Tutto quello che c’è da sapere su Super Green Pass e obbligo vaccinale

Super Green Pass

Il Governo ha approvato delle nuove regole che riguardano Super Green Pass e obbligo vaccinale. Dal divieto di accesso a ristoranti e bar fino all’obbligo di vaccinazione per gli over 50, le nuove misure approvate puntano a limitare la diffusione del coronavirus. Ecco nel dettaglio le nuove norme entrate in vigore.

Super Green Pass

Da lunedì 10 gennaio le cose che possono fare i non vaccinati sono divenute molto meno. Le nuove regole approvate dal Governo infatti prevedono che per poter accedere ad una serie di servizi è necessario il “Green Pass rafforzato” ottenibile solo con il completamento del ciclo vaccinale o la guarigione dal coronavirus.
Nel dettaglio il Super Green Pass è obbligatorio per:

  • salire a bordo di un qualsiasi mezzo di trasporto pubblico o privato a breve, media e lunga percorrenza: treni, autobus e aerei;
  • accedere ad alberghi o qualsiasi altro genere di struttura ricettiva;
  • consumare al tavolo o al bancone, all’aperto o al chiuso, di bar e ristoranti;
  • partecipare alle feste successive alle cerimonie civili o religiose: battesimi, comunioni e matrimoni;
  • entrare in dei centri congressi e partecipare a fiere e sagre;
  • poter accedere agli impianti delle stazioni sciistiche;
  • per poter entrare in piscine, centri benessere, centri culturali e ricreativi, anche se all’aperto;
  • partecipare ad attività sportiva, al chiuso o all’aperto: calcio, tennis, paddle ecc…

Tra le ulteriori novità c’è anche la riduzione della durata di validità del Super Green Passche passa dagli attuali 9 mesi a 6.

Obbligo vaccinale

Tra le nuove misure introdotte dal Governo vi è anche l’obbligo vaccinale per chiunque abbia compiuto 50 anni.

Dal 15 febbraio sarà necessario inoltre esibire il Green Pass rafforzato per poter accedere ai luoghi di lavoro, pubblici o privati, a tutti i lavoratori con più di 50 anni d’età. L’obbligo vaccinale è stato introdotto anche per il personale universitario di tutte le età.

L’esibizione del Super Green Pass per poter lavorare era già entrata in vigore per il personale medico sanitario, personale scolastico, lavoratori delle RSA, forze dell’ordine e militari, personale amministrativo della sanità.

Le sanzioni previste per chi non ha il Super Green Pass

Per incentivare dunque la popolazione a vaccinarsi sono previste delle sanzioni economiche per coloro i quali verranno colti senza Super Green Pass laddove previsto:

  • 100 € di multa per coloro i quali sono obbligati a vaccinarsi (over 50) e non lo avranno ancora fatto. I controlli iniziano dal 1° febbraio;
  • da 400 a 1000 € di sanzione per chi sarà sprovvisto di Green Pass rafforzato nei luoghi o nelle attività in cui è obbligatorio;
  • sanzione da 600 a 1500 € se ci si trova sul luogo di lavoro senza Super Green Pass(laddove previsto).

Green pass obbligatorio

Per provare a fronteggiare la diffusione del coronavirus il Governo ha imposto inoltre l’obbligo di Green Pass (ottenibile con il completamento del ciclo vaccinale o dopo essere guariti al coronavirus ma anche l’esito di un tampone risultato negativo) per poter accedere a servizi alla persona come parrucchieri o centri estetici a partire dal 20 gennaio.

Dal 1° febbraio, inoltre, il Green Pass sarà richiesto anche all’ingresso di uffici pubblici, servizi postali, bancari e finanziari e delle attività commerciali (escluse quelle essenziali come i super mercati).

Autore: Lorenzo Cargnelutti
Data: 17 gennaio 2022

 

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di
TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2022 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2022 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma