La casa di domani

casa di domani

Presentati a Milano i risultati dell’Osservatorio sulla Casa 2018, l’indagine annuale realizzata da Habitante in collaborazione con l’Unione nazionale consumatori: la ricerca, giunta alla sua quinta edizione, fotografa le trasformazioni in corso nel mondo dell’abitare, offrendo agli addetti ai lavori del settore un utile strumento di lettura sulle tendenze in atto che stanno modellando la casa del futuro.

L’Unione Nazionale Consumatori collabora al progetto per portare all’interno dell’Osservatorio la voce dei consumatori: è fondamentale infatti per le aziende del settore intercettare i bisogni dei cittadini senza dimenticare le tutele e i diritti di questi ultimi

“La casa è davvero al centro dell’esistenza dei consumatori non solo per l’ovvia ragione di rappresentare il luogo domestico dove molti trovano riparo dalla frenetica vita quotidiana – ha commentato il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona – ma anche perché intorno alla casa cominciano a generarsi nuove abitudini di consumo, sia grazie alla tecnologia (ben rilevate dall’Osservatorio), che con il diffondersi dei servizi legati alla dimensione domestica, come ad esempio il food delivery. Da una parte, infatti, assistiamo ad una riscoperta delle realtà abitative da parte dei consumatori che, anche grazie alla tecnologia, portano il lavoro all’interno delle mura domestiche, dall’altra si allargano i confini delle nostre abitazioni e si diffonde la necessità di sentirsi a casa anche negli ambienti urbani delle città.”

La ricerca fotografa perfettamente i trend del settore: dalle oltre 2000 interviste realizzate è emerso che la struttura dell’abitazione nel nostro Paese è grande, sopra i 100mq. Si parla di ampi spazi dove vivere e si conferma che il 62% degli italiani risiede in appartamento, così come si conferma che viviamo in un paese di proprietari di abitazione e che oltre la metà ha contratto un mutuo per comprarla.

Come anche nelle precedenti edizioni si è partiti dai cinque elementi portanti di una casa ideale, i pilastri su cui ogni abitazione si regge perché la casa per gli italiani deve essere comoda da vivere adattandosi alle nuove esigenze della società in trasformazione (per il 76% degli italiani); la casa deve aiutare a risparmiare con il controllo delle spese di manutenzione e dei consumi (72%); la casa deve rappresentare un ambiente sano (68%); la casa deve rispettare l’ambiente in cui viviamo integrandosi con il paesaggio, offrendo il minor impatto possibile sul territorio ed essendo ecosostenibile (58%); infine la casa moderna deve essere anche smart, intelligente e innovativa (36%).

Appare ancora controverso il rapporto degli italiani con la tecnologia: se è vero infatti che dimostrano una certa attrazione dei confronti della casa intelligente, tutto l’ambito del controllo a distanza comporta un impatto sulla privacy e in alcuni casi le persone si sentono inadeguate o hanno timore nel gestire le nuove modalità.

Altro aspetto importante emerso dalla ricerca è che la casa deve diventare mutevole nell’arco della giornata con sistemi che le consentono di volta in volta di assumere più funzioni e adattarsi a più bisogni. Il 23% degli italiani utilizza uno o più ambienti della casa per svolgere le proprie attività professionali, e oltre il 62% degli intervistati ha ammesso di lavorare da casa quasi tutti i giorni.

Essendo la casa un elemento sempre più centrale della vita di ognuno di noi, emergono gli ambiti dove si vorrebbe agire per migliorarla: per il 35% del campione raccolto le rifiniture non sono sufficientemente di qualità, mentre il 34% degli intervistati ritiene di non avere spazio sufficiente per le sue esigenze e che la casa non sufficientemente isolata. Si conferma in generale una non completa soddisfazione della casa attuale che corrisponderebbe solo parzialmente all’ideale desiderato: purtroppo solo per il 40% degli intervistati la casa consente un attento controllo dei consumi, è rispettosa dell’ambiente e della salute di chi ci vive. In fondo quello che emerge dall’Osservatorio è che solo per il 57% degli italiani la propria abitazione è un luogo comodo dove vivere e questo deve essere il punto di partenza per pensare alla casa del futuro.

SCARICA I RISULTATI DELLA RICERCA

Autore: Livia Zollo
Data: 4 luglio 2018

 

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online