RAI: contratto Fazio e dichiarazione Maggioni inaccettabili

6 commenti  |  pdf

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Palinsesto deludente: nessuna vera novità. Chieste le dimissioni della Maggioni

Roma, 28 giugno 2017 – “Il contratto del conduttore Fabio Fazio da 2,8 milioni a stagione è inaccettabile per il servizio pubblico almeno tanto quanto la dichiarazione di ieri della presidente della Rai, Monica Maggioni, secondo la quale l’azienda non avrebbe retto in termini di sistema nel caso il conduttore fosse transitato in un’altra emittente” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Nessuno è insostituibile, come dimostra la storia della tv. In ogni caso se la più grande azienda di comunicazione d’Italia dipendesse davvero da un solo uomo, saremmo tutti nei guai e vorrebbe dire comunque che la Maggioni non sta svolgendo bene il suo compito” prosegue Dona.

“Per questo chiediamo le sue dimissioni. Se programmi di informazione e di utilità sociale come l’Arena di Giletti spariscono senza colpo ferire mentre per altri si concedono deroghe milionarie, è evidente che non si è compresa la missione che dovrebbe svolgere il servizio pubblico” prosegue Dona.

L’associazione ricorda che il canone, ora inserito in bolletta, si giustifica, come attesta la sentenza della Consulta n. 284 del 26/6/2002, a condizione che la Rai abbia una diversa “qualità della propria programmazione” non piegata “alle sole esigenze …. della raccolta pubblicitaria, e non omologando le proprie scelte di programmazione a quelle proprie dei soggetti privati…”.

“L’opposto di quanto avvenuto ora. Quanto al palinsesto presentato oggi, nessuna vera novità, almeno sul piano dell’informazione, che dovrebbe restare la mission principale dell’azienda. Una ragione in più per le dimissioni della Maggioni” conclude Dona.

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Giuseppe

In questo caso, il denaro non costituisce fonte di investimento, ma di sperpero. Togliamo alla Maggioni la possibilità di sperperare. Non credo che Fazio possa valere tanto.Che vada pure alla concorrenza.

Giuseppe Scarpari

Mi riconosco nelle ragioni esposte nell’ articolo, che condivido puenamente.
Buon lavoro ragazzi.

bianca castro

Semplicemente vergognoso! mi farebbe piacere sapere quale ” santo ” protegge il Signor Fazio. non si spiega altrimenti.

claudio

ziletti dava fastidio a parecchi politici affrontando di petto fino in fondo tutti gli argomenti.Se Fazio se ne fosse andato ad altra rete perchè non firmava un contratto più equo la Rai non sarebbe certo crollata.Cosigiochamo con tutti al rialzo come nel calcio a carico in questo caso degli utenenti.Vergonia

Emanuela

Non mi sembra tanto importante quanto la scandalosa pibblicita che fa rai 3 Blob a Berlusconi si sono dimenticati quanto ci ha reso ridicoli nel mondo con i suoi scandali piu o meno puliti e i suoi comportamenti!!!!

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori