Ecco cosa i consumatori si aspettano da un elettrodomestico

1 commento  |  pdf

Che ti aspetti quando acquisti un elettrodomestico? E’ a questa domanda che abbiamo cercato di dare una risposta interrogando i consumatori. Rispetto ai punti vendita, alle grandi catene, di seguito le 10 cose che i clienti desiderano maggiormente, in ordine decrescente rispetto alle segnalazioni pervenute:

  • Convenienza e qualità. I prezzi vantaggiosi sono sempre in testa alle richieste dei consumatori. Sarebbe anche ottimo se il negozio stesso indicasse l’elettrodomestico più conveniente, per facilitare gli acquisti di chi cerca il prezzo più basso. Nel caso degli elettrodomestici, però, è richiesto anche un buon rapporto qualità-prezzo.
  • Varietà. La varietà dei prodotti dovrebbe essere la caratteristica di una grande catena. Ma spesso si trovano solo le marche più note, quelle più pubblicizzate, che non sempre hanno il miglior rapporto qualità-prezzo. Difficile trovare anche i brand di alta marca. Anche per le marche più famose, difficile trovare i modelli di alta gamma. E’ tutto troppo medio…
  • Più competenza da parte del venditore. Seri investimenti sulla formazione degli addetti ai punti vendita, perché possano rispondere anche ai quesiti più tecnici dei consumatori. La cortesia non figura come richiesta, non perché non sia importante ma perché i commessi di queste catene sembrano disporne a sufficienza.
  • Più addetti o addetti multitasking capaci di dare risposte per più reparti. In queste catene i commessi si trovano più facilmente rispetto ai tradizionali supermercati, ma sono perennemente occupati da chi ci precede e quando sembra abbiano finito … ecco che sfuggono come anguille.
  • Rispetto della normativa sui prodotti difettosi. In particolare, rispetto dei 2 mesi per denunciare il difetto di conformità, sostituzione del prodotto senza rimbalzare il consumatore al centro di assistenza, restituzione dei soldi (in caso la riparazione o la sostituzione non siano possibili o fatte in un congruo termine) e non consegna di un buono acquisto (un classico è la card), non pretendere che il bene sia restituito con imballaggio e così via. Miglioramenti ci sono stati dopo l’intervento dell’Antitrust di qualche anno fa, ma le cose da qualche tempo sembrano nuovamente peggiorare. Si richiede di esporre nei punti vendita, presso le casse e presso i punti di assistenza, cartellonistica sui diritti di garanzia e post-vendita.
  • Bene le promozioni, se non fossero finte. Basta con le promozioni ingannevoli, quelle con un numero di prodotti disponibili in offerta troppo limitato (sia considerando il numero dei punti vendita, sia l’afflusso medio di clienti sia l’investimento pubblicitario). Prodotti che nei casi limite sono introvabili già nella prima mattinata dell’offerta promozionale.
  • Rispetto dei tempi di consegna pattuiti e consegna e montaggio gratuiti.
  • Assistenza e interazione. Numeri verdi di assistenza (non a pagamento), che siano veramente utili. Ad esempio, che sappiano dirti se un determinato elettrodomestico è disponibile in quel punto vendita o se per caso è esaurito. E’ brutto fare chilometri per poi trovare lo scaffale vuoto. Sono richiesti anche più strumenti di interazione con la clientela, innovativi. Non solo con il classico punto di ascolto (o il call center), ma anche App e altri canali digitali come i social network. Inoltre andrebbero sollecitate le segnalazioni dei consumatori, non solo recependo le specifiche lamentele a fronte di un problema, ma chiedendo con questionari (presso il punto vendita e on line) anche cosa vorrebbero nel punto vendita: prodotti e marche che mancano, problemi di posteggio, carrelli poco adatti agli elettrodomestici, poco personale disponibile alle casse….
  • Casse lente. Nonostante l’afflusso di clienti alle casse sia minore rispetto ai supermercati, e, soprattutto, sia immensamente inferiore il numero di beni acquistati, le code non mancano mai. Le/i cassiere/i sono molto più lente/i rispetto ai supermercati, probabilmente anche per la differenza degli strumenti utilizzati per la lettura ottica. Il risultato è una lunga attesa, spesso resa insopportabile dal fatto che l’elettrodomestico, ingombrante, è tenuto tra le braccia.
  • Difficile trovare panchine per riposarsi in una grande catena, luoghi attrezzati per minori o anziani, aree wifi o per la ricarica di smartphone o tablet.

E’ un peccato che sia solo in undicesima posizione, fuori, quindi, dal decalogo, ma data l’importanza che, per l’UNC, riveste il punto, lo riportiamo ugualmente:

  • Ambiente. Impegno per la sostenibilità ambientale: dall’uso di materiali riciclabili ai contenitori per la raccolta delle batterie esaurite, fino alla corretta raccolta del RAEE.

L’Unione Nazionale Consumatori propone sistemi di certificazione da parte delle associazioni dei consumatori sulla qualità dell’informazione, i servizi di ascolto, la sicurezza dei prodotti, il rispetto del decalogo sopra riportato (ad esempio tramite ispezioni o attività di mistery shopping che consentano di pervenire al rilascio di un trustmark di fiducia).

HAI BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO? SCRIVICI ALLO SPORTELLO DEDICATO

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 5 aprile 2017

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Francesco

Accade spesso di dover accantonare un elettrodomestico (es. robot da cucina) acquistato anche 400 euro ca., per avaria di un ricambio di pochi euro in quanto fuori produzione anche dopo alcuni mesi dall’acquisto; la conseguenza è quella di dover acquistare un ulteriore costoso elettrodomestico ma sempre con il rischio di non trovare all’occorrenza pezzi di ricambio. Occorrerebbe imporre alle aziende di assicurare il reperimento dei ricambi per un certo numero di anni dall’acquisto.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori