Prova doppia validazione email


    1. Equità nelle disdette contrattuali

    Nel mondo che vorrei, deve essere offerta al cliente la possibilità di sciogliersi da un contratto con le stesse modalità con cui lo ha attivato: insomma il contratto è stato fatto al telefono? Il consumatore deve poter dare disdetta al telefono! Ha firmato con un clic? Un clic per disdire!

    Non se ne può più di contratti che si attivano con un «sì» rubato da un call center (o con un clic online) e poi ci obbligano alle sette fatiche di Ercole per una disdetta! E' ingiusto: se si attiva con certe modalità si deve poter disdire con lo stesso metodo!


    2. Stop alle rimodulazioni unilaterali

    Nel mondo che vorrei, quando un operatore di servizi lancia una nuova offerta, quel prezzo deve restare valida almeno per un certo lasso di tempo (diciamo per i dodici mesi successivi?). Oggi invece accade troppo spesso di essere ricontattati solo dopo qualche giorno per una rimodulazione contrattuale. Naturalmente peggiorativa!

    Ma come? Prima mi seduci con una offerta allettante e subito dopo cambi le carte in tavola, con conseguente aumento dei costi? Capisco il libero mercato e la facoltà per i fornitori di rimodulare il contratto lasciando al cliente la possibilità di recedere gratuitamente, ma non basta più: non possiamo mica passare la vita a migrare di qua e di là. Allora, se un'impresa lancia un'offerta magari per sbaragliare la concorrenza, dovrà tener ferme quelle condizioni almeno per un po'.


    3. Stop alla shrinkflation e all'overpackaging

    Nel mondo che vorrei, la shrinkflation e l'overpackaging dovrebbero essere sanzionate efficacemente perché chi restringe il contenuto, sgramma il prodotto, toglie una merendina dalla confezione o un po' di detersivo dal flacone è sleale nei confronti del consumatore.

    E' vero che un produttore può decidere autonomamente il formato, ma nel caso voglia togliere qualche grammo, dovrebbe ridurre anche il packaging e non solo per renderlo evidente al consumatori, ma anche per inquinare di meno cosa che non fa usando confezioni sovradimensionate. Vorrei una legge che vieti confezioni che superino del 20%.

    Parola chiave: stop alla shrinkflation e tutela ambientale contro chi spreca il packaging.


    4. Stop alle immagini taroccate e al baby marketing

    Nel mondo che vorrei, dovrebbe essere vietato "ritoccare" le immagini della pubblicità e persino le immagini riprodotte sulle confezioni dei prodotti dovrebbero essere rispondenti alla realtà. E vorrei che fosse vietato usare personaggi dei cartoni animati per sedurre i bambini. Il marketing rivolto ai minori di 14 anni dovrebbe essere vietato tanto sul punto vendita che nella comunicazione commerciale online/offline


    5. Più trasparenza sui prezzi e sulle offerte

    Succede ancora troppo spesso di trovare esposti sugli scaffali offerte confusionarie o prezzi diversi da quelli che poi vengono effettivamente praticati. Per non dire di quegli sconti annunciati che poi però non sono applicati alla cassa. Troppo spesso si vedono (soprattutto dei prodotti alimentari) scritte minuscole, a cominciare dal prezzo per unità di misura (che deve essere scritto più grande), per non dire delle date di scadenza spesso stampate in modo illeggibile.

    Nel mondo che vorrei, mi aspetto più controlli ed effettive sanzioni di queste pratiche scorrette.


    6. Più tutela dalla pubblicità camuffata

    Nel mondo che vorrei, la pubblicità (in particolare quella che fanno certi influencer) dovrebbe essere verificata più efficacemente e dovrebbe essere bandita (ma per davvero) per quei consumi ad alto tasso di criticità come il trading online, gioco d'azzardo, per non dire del fumo, anche quello "alternativo".

    Se non facciamo rispettare i divieti vigenti (in materia di gioco e tabacco) avremo responsabilità enormi per l'impatto che questi consumi avranno sulle giovani generazioni.


    7. Più tutela dalle speculazioni

    Non ho mai capito perché nel nostro sistema giuridico la vendita sottocosto sia limitata da vincoli molto stringenti, mentre non esiste nessun tetto a rincari e speculazioni.

    Ora, come dico sempre rispondendo a chi si lamenta sui social, i prezzi purtroppo (o per fortuna) sono liberi e non ho nessuna nostalgia di quando c'erano i «prezzi imposti», ma andrebbe definita come pratica commerciale scorretta quella di chi approfitta di particolari emergenze per alzare i costi per noi consumatori. Ad oggi, nessuno interviene quando i fornitori di beni o servizi aumentano i prezzi in modo abnorme. E non va per niente bene!


    8. Recesso gratuito per gli abbonamenti

    Nel mondo che vorrei, sogno che in caso di recesso anticipato non possa essere addebitato al consumatore alcun corrispettivo da pagare. A differenza di quello che accade oggi in Italia dove le penali che erano state abolite dal "decreto Bersani" sono nel frattempo rientrate dalla finestra. Penso in particolare a quanto accade nei rapporti con le compagnie telefoniche e per gli abbonamenti alle piattaforme di streaming video.


    9. Più diritti nel rapporto di garanzia

    Nel mondo che vorrei, il consumatore che acquista un prodotto dovrebbe essere realmente tutelato dal venditore facendo rispettare l'obbligo di riparare o sostituire in tempi brevi il prodotto. E in caso di sostituzione, il termine della garanzia dovrebbe ripartire da zero.


    10. Stop alle chiamate moleste dei call-center

    Nei miei sogni le telefonate dei call center si possono fermare, per sempre. Ma per farlo, bisogna avere il coraggio di privare di valore legale i contratti stipulati per telefono. Se un contratto stipulato per telefono non avesse alcuna validità, nessuno avrebbe più interesse a molestarci.

    È una proposta che mi addolora, non solo per i lavoratori onesti di quel settore, ma anche pensando che il teleselling potrebbe essere comodo per l'utente. Ma ormai si tratta di un’attività infestata da troppe scorrettezze. Che va arginata ad ogni costo!


    Confermo di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei miei dati personali al solo fine di rispondere alla mia richiesta*

    Confermo l'iscrizione alla newsletter di UNC per ricevere periodicamente informazioni relative a iniziative, attività e promozioni

    In caso appaia un messaggio di errore durante l'invio dei dati, potresti aver già firmato la petizione.
    Contattaci per verificarlo: scrivi un'Email a [email protected]