Riscaldamento: legno e pellet sono un rischio per salute e ambiente?

1133 (Sdc – nov. 2015) – Scaldarsi in inverno davanti a una camino o a una stufa a legna osservando le fiamme e i giochi di luci e ombra ci fa sentire a contatto con la natura. Eppure questa pratica così amata dai nostri nonni – e tornata in voga recentemente anche a causa della crisi economica –   presenta degli elementi di rischio per l’ambiente ma soprattutto per la salute delle nostre famiglie. A lanciare l’allarme sugli effetti nocivi del riscaldamento domestico a biomasse sono in tanti, in primis il Ministero della Salute, le Arpa regionali e l’Enea che ha presentato l’ultimo studio sull’argomento  (“Gli impatti energetici e ambientali dei combustibili nel settore residenziale”)  mercoledì 11 novembre  in un evento promosso a Roma da Assogasliquidi e Anigas, le associazioni rappresentative dei settori gas naturale e liquefatto. La combustione delle  biomasse legnose, infatti, se è considerata neutra dal punto di vista delle emissioni di anidride carbonica è invece molto dannosa per la salute umana e la qualità dell’aria a causa delle emissioni di particolato, ossidi di azoto e composti organici volatili, sostanze molto pericolose che provocato malattie respiratorie anche mortali e che sono cancerogene. È stato dimostrato che il 99% delle emissioni di particolato del settore civile è dovuto proprio alla combustione delle biomasse legnose. L’incidenza delle concentrazioni di inquinanti e composti tossici (fra cui particolato e benzoapirene) nella diffusione di patologie dell’apparato respiratorio è riconosciuta da diverse indagini epidemiologiche  a livello mondiale. Il progetto VIAAS del  Centro Controllo Malattie del Ministero della Salute valuta per l’Italia in circa 30.000 decessi l’anno l’impatto del solo particolato fine sulla salute, pari al 7% di tutti i decessi, esclusi gli incidenti. Secondo l’OMS il particolato assume particolare rilevanza per la sua patogenicità a concentrazioni maggiori 10 ug/m3. La situazione diventa quindi critica in alcune aree sensibili, con conseguente aumento delle patologie per l’apparato respiratorio, come Pianura Padana, Roma e Napoli, dove le concentrazioni di particolato restano superiori non solo ai 10 UG/M3 considerati dall’OMS, ma anche ai limiti europei. Per tali aree, è necessaria una riduzione delle concentrazioni, attraverso standard emissivi più stringenti sui piccoli impianti a biomasse o misure che scoraggino l’uso delle biomasse nel residenziale, a favore della sostituzione di camini aperti/chiusi con tecnologie a gas o con produzione di calore tramite altre rinnovabili (elettriche o termiche). Ma, nonostante questi dati autorevoli e comprovati,  le biomasse legnose godono addirittura di politiche fiscali che ne incentivano la diffusione. Inoltre  la Legge di Stabilità su cui il Parlamento sta lavorando prevede l’inserimento di ulteriori incentivi. Tale trattamento preferenziale accordato alle biomasse dovrebbe invece esser riequilibrato, per tener conto degli impatti negativi sulla salute umana e sull’ambiente. Sarebbe poi indispensabile introdurre standard emissivi più rigorosi da applicare alle tecnologie incentivabili, in modo da costituire un’ulteriore spinta all’accelerazione tecnologica necessaria per la transizione verso sistemi energetici meno carbon intensive. I dati presentati dallo studio ENEA hanno trovato conferma anche nei dati di diverse ARPA regionali intervenute all’evento e da INSERM (Institut National de la santè et de la recerche medicale) che confermano gli impatti ambientali e sanitari derivanti dall’impiego delle biomasse nel settore del riscaldamento.

Per saperne di più:

http://assogasliquidi.federchimica.it/AreaStampa/dettaglio-news/2015/11/12/da-studio-enea-l’allarme-sulle-biomnasse-legnose

Tabella-Enea

Autore: Assogasliquidi
Data: 18 novembre 2015

 

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Lucia

Io vorrei sapere se è così inquinante la legna come mai prima L gente parlo di nonno bisnonni che usavano solo legna per riscaldarsi campavano oltre gli 80 anni e di tumori non c è n era non dico nemmeno L ombra ma non certo come oggi oggi è un miracolo se riesci a campare fino a tanto come mai sono aumentati a dismisura i tumori prima non c era il metano non c erano qst cose dette rinnovabili intanto si ammalavano di meno siamo sicuri che la legna è cancerogena prima tutti usavano solo legna punto

Liana

Io da anni che uso la classica stufa a legna perche penso che il pellet sia nocivo dai composti che lo compongono

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online