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma