Viaggio nel mondo degli integratori alimentari

Il Ministero della Salute definisce integratori: “prodotti alimentari destinati a integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare ma non in via esclusiva aminoacidiacidi grassi essenzialifibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate”.

Gli integratori dunque non sono farmaci, non servono a curare malattie, ma a compensare eventuali carenze nutrizionali o supportare funzioni fisiologiche per favorire e mantenere il benessere dell’organismo. Gli integratori non possono e non devono mai sostituire una dieta variata nell’ambito di uno stile di vita sano.

GUARDA IL VIDEO “Gli integratori alimentari sono farmaci?” 

REGISTRAZIONE

L’immissione in commercio degli integratori alimentari è subordinata a una procedura di notifica da parte del Ministero della Salute. Le aziende produttrici devono seguire la legislazione europea, nazionale e le linee guida ministeriali che garantiscono la sicurezza del singolo integratore alle condizioni di uso previste. Gli effetti che possono essere rivendicati seguono il Regolamento europeo sui claims e le ulteriori disposizioni previste dal Ministero della Salute per probiotici e botanicals. A questo punto l’integratore può essere inserito nel Registro degli integratori consultabile sul sito del Ministero della Salute.

VENDITA

Gli integratori, in quanto alimenti, possono essere venduti in tutti i canali abilitati alla vendita di prodotti alimentari come farmacie, parafarmacie, erboristerie, distribuzione organizzata e vendita diretta e a distanza.

SICUREZZA

Le norme sugli integratori sono molto rigorose e tendono a garantire la massima sicurezza ai cittadini.

Il problema vero, però, è quello dell’illegalità. Esistono prodotti non registrati dal Ministero della Salute, che promettono risultati mirabolanti per dimagrire o aumentare prestazioni fisiche di diverso tipo. Va subito chiarito che, contrariamente a quanto si faccia credere, non si tratta di integratori, ma di prodotti contenenti farmaci (talvolta anche illegali) molto pericolosi come, ad esempio, anoressizzanti, ormoni anabolizzanti, stimolanti dell’erezione, ecc. Gli effetti collaterali di questi farmaci, se assunti senza nessun controllo medico, possono essere devastanti con danni irreversibili.

La distribuzione di questi prodotti avviene fuori dai canali legali e in particolare attraverso Internet, dove è veramente possibile trovare di tutto.

I NOSTRI CONSIGLI

Anche se gli integratori non richiedono una prescrizione medica, prima di utilizzarli chiedere consigli al medico o al farmacista.
Leggere attentamente le etichette (o i fogli illustrativi quando ci sono), rispettando sempre le dosi indicate.
Per l’acquisto utilizzare soltanto canali di vendita legali.
Diffidare di messaggi pubblicitari che promettono risultati miracolosi ed evitare assolutamente i prodotti non presenti nel Registro del Ministero della Salute.

Per saperne di più SCARICA LA GUIDA “L’uso corretto degli integratori”

Autore: Agostino Macrì in collaborazione con Integratori Italia – Unione Italiana Food
Data: 19 giugno 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Pasquale

Quello degli integratori sta diventando un fenomeno sociale. Si tratta di un business di dimensioni crescenti favorito da tutti i mezzi di comunicazione di massa. Hanno un prezzo anche superiore ai farmaci ma non ne viene ammessa la detrazione fiscale al contrario dei farmaci.Sarebbero necessari provvedimenti di carattere fiscale che ne consentano almeno la detrazione del 19% e un calmiere dei prezzi a tutela dei consumatori, specie delle classi più deboli. Perchè la vostra organizzazione non se ne occupa presso il Ministro della Salute? Grazie!


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2019 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma

Scarica l'ebook
"Prodotti difettosi"