Smart Tv e privacy, quali rischi per i consumatori?

Smart TV privacy

I nostri dati e la loro tutela sono argomento sensibile  e sempre attuale: con l’avvento di nuovi strumenti tecnologici sempre più interconnessi il rischio di condividere informazioni inconsapevolmente (o vedercele sottrarre in maniera fraudolenta) potrebbe aumentare.

Approfondendo il caso delle Smart TV, sempre più presenti nelle case degli italiani, molti consumatori si domandano se, utilizzando questi dispositivi, i dati personali siano al sicuro.

Le Smart TV sono hackerabili?

Gli hacker potrebbero usare questo elettrodomestico per accedere alle nostre informazioni?

La risposta che viene dagli esperti è che, al momento, essendo le Smart TV composte da tecnologie fornite da diversi produttori, per gli hacker non dovrebbe essere troppo difficile forzare il sistema di sicurezza di questi dispositivi.

In questo modo quindi avrebbero accesso a molti dei nostri dati più sensibili tra cui, ad esempio, il numero della carta di credito inserita per l’acquisto di un film in streaming.

Come evitare spiacevoli inconvenienti?

Con questo, non si vuole di certo disincentivare all’acquisto di Smart TV, è bene però tenere a mente alcuni consigli al momento dell’acquisto o durante l’utilizzo di questi dispositivi:

  • se si decide, nel nome della convenienza, di risparmiare qualche euro al momento dell’acquisto della propria Smart TV, si potrebbe pregiudicare il fatto che il produttore investa nell’aggiornamento software che, alla luce di quanto detto, risulta davvero molto importante ai fini della non violabilità del dispositivo;
  • in questo senso risulta importante impostare gli aggiornamenti (del sistema e delle app) come automatici;
  • utilizzare il proprio client di posta elettronica con la Smart TV non è consigliabile, sappiamo infatti che spesso, proprio attraverso la posta elettronica, vengono insinuati dei virus che possono accedere e copiare le nostre informazioni;
  • prestate attenzione anche al microfono e alla telecamere di cui sono dotati i dispositivi. Sarebbe preferibile disattivare (se non utilizzata) la funzione microfono e telecamera attraverso le impostazioni della nostra Smart TV, se ciò non risulta possibile, allora, anche se esteticamente non il massimo, oscurare con un nastro la webcam.

Autore: Lorenzo Cargnelutti
Data: 7 gennaio 2020

 

I commenti sono attualmente chiusi.

Avatar
Massimo

Buongiorno
Stiamo scherzando, le smart TV ed i telefonini o simili tecnologie dovrebbero a mio parere per legge avere la disabilitazione “meccanica” di tutti gli strumenti di spionaggio, non si può fidarsi di cosa dice l’icona del software o le garanzie date date da un antivirus
I colossi informatici come google hanno banche dati enormi per mappare gli individui mentre un magistrato gli serve il consenso per procedere..
Le applicazioni devono essere anche a pagamento dove non si è obbligati a dare consenso a niente
Aspettiamo il 5G di cui nessuno di importante si è messo di traverso e i cellulari tutti senza batteria rimovibile e obbligatoriamente i dati accesi……
daltronde come si è vissuto prima di whatsapp?
Auguri a tutti e viva la libertà!

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2020 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma