Carte di credito e bancomat: pagare non costerà di più

pagamenti_carte_credito_bancomat
Dal 13 gennaio 2018 è entrata in vigore la nuova normativa europea che pone fine ai sovraprezzi sui pagamenti con carta di credito, bancomat e bonifici. Dunque non ci saranno più commissioni extra sia se si fanno acquisti nei negozi (anche se si spendono cifre molto basse) che su internet. La direttiva si chiama Payment Services Directive 2 (PSD2) e rientra nella serie di provvedimenti a tutela dei consumatori dei Paesi membri dell’UE validi dall’inizio di quest’anno. Secondo la Commissione Europea porterà a un risparmio complessivo di circa 550 milioni di euro l’anno. Spieghiamo cosa cambia nel concreto per gli acquisti che i consumatori fanno ogni giorno.

Carte di credito e bancomat, quanto valgono le commissioni?

Secondo la nuova normativa europea, le commissioni che le banche applicheranno sui pagamenti elettronici con POS, dunque con carta di credito e bancomat, sono le seguenti: non superiore allo 0,2% del valore dell’operazione effettuata se si paga con carta di debito; non superiore allo 0,3% se si paga con carta di credito.

Si potranno pagare con carta anche cifre molto basse?

A chiunque sarà capitato di non poter pagare un caffè al bar o un giornale in edicola con carta e di essersi sentito dal commerciante che l’importo da pagare era troppo basso rispetto al costo della transazione. Con la nuova normativa europea non ci saranno più scuse di questo tipo. I commercianti non potranno più applicare sovraccosti arbitrari (in media 50 centesimi) a chi non paga in contanti (si tratta del cosiddetto “divieto di surcharge”). Inoltre, per agevolare l’utilizzo della carta anche per le spese “contenute” (fino a 5 euro), verranno ridotte le commissioni delle banche. Ci sono comunque delle eccezioni. In alcuni Stati membri il divieto di commissioni aggiuntive non varrà, infatti, per pagamenti effettuati con American Express o PayPal.

Cosa cambia per l’acquisto di voli su internet?

Un altro dei vantaggi più tangibili di cui potranno godere i consumatori con questa nuova normativa europea riguarda l’acquisto on line dei biglietti aerei. Finora sono state tante le compagnie aeree (soprattutto quelle low cost) che, al momento del completamento dell’operazione di acquisto con carta di credito, aggiungevano i costi di transazione, spesso tra i 5 e i 10 euro. Adesso questo sovraccosto non verrà più addebitato a chi comprerà i biglietti.  

Più tutele in caso di frode o furto della carta

I consumatori saranno maggiormente tutelati nel caso di frode (che può verificarsi nel momento in cui si fa un acquisto su internet o all’interno di un negozio), furto, clonazione o smarrimento della carta e acquisto non autorizzato. Fino ad oggi il possessore della carta rubata o clonata veniva considerato responsabile dei primi 150 euro spesi in operazioni da lui non riconosciute ed effettuate prima della sua denuncia. Adesso non gli verranno invece restituiti solo i primi 50 euro spesi. Per gli acquisti on line, la responsabilità è invece zero se la banca non ha richiesto un controllo di identità.

Più trasparenza sulle commissioni

Ci sarà maggiore trasparenza sui costi di commissione applicati dalle banche per gli acquisti elettronici effettuati con una valuta europea diversa dall’euro. Inoltre, le banche non saranno più gli unici soggetti a disporre dei dati per le transazioni economiche dei loro clienti. Ciò significa ad esempio che siti di e-commerce, ottenuto il consenso del cliente, potranno prelevare denaro per un acquisto direttamente dal conto corrente anziché passare per una carta di credito. In generale, le transazioni saranno tutelate da un più elevato standard di protezione dei dati sensibili della carta in possesso del cliente (saldo contabile, saldo disponibile, movimenti, intestazione del rapporto).

Autore: Rocco Bellantone
Data: 24 gennaio 2018

 

I commenti sono attualmente chiusi.

Avatar
luigi dentico

Bisogna arrivare a non pagare alcuna commissione. Pagare con il Bancomat deve essere un obbiettivo da raggiungere il più presto possibile in modo da azzerare l’evasione e limitare l’emissione di carta moneta con conseguente enorme risparmio per lo Stato

Avatar
Stelvio

Il giorno 27 gennaio la delegazione ACI di via Cristoforo Colombo ha preteso 40 cent. per una operazione nell’ emissione di due bolli. In barba alla nuova legge.

Avatar
SALVATORE

Ciao a tutti, come libero professionista offro ai miei clienti la possibilità di pagare con bancomat e carte di credito/debito. Il contratto che avevo stipulato con la banca che mi offre il servizio prevede una commissione fissa a mio carico del 2,5% per ogni transazione…..spero cambi qualcosa anche per me…

Avatar
Olga Marti

Grazie mille per il Vostro lavoro.

Avatar
alessandro

Buongiorno, articolo interessante ed esaustivo, ma non si precisa una cosa molto importante per le aziende che subiscono un prelievo da 0.85 a 1.30 % sugli acquisti effettuati tramite bancomat e/o carta di credito ci deve essere una relativa e sostanziosa diminuzione delle spese applicate dalle banche, che invece pare continueranno, anziché ridurre, ad aumentare i costi relativi agli acquisti con mezzi elettronici. Cordiali saluti.

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma