Addio alla plastica monouso?

Stop plastica monouso

Dopo aver recepito la Direttiva europea SUP (single-use plastics) 2019/904, entrano in vigore nel nostro Paese nuove norme che vietano l’uso di plastica monouso per una serie di oggetti di uso comune. Ecco nel dettaglio di cosa si tratta.

Plastica monouso: le nuove regole

Secondo quanto previsto dalle nuove norme entrate in vigore in Italia piatti, posate, agitatori per le bevande, aste dei palloncini e cannucce non potranno essere più prodotti in plastica monouso.

È previsto inoltre lo stop alla produzione di contenitori per cibi e bevande, compresi eventuali tappi o coperchi, in polistirene espanso.

Questi prodotti non potranno più essere immessi sul mercato, ne è consentita la presenza sugli scaffali italiani solo fino ad esaurimento scorte.

Prodotti monouso solo se biodegradabili

Le nuove regole contenute nel Decreto legislativo n.196 del 8 novembre 2021 prevedono che possano essere venduti comunque dei prodotti in plastica monouso ma solo se realizzati con materiali biodegradabili e compostabili e se certificati conformi allo standard europeo UNI EN 13432 (se sono imballaggi) o UNI EN 14995 (se sono altri manufatti in plastica).

Questi oggetti, pur se biodegradabili, dovranno avere una percentuale sempre crescente di materia prima considerata rinnovabile, nello specifico: almeno il 40 % da subito e almeno il 60 % a partire dal 1° gennaio 2024.

La regolamentazione disciplina comunque le uniche occasioni in cui possano essere utilizzate confezioni in plastica monouso con materiali biodegradabili e compostabili:

  • se l’uso di alternative riutilizzabili non sia possibile;
  • se l’impiego di questi oggetti avverrà in circuiti controllati che garantiscano il corretto smaltimento nella raccolta differenziata, ad esempio mense o ospedali;
  • qualora le alternative riutilizzabili non offrano gli stessi standard igienici e di sicurezza;
  • nei casi in cui è previsto l’utilizzo da parte di un gran numero di persone contemporaneamente, ad esempio durante sagre, fiere o congressi;
  • e, infine, se le alternative riutilizzabili apportano un impatto ambientale peggiore rispetto a quelle biodegradabili monouso.

Bottiglie di plastica con tappo vincolato

A partire dal 3 luglio del 2024, per le bottiglie fino a 3 litri di volume, verrà introdotto l’obbligo di commercializzarle solo se il loro tappo in plastica può rimanere attaccato alla bottiglia anche dopo che la si è aperta.

Nuovi standard anche per le bottiglie in PET, che dovranno contenere almeno il 25% di PET riciclato entro il 2025 fino al 30% da raggiungere a partire dal 2030.

Alcune specifiche per altri prodotti

Nella normativa entrata in vigore sono stati introdotti anche degli obblighi per i prodotti per l’igiene della casa e personale come, ad esempio, le salviette umidificate o gli assorbenti. Se questo genere di prodotti è a base di fibre di plastica dovrà essere evidenziato con una specifica etichettatura da apporre sulla confezione così da sottolineare i rischi legati alla dispersione nell’ambiente, nel nostro Paese si erano già approvate alcune norme su prodotti di questo genere come quella sui cotton fioc.

Alcuni prodotti di uso comune sono rimasti esclusi dalle regole introdotte: per le mascherine e i guanti, ad esempio, non sono previste norme stringenti in merito alla loro produzione. Questo è dovuto al fatto che la normativa europea sia stata varata ben prima dello scoppio della pandemia. In questo caso, quindi, spetterà al consumatore responsabile evitare di disperdere nell’ambiente questo genere di prodotti.

Insomma, un piccolo passo avanti è stato fatto ma molto ancora si può fare per rendere più sostenibili le nostre abitudini: pensiamo ad esempio alla diffusione di quei prodotti di plastica che non sono monouso (quindi fuorilegge) ma utilizzabili un numero limitato di volte che certamente non contribuiscono a ridurre la quantità di plastica utilizzata. Così come confidiamo che i negozianti si attengano alla regola di vendere i prodotti di plastica monouso soltanto fino allo smaltimento delle scorte, senza trucchetti!

Autore: Lorenzo Cargnelutti
Data: 27 gennaio 2022

 

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*


Unione Nazionale Consumatori è membro di
TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2022 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2022 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma